Ultimatum di Mosca: «Senza garanzie sicurezza dalla NATO, ci sarà risposta militare»

Ultimatum di Mosca: «Senza garanzie sicurezza dalla NATO, ci sarà risposta militare»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dalla Russia lamentano i comportamenti di NATO e Stati Uniti come atteggiamenti pericolosi per la pace e la stabilità. Il viceministro degli Esteri di Mosca, Sergei Ryabkov, ha avvertito del rischio di nuovi scontri dovuti alla mancanza di ogni garanzia di sicurezza per la Federazione Russa da parte della NATO. 

Ryabkov ritiene che la mancanza di dialogo diplomatico potrebbe portare a risposte militari. Il diplomatico ha anche affermato che Mosca non si fida delle assicurazioni dell'Alleanza Nord Atlantica secondo cui non ci sono piani per schierare attrezzature militari nei pressi dei confini della Russia.

«Ci sarà uno scontro, questo sarà il prossimo passo. Ora non c’è stato, abbiamo una moratoria unilaterale, chiediamo che a questa moratoria si uniscano NATO e Stati Uniti», ha affermato il diplomatico in un’intervista concessa all’agenzia RIA Novosti

«La mancanza di progressi verso una soluzione politico-diplomatica a questo problema porterà al fatto che la nostra risposta sarà militare e tecnico-militare», ha poi aggiunto. 

In precedenza, Sergei Ryabkov aveva affermato che l'espansione dell'Alleanza Atlantica non può avvenire a scapito della sicurezza di altri paesi. Un'ulteriore espansione della NATO, evidenziava Ryabkov, porterà a terribili conseguenze per l'alleanza. Il viceministro degli Esteri ha osservato che la libertà di aderire alle alleanze non può essere assoluta, mentre la politica della Nato è in netta contraddizione con questo postulato. Secondo il viceministro degli Esteri, la Russia continuerà a prestare attenzione all'impossibilità di "combinare” le due cose.

Riguardo la tensione intorno all'Ucraina, l'alto diplomatico ha spiegato che “questo è soprattutto il progetto geopolitico di Washington, un tentativo di allargare la sfera della propria influenza, ampliando i propri strumenti per rafforzare le proprie posizioni che, secondo le aspirazioni statunitensi, aiuteranno per il dominio in questa regione del mondo. Questo è, naturalmente, un metodo per crearci difficoltà, intaccando la nostra sicurezza. Lo diciamo apertamente: abbiamo delle linee rosse che non permetteremo a nessuno di attraversare; abbiamo un requisito molto chiaro: penso che tutti abbiano sentito il segnale del presidente russo secondo cui Mosca ha bisogno di garanzie legali estremamente affidabili per la sua sicurezza".

L’alleanza Atlantica intanto continua ad avanzare verso Est, nonostante non ci siano argomenti validi a sostegno di questo allargamento. Spiega Ryabkov: “Non ci sono argomenti. Inoltre, stanno tentando di negare la legittimità della domanda sul perché la NATO dovrebbe spostarsi verso est. Negano la possibilità di discutere questo argomento in linea di principio. Tuttavia, questo è un errore che potrebbe portare all'indebolimento della loro stessa sicurezza", ha ammonito l'alto diplomatico.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...