Tentativi di riscrivere la dubbia storia del fondatore dei Caschi Bianchi, ma la verità è sotto gli occhi di tutti

Tentativi di riscrivere la dubbia storia del fondatore dei Caschi Bianchi, ma la verità è sotto gli occhi di tutti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Kit Klarenberg* - RT
 
Un articolo feticistico del Guardian cerca di riabilitare la vita e la morte dell'ex soldato britannico diventato "umanitario", ma non riesce a spiegare il suo stile di vita sfarzoso, la mancanza di denaro e tutte le altre irregolarità finanziarie.



La mattina dell'11 novembre 2019, James Le Mesurier, fondatore dei controversi Caschi Bianchi della Siria, è stato trovato morto a Istanbul. Da allora, l'establishment occidentale ha faticato a capire la storia dell'uomo, la sua storia professionale, il gruppo da lui fondato e come è morto. 

L'ultimo esempio di gestione della narrativa mediatica mainstream nel caso sempre misterioso è arrivato nel Guardian il 27 ottobre, sotto forma di un'agiografia di 6.000 parole di Le Mesurier, scritta dal suo veterano reporter mediorientale Martin Chulov.

Molti a questo punto conosceranno il ritratto idolatrico che dipinge il suo soggetto - un eroico umanitario impegnato in cause benevole che ha salvato vite indicibili, tragicamente spinto al suicidio da una "campagna di disinformazione condotta da funzionari russi e siriani e spacciata da blogger filo-assadisti, personaggi dei media di destra e anti-imperialisti autodescritti". Ciononostante, è la prima volta che una testata giornalistica britannica esplora, e tanto meno menziona, la significativa controversia che circonda i suoi rapporti finanziari.

Nel luglio di quest'anno, il quotidiano olandese De Volkskrant ha pubblicato una sua lunga lettura, rivelando in modo esplosivo come, tre giorni prima della sua morte, Le Mesurier abbia "confessato" via e-mail ai numerosi donatori internazionali dei Caschi Bianchi, che avevano finanziato il gruppo con centinaia di milioni di dollari nel corso degli anni, di aver commesso una frode. 

La rivelazione è stata sollecitata da una verifica interna da parte di un contabile olandese delle finanze del Mayday, la fondazione avviata da Le Mesurier per trovare, addestrare e sostenere i Caschi Bianchi. L'audit ha rilevato, tra l'altro, che egli stesso e sua moglie, l'operatrice di lunga data del Foreign & Commonwealth Office (FCO) del Regno Unito, Emma Winberg, pagavano stipendi "eccessivi" e integravano i totali con bonus in contanti ingiustificatamente elevati; che il suo impiego della moglie rappresentava un potenziale conflitto di interessi; e che egli poteva essere colpevole di evasione fiscale. 
 
Pur sostenendo che questo illecito non era intenzionale, Le Mesurier si è assunto la piena ed esclusiva responsabilità, e ha espresso il timore che ulteriori indagini potessero esporre altri "errori e fallimenti interni". 
 
Condotta monetaria scorretta
Roba dannosa, in effetti, ma le rivelazioni sismiche di De Volkskrant sono state curiosamente ignorate da tutti gli altri media occidentali fino ad oggi. L'articolo del Guardian tratta delle rivelazioni dannose, sia direttamente che indirettamente - Le Mesurier, che Chulov conosceva personalmente, e con il quale ha chiaramente mantenuto un'intensa affinità, è assolto da tutte le accuse. In effetti, si dice che il fondatore dei Caschi Bianchi si sia semplicemente "dipanato sotto il peso di affermazioni che si sarebbero poi rivelate false".

L'autore si sforza di inquadrare la "disinformazione" come fondamentale per la prematura scomparsa di Le Mesurier, in termini di causargli un immenso "stress", che lo ha portato a "disintegrarsi" mentalmente, danneggiando la sua reputazione e quella dei Caschi Bianchi agli occhi dell'opinione pubblica mondiale, e, a sua volta, alimentando nei paesi donatori erronei sospetti che lui e la sua azienda fossero impegnati in varie attività improprie.

La questione di come un veterano militare indurito dalla battaglia possa essere così in maniera deleterea influenzato mentalmente ed emotivamente da "attacchi alla televisione e ai social media russi", in particolare se fossero del tutto privi di sostanza, viene smascherata e senza risposta.

Non c'è dubbio che Le Mesurier non fosse in buone condizioni durante le sue ultime settimane. È stato ampiamente riferito che prendeva sonniferi e psicofarmaci. Meno ben amplificati sono stati i notiziari turchi che affermavano che lui e sua moglie avevano "litigato violentemente" mentre cenavano insieme il giorno prima della sua morte.

Chulov sostiene che "un Le Mesurier angosciato" ha detto agli amici poco prima di morire che le affermazioni sulla scorretta condotta monetaria del Mayday "sembravano venire dal nulla". In realtà, le domande sullo scopo a cui sono state destinate le ingenti somme donate all'azienda, e dove sono finite tutte alla fine, sono circolate a lungo.

Mentre il suo articolo afferma che i Paesi donatori hanno mantenuto il loro sostegno ai Caschi Bianchi "nonostante la disinformazione che circonda il lavoro del gruppo", questo non è vero. Nel settembre 2018, il governo olandese ha terminato il suo sostegno, dopo che un rapporto del Ministero degli Affari Esteri ha sottolineato le gravi preoccupazioni sulle pratiche finanziarie di Mayday, tra cui la quasi totale mancanza di controllo e persino la consapevolezza di come i suoi soldi siano entrati in Siria, e precisamente delle tasche di cui alla fine si sono foderati. 

Tuttavia, Chulov si sente fiducioso nel respingere qualsiasi suggerimento di appropriazione indebita, perché è in possesso di un rapporto dei revisori legali Grant Thornton, condotto su richiesta dei donatori di Mayday, che ha concluso che non c'era "alcuna prova di appropriazione indebita di fondi" da parte di Le Mesurier e Winberg.
Tranne che non lo è, perché non è stato reso pubblico, su espressa richiesta dei donatori. Egli si affida invece alle affermazioni di una "fonte anonima" senza nome che conosce il rapporto - che potrebbe essere, ovviamente, la stessa Winberg.
 
Stipendi eccessivi più bonus

E' chiaro che la relazione di Grant Thornton non è un certificato di buona salute non legato - i revisori hanno trovato "significative lacune nell'organizzazione amministrativa e nell'ambiente di controllo interno del Mayday" e "hanno identificato transazioni di cassa significative che non sono state (completamente) registrate nei libri contabili e/o nel libro mastro".
Inoltre, a causa dell'ambiente di lavoro "informale" di Mayday, molte discussioni chiave si sono svolte "oralmente e su WhatsApp", il che significa che i revisori contabili "hanno dovuto ricostruire una serie di eventi finanziari e non sono in grado di fornire certezza in quei casi".

Chulov è pronto a liquidare il significato di queste mancanze come niente di più che una contabilità "scadente", sostenendo che "i revisori non hanno trovato nulla a sostegno delle accuse molto più gravi fatte" contro Le Mesurier - nonostante apparentemente non abbia effettivamente letto il rapporto in prima persona.

Allo stesso modo, egli ammette che gli stipendi dei dirigenti di Mayday erano stati "superiori agli standard dell'industria", anche se la sua fonte anonima che conosce il rapporto è a disposizione per rassicurarlo, e i lettori, "non erano fuori scala". Nel 2017, Le Mesurier ha informato il Ministero degli Affari Esteri olandese che si stava pagando uno stipendio di 24.000 euro al mese, prima dei bonus - diversi ordini di grandezza superiori al tetto salariale designato presso altre imprese olandesi finanziate dal governo. E molto di più dei 150 dollari al giorno che i soccorritori del Casco Bianco sul campo ricevevano.

I riferimenti a Le Mesurier che ha fondato tre società distinte denominate "Mayday Rescue" - Mayday Rescue FZ-LLC a Dubai, Mayday Search and Rescue Training and Consultancy Services Ltd in Turchia e Stichting Mayday Rescue Foundation nei Paesi Bassi - sono prevedibilmente assenti dall'articolo del Guardian.

I conti non sono disponibili al pubblico per nessuno di essi - l'entità olandese, pur non essendo registrata come organizzazione caritatevole, si caratterizza per essere "senza scopo di lucro", quindi non deve assolutamente presentare conti. Le "stichtings" o fondazioni olandesi sono apertamente pubblicizzate dagli studi legali olandesi come il modo ideale per le persone fisiche e le società facoltose per ridurre al minimo gli oneri fiscali e distribuire fondi a livello internazionale.

La società ha comunque rispettato i requisiti di governance e trasparenza, nominando un segretario e un tesoriere. In quanto tale, il governo britannico potrebbe plausibilmente affermare che Mayday Rescue, a cui Londra ha incanalato 43 milioni di sterline tra il 2015 e il 2018, era, per quanto a sua conoscenza, pienamente al di sopra delle sue competenze.
 
Paradisi fiscali e ragnatele aggrovigliate

A parte il fatto che i 43 milioni di sterline sono andati in realtà a Mayday Rescue FZ-LLC a Dubai - cosa che l'FCO ha ammesso solo a malincuore nel marzo 2019, in risposta a una richiesta di libertà d'informazione, dopo aver fatto un gran passo indietro e averlo offuscato.
Dubai è un famigerato paradiso fiscale, e le FZ-LLC - Free Zone Limited Liability Companies - non sono soggette ad alcuna tassa sui dividendi, quindi possono essere utilizzate per rimpatriare facilmente e in modo opaco i profitti. Le entità sono tenute a tenere registrazioni contabili, che possono essere ispezionate dalle autorità, ma non sono tenute a presentare conti di alcun tipo.

Può essere significativo che uno dei tre direttori della Stichting Mayday Rescue Foundation, insieme a Le Mesurier e Winberg, sia stato un veterano dell'esercito britannico, Rupert Davis, che nell'aprile 2016 ha fondato la società Chameleon Global. Sciolta nell'ottobre 2020, è stata classificata come dormiente - cioè non operativa - per tutta la durata della sua esistenza. Le Mesurier ha fondato anche altre società, con legami indeterminati con le sue assortite entità Mayday. Ad esempio, nell'aprile 2017 ha fondato Sisu Global BV nei Paesi Bassi. Non ha mai depositato conti, in violazione della legge olandese. Le Mesurier si è dimesso nel novembre 2018, ma a quanto pare Winberg rimane amministratore.

Nel gennaio 2019, Le Mesurier ha registrato My Zahara Limited come società dormiente nel nord dell'Inghilterra, presso un indirizzo appartenente a un agente di costituzione di società specializzato, tra l'altro, nel rispetto delle norme antiriciclaggio, suggerendo l'intenzione di utilizzare la società per rimpatriare il denaro dalle sue società estere.

Davis è stato inoltre, fino all'aprile 2019, collegato a Sisu Global BV, una società olandese fondata da Le Mesurier nell'aprile 2017. Non ha mai depositato conti, in violazione della legge olandese. Lo stesso Le Mesurier si è dimesso da essa nel novembre 2018. Winberg, a quanto pare, rimane amministratore.

Chulov inoltre, sempre prevedibilmente, respinge come "disinformazione" le accuse secondo cui i Caschi bianchi sarebbero stati "creati da governi determinati a rimuovere Assad dal potere"; che Le Mesurier era "un agente dell'intelligence occidentale, che usava un'organizzazione di salvataggio come cavallo di Troia per il cambio di regime"; e che l'organizzazione era in qualche modo affiliata a gruppi estremisti violenti.

Ciò che è di dominio pubblico, tuttavia, è che i Caschi Bianchi sono stati finanziati dagli stessi governi dichiaratamente impegnati a "cambiare il regime" in Siria con mezzi occulti e palesi; che la storia professionale di Le Mesurier ha incluso incantesimi come agente dell'intelligence militare; e che il gruppo ha collaborato apertamente con il Fronte Al-Nusra, tra gli altri elementi jihadisti, e si è impegnato in attività violente.

In un discorso del giugno 2015 sulla sua fondazione dei Caschi Bianchi, Le Mesurier ha citato uno studio di un'agenzia di ricerche di mercato che ha scoperto che, in ambienti fragili, le forze di sicurezza raccolgono bassi livelli di fiducia pubblica, mentre i primi soccorritori hanno i più alti come fattore chiave di motivazione nella sua decisione di istituire un "gruppo di aiuto umanitario".
 
Milioni di milioni per la propaganda

Che l'immagine benevola dei Caschi Bianchi sia stata costruita con molta cura e promossa da un governo che cercava di ottenere un "cambio di regime" è ampiamente sottolineato dai documenti della FCO trapelati dal collettivo di hacker Anonymous.

I documenti rivelano che ARK, un'azienda fondata dal veterano di FCO Alistair Harris, dove Le Mesurier ha lavorato tra il 2011 e il 2014, ha svolto un ruolo fondamentale nella promozione dei Caschi Bianchi, sviluppando "una campagna di comunicazione a livello internazionale per aumentare la consapevolezza globale" del gruppo per "tenere la Siria al centro dell'attenzione". 
Lungo il percorso, ARK, tra le altre iniziative, ha prodotto un documentario sui Caschi Bianchi e ha gestito i suoi vari social media, tra cui la pagina Facebook del Consiglio Comunale di Idlib, un tempo presentato come potenziale governo ad interim per sostituire Bashar al Assad. Quando Al-Nusra ha preso la città, i Caschi Bianchi sono stati filmati mentre celebravano la "vittoria" con i combattenti del gruppo nella sua piazza principale.

L'ARK ha guadagnato milioni di sterline da questi e da altri sforzi di guerra dell'informazione. La stessa tranche di file illeciti rivela anche che InCoStrat, fondata nientemeno che da Emma Winberg, ha anche raccolto grandi ricchezze per aver manipolato le percezioni del pubblico sulla Siria, all'interno e all'esterno del Paese. In un file, l'azienda si vantava di "dare di nascosto l'avvio ad eventi per creare effetto mediatico" e di "usare i media per creare eventi". 

Un esempio della precedente strategia ha visto l'InCoStrat produrre moneta siriana in tre denominazioni, implorando i siriani di "stare dalla parte giusta della storia". L'intento era quello di assicurare che l'opinione internazionale rimanesse schierata contro Assad, in un momento in cui "l'attenzione dei media si è spostata quasi esclusivamente verso l'ISIS e alcune voci influenti chiedono la cooperazione con il regime siriano per combattere l'ISIS".

Il file dice: "Le note devono essere contrabbandate in parti della Siria tenute dal regime una volta che l'autorizzazione formale è stata autorizzata dai funzionari della HMG ... Coinvolgeremo i media internazionali per creare una storia intorno all'evento ... Il messaggio al regime [è] segreto, ma la resistenza attiva continua".

Un altro documento indica che l'InCoStrat di Winberg ha anche istituito Basma - "una piattaforma mediatica che fornisce storie di interesse umano e campagne a sostegno degli obiettivi politici del governo britannico" - e si è impegnata in operazioni di propaganda sulla scia dell'invasione dell'Iraq del 2003, addestrando e mantenendo una rete di giornalisti che sono stati "strumentali nel riportare gli eventi a Basra".

Per quanto riguarda la propaganda, si prevede che gli sforzi per la riabilitazione di Le Mesurier continueranno in futuro.

A partire dal 9 novembre, la BBC trasmetterà un documentario radiofonico in 15 parti sul Mayday Rescue. Durante l'estate, Chloe Hadjimatheou, reporter del progetto, si è rivolta ad alcuni giornalisti e ricercatori che avevano sollevato pubblicamente domande sui Caschi Bianchi, chiedendo se volevano contribuire al programma.

Diverse delle persone interessate hanno successivamente pubblicato la loro corrispondenza con Hadjimatheou, dimostrando che l'agenda e gli obiettivi del programma non potrebbero essere più evidenti.

Ciò che è chiaro è che qualsiasi suggerimento che Le Mesurier fosse un agente dei servizi segreti britannici che tentava di favorire di nascosto un cambiamento di regime in Siria, o che i Caschi Bianchi non fossero un'organizzazione umanitaria del tutto benevola e indipendente, sarà cancellato, e tutte le voci critiche del gruppo saranno sputtanate come agenti spirituali o inconsapevoli dei governi russo e siriano.
 
*Giornalista investigativo che studia il ruolo dei servizi segreti. Account Twitter @KitKlarenberg


(Traduzione per l’AntiDiplomatico di Nora Hoppe)
 
 

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti