Venezuela: sventato nuovo attentato contro Maduro

Venezuela: sventato nuovo attentato contro Maduro

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal Venezuela arrivano notizie di un nuovo tentativo di attentato ai danni del presidente Nicolas Maduro. Il capo del governo di Caracas, Nahum Fernández, ha denunciato l'arresto di 3 persone con esplosivi infiltrati nella mobilitazione che accompagnava l presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, per presentare la sua candidatura al Consiglio Elettorale Nazionale (CNE).

Fernández ha denunciato ai media presenti dell’avvenuto arresto di 3 uomini che avevano pianificato di sabotare e provocare violenza nella mobilitazione che si sta svolgendo nella città di Caracas. Ha inoltre spiegato che uno dei soggetti si trovava in Plaza Diego Ibarra, dove terminava la concentrazione. L'altro era in Avenida Bolívar e l'ultimo era nel corteo partito dalla sede di Cantv.

Il vicepresidente della Mobilitazione e degli Eventi del Partito del Socialismo Unito del Venezuela ha indicato che a uno dei soggetti è stato sequestrato un ordigno che aveva preparato per lanciarlo contro il presidente.

Fernández ha indicato nella destra venezuelana i mandanti di questo tentativo di attentato contro il presidente Maduro. “Lo denunciamo dinanzi al mondo intero. Sono quelli di destra che non hanno popolo, non hanno voto e sanno che perderanno", queste le parole di denuncia pronunciate da Nahum Fernández.

In questo senso, ha avvertito che, nonostante quanto accaduto, il Venezuela non si incamminerà sulla strada della violenza "perché il nostro messaggio è la pace".

Tuttavia, ha chiesto che gli organi di giustizia arrestino i responsabili e gli autori intellettuali di questa nuova strategia contro il presidente Maduro.

Il procuratore generale rivela i dettagli

Il procuratore generale del Venezuela, Tarek William Saab, ha fornito i dettagli della cattura delle persone che hanno tentato di aggredire il presidente del paese sudamericano, Nicolás Maduro, durante la manifestazione in occasione della registrazione della sua candidatura davanti al Consiglio Elettorale Nazionale (CNE).

Il funzionario ha spiegato che i fatti sono avvenuti nei dintorni di Plaza Diego Ibarra, a pochi metri dalla sede del CNE e dove era installata una piattaforma sulla quale Maduro avrebbe parlato.

I detenuti, che si trovavano a soli 20 metri dal palco presidenziale, sono stati identificati come Jerry Argenis Ostos Perdomo e Carlos Eduardo Castillo, i quali, secondo Saab, hanno affermato di essere attivi nell'organizzazione Vente Venezuela (VV), fondata dall’esponente inabilitata dell’opposizione María Corina Machado.

I fatti

Alle 11:30 del mattino [ora locale] è stata osservata una folla di persone agitate, che indicavano un cittadino che si trovava sul posto e che presumibilmente portava con sè un'arma da fuoco, così come uno striscione, ha indicato Saab.

Questo ha portato le forze di sicurezza ad avvicinarsi al soggetto. Si trattava di Ostos, che è stato trovato in possesso di un'arma da fuoco di calibro 9 millimetri e di un caricatore da 9 mm con una capacità di 15 munizioni.

Saab ha affermato che pochi minuti dopo è stato individuato il suo compagno. Castillo è stato trovato con un'arma da fuoco calibro 7,65 mm e un caricatore con una capacità di 8 colpi.

"Durante l'interrogatorio, entrambi hanno affermato di essere attivisti politici dell'organizzazione Vente Venezuela, che, come possiamo vedere, è ancora una volta legata a tentativi di generare violenza e attentare all'integrità del Presidente della Repubblica", ha evidenziato il procuratore.

Nelle prossime ore, entrambi i detenuti saranno portati davanti a un tribunale. In precedenza, attraverso il suo account su X, Saab aveva annunciato che entrambi saranno accusati dei reati di "terrorismo, associazione, tentato omicidio, incitamento all'odio e porto illegale di armi da fuoco in luoghi proibiti".

Il funzionario ha indicato che, nell'ambito delle indagini, sono state effettuate diverse perquisizioni da lunedì sera.

Saab ha ricordato che questo caso si aggiunge a una serie di casi simili che sono stati scoperti e le persone coinvolte perseguite.

Sabato scorso, il governo bolivariano ha reso noto che tra il 2023 e il 2024 le autorità venezuelane sono effettivamente riuscite a disattivare "ben sette cospirazioni".

Secondo una dichiarazione condivisa dal ministro degli Esteri venezuelano Yván Gil, questi attentati avevano lo scopo di "attaccare installazioni militari, attentare alla vita dei vertici della Rivoluzione Bolivariana, generare violenza nelle attività politiche e disturbare la pace nazionale".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti