Venezuela, prove generali di colpo di stato. Elicottero rubato lancia granate contro Ministero degli Interni e Tribunale supremo

Venezuela, prove generali di colpo di stato. Elicottero rubato lancia granate contro Ministero degli Interni e Tribunale supremo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


In Venezuela, un elicottero della polizia investigativa, penale e criminale è stato rubato martedì notte ed è stato utilizzato per attaccare con lancio di granate l'edificio della Corte suprema e del Ministero degli Interni. Lo riportano fonti ufficiali venezuelane. Lo riporta Telesur. 



L'edificio del Tribunale supremo venezuelano si trova nel nord di Caracas ed è stato messo in sicurezza dopo che la guardia nazionale ha respinto l'attacco, iniziato alle cinque di pomeriggio ore locali.


 

Dall'elicottero che lanciava l'attacco era visibile uno striscione con scritto "350 Libertad," in riferimento all'articolo 350 della Costituzione bolivariana che le forze della destra del paese stanno cercando di invocare per fermare l'Assemblea Nazionale costituente. 
 


Il ministero della comunicazione  e dell'Informazione, Ernesto Villegas, in una conferenza stampa nella notte italiana, ha denunciato come l'attacco armato sia stato portato avanti da un uomo identificato in Oscar Alberto Perez. L'uomo ha prima sparato 15 volte contro il Ministero degli interni, dove 80 persone erano ancora al lavoro. Poi si è diretto verso il Tribunale Supremo, dove ha lanciato quattro granate, mentre era in corso ancora una sessione della Corte Costituzionale. Secondo quanto riferito da Villegas, Perez era un ispettore della CICPC ed è decollato dalla base aerea de La Carlota a Caracas dopo aver rubato l'elicottero. 

Villegas ha ribadito che "questi attacchi non impediranno l'inizio della Costituente prevista per il 30 luglio".

Nonostante l'allarme e le speculazione sulle reti sociali, la situazione a Caracas dopo gli attacchi è calma e tranquilla.
 


Il Presidente Nicolas Maduro ha dichiarato che grazie al pronto intervento delle forze di sicurezza del paese contro il colpo di stato in atto, molte ite umane di civili sono state salvate dagli attacchi contro il Ministero degli Interni e il Tribunale supremo. "La difesa dell'intero spazio aereo è stato immediatamente attivato per garantire il diritto al popolo alla pace contro un attacco armato", ha aggiunto.

"Condanno quest'attacco terrorista e chiedo alla MUD di fare lo stesso", ha aggiunto. La MUD, la coalizione di destra che raggruppa le principali sigle d'opposizione e principale responsabile di due mesi di terrorismo e violenze nel paese, sfociate nel tentativo di colpo di stato di questa notte con un elicottero rubato che ha lanciato granate contro Ministero degli Interni e Corte costituzionale. 


"Stiamo per catturare gli autori di questo atto di terrorismo", ha dichiarato Maduro, indicando come il terrorista responsabile fosse il pilota di Miguel Rodriguez Torres, l'ex ministro degli interni già sotto investigazine nel paese per legami diretti con la DEA e la CIA. Torres ha ammesso recentemente il fatto ma ha sostenuto che fosse per espressa volontà del Comandante Hugo Chavez.

Pérez, nelle sue reti sociali, ha rivendicato l'atto di terrorismo con un messaggio in cui chiede la rinuncia del presidente e la convocazione di elezioni generiale. "in questo giorno stiamo realizzando un attacco aereo-terrestre con l'unico scopo di devolvere il potere al popolo democratico", si legge in un comunicato rilasciato poco prima dell'attentato terrorista contro le istituzioni dello Stato.

Al momento non sono riportate vittime.

Il presidente del Tribunale Supremo venezuelano Moreno ha annunciato che un comunicato verrà rilasciato nella giornata di oggi. 

 

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti