Variante Delta e vaccino Pfizer. Arriva l'ammissione da Israele

Variante Delta e vaccino Pfizer. Arriva l'ammissione da Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Israele è il paese al mondo con il più alto tasso di popolazione completamente vaccinata. Eppure anche lì la cosiddetta variante delta continua a far crescere i contagi. Questo perché sarebbe capace di ‘bucare’ i sieri. Anche quello sviluppato da Pfizer largamente utilizzato in Israele. 

L'efficacia del vaccino Pfizer contro la variante Delta è "più debole" di quanto sperassero i funzionari sanitari, ha affermato a tal proposito il primo ministro Naftali Bennett, come riporta il quotidiano Jerusalem Post. 

"Non sappiamo esattamente fino a che punto il vaccino aiuti, ma è significativamente inferiore", ha detto Bennett.

Il primo ministro ha tenuto una riunione con i massimi funzionari sanitari e il ministro per i prossimi passi per la gestione del virus alla luce dei numeri in Israele e di quella che Bennett ha descritto come "la mutazione Delta che fa un balzo in avanti in tutto il mondo, anche in paesi vaccinati come la Gran Bretagna, Israele e Stati Uniti”. 

Ha poi aggiunto che “in Gran Bretagna, negli ultimi giorni, abbiamo assistito a un aumento del numero di bambini che vengono ricoverati in ospedale su base giornaliera. Questo è uno sviluppo di cui siamo consapevoli; lo stiamo affrontando in modo razionale e responsabile”.

I contagi salgono ma la situazione sembra meno grave: Dei contagiati, 52 erano in gravi condizioni, due in meno rispetto al giorno prima. Una settimana prima erano 41. Ad aprile, con circa 5.900 casi attivi, un numero simile a quello attuale, più di 340 pazienti erano in gravi condizioni.

La probabile spiegazione è che tra gli attuali portatori di virus, circa 2.000 sono scolari e metà di loro sono stati completamente vaccinati, afferma il quotidiano israeliano. 

Il primo ministro israeliano Bennet vuole puntare sui test test rapidi, che vuole rendere accessibili a tutti per consentire alla vita di andare avanti durante la pandemia.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica di Antonio Di Siena Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica

Euro e Unione Europea. Draghi passa alla devozione mistica

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti