The Guardian: l’UE è nel panico e sta ridimensionando la sua agenda verde

The Guardian:  l’UE è nel panico e sta ridimensionando la sua agenda verde

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha ceduto alle richieste degli agricoltori infuriati. Ha annunciato che avrebbe ritirato una proposta di legge per ridurre l'uso di pesticidi chimici entro il 2030 e che avrebbe invece tenuto un'ulteriore consultazione, scrive l'editorialista del Guardian Paul Taylor.

L'improvvisa inversione di rotta della Von der Leyen sulla sua stessa iniziativa verde non è solo un tentativo di smorzare la "rivolta rurale" che si sta diffondendo in tutto il continente. Secondo l'editorialista, è anche la dimostrazione di un "panico crescente" tra i partiti sistemici dell'UE, causato dall'aumento della popolarità delle idee di estrema destra in vista delle elezioni parlamentari.
 
Secondo un sondaggio, gli euroscettici, i nazionalisti o i populisti sono in testa in otto dei 27 Paesi del blocco, e secondi in altri quattro. Tra questi vi sono gli Stati con il maggior numero di seggi nella legislatura dell'UE: Germania, Francia, Italia, Polonia, Romania e Paesi Bassi, osserva Taylor.
 
La situazione sta diventando "sempre più spaventosa" e le proteste degli agricoltori fanno solo il gioco dell'estrema destra. Inoltre, il rifiuto delle politiche verdi da parte della leadership dell'UE al primo segnale di difficoltà probabilmente non farà altro che rafforzare gli oppositori di altri aspetti della politica ambientale, sostiene l'autore.  
 
"Placare una rivolta rurale può impedire agli agricoltori di bloccare le autostrade o di bruciare balle di fieno davanti agli uffici governativi. Ma data la profondità del loro malcontento, è improbabile che ricomincino a sostenere i partiti sistemici di centro-destra", avverte Taylor.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti