TTIP, Manifestazione a Roma sabato 7 maggio. Se non partecipi, il tuo futuro lo decidono Renzi e Obama

TTIP, Manifestazione a Roma sabato 7 maggio. Se non partecipi, il tuo futuro lo decidono Renzi e Obama

L'AntiDiplomatico intervista Monico di Sisto, tra le organizzatrici della manifestazione. "l'Italia dia un segnale chiaro e forte contro l'invasione del Trattato Transoceanico che colonizzerà definitivamente l'Europa".

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Agata Iacono.

Con il famigerato TTIP a rischio non ci sono solo le regole europee su salute e ambiente, decisamente più sviluppate di quelle degli Stati Uniti, in gioco c'è la democrazia, gli ultimi diritti e le ultime prerogative costituzionali ancora in vigore nei paesi europei. Le negoziazioni, che hanno concluso il 12° round, avvengono nella massima segretezza e i pochi parlamentari che hanno avuto accesso ad alcune parti dei documenti a livello europeo o nazionale hanno denunciato di essere stati trattati come criminali oppure che il trattato "sa di totalitarismo". 
 
“Il 7 maggio è fondamentale partecipare alla manifestazione nazionale StopTTIP a Roma, per vari motivi. Questo Governo è il più schifoso in senso assoluto nel panorama europeo, perché Renzi e il ministro dell'agricoltura Martina non stanno facendo nulla per difendere l'economia italiana e i cittadini”. Lo ha dichiarato all'AntiDiplomatico Monica Di Sisto, tra le organizzatrici della manifestazione di Roma di domani contro la “Nato economica”. 
 
Obama ha recentemente sollecitato una rapida firma dell’accordo ad Hannover. La società civile, quella che ad esempio ha promosso e vinto un referendum in Olanda contro l'accordo di associazione con l'Ucraina, ha dimostrato che il TTIP non lo vuole ed inizia a ribellarsi. “È importante che, dopo Hannover, anche l'Italia dia un segnale chiaro e forte contro l'invasione del Trattato Transoceanico che colonizzerà definitivamente l'Europa. È importante che in piazza scenda il Paese reale, i lavoratori, i piccoli e medi produttori, i sindacati, le associazioni, a fianco dei sindaci e di tutti i rappresentati degli Enti locali”, ha proseguito. 
 
E' il momento di partecipare, è il momento che anche il nostro Paese mandi un messaggio chiaro contro un trattato preteso dalle corporazioni (e quindi da Renzi) contro i diritti, le costituzioni e il lavoro. “Ieri, giovedì 5 maggio, il m5s ha tenuto una conferenza stampa, rilevando la gravità del ttip e ribadendo l'adesione alla manifestazione nazionale, sponsorizzandola. La manifestazione è anche un messaggio al Consiglio Europeo, che si terrà il 13 maggio per discutere Ceta, prova generale del TTIP”, ha tenuto a sottolineare in conclusione.

QUI PER TUTTE LE INFO SULLA MANIFESTAZIONE DI DOMANI

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti