Verso un governo "liberal-europeista" in Polonia? Gli scenari possibili

Verso un governo "liberal-europeista" in Polonia? Gli scenari possibili

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Fabrizio Poggi per l'AntiDiplomatico 

 

Intervenendo al congresso di Solidarnosc, il presidente polacco Andrzej Duda ha detto, tra le altre cose, che «la Polonia ha di nuovo mostrato come si sia radicata qui da noi la democrazia. Ricordiamo bene che prima del 1989 solo i maiali si recassero alle urne. Le persone che conoscevano la situazione, comprendevano quale farsa rappresentassero le elezioni comuniste e quindi non vi partecipavano».

Ormai da più di trent'anni le élite polacche dipingono la Repubblica popolare come un periodo di “non libertà”, di “occupazione sovietica”, plaudendo di contro all'abbattimento dei memoriali ai soldati sovietici caduti per la liberazione della Polonia, al divieto di “propaganda del regime comunista”. Ora si aggiunge l'epiteto attribuito da Duda a tutti coloro che partecipavano alle elezioni  nella Repubblica popolare, fino alle ultime tenutesi nel 1985. Lui, per ragioni anagrafiche, non può definirsi “maiale”; a differenza di suo padre e sua madre, accademici, cresciuti e affermatisi sotto il “dominio dei maiali”.

Ma cosa c'è dietro la contumelia del “presidente”, pronunciata per di più nel momento in cui Varsavia è alle prese con la formazione di un nuovo governo, dopo il voto del 15 ottobre? Di certo, c'è la ricerca del consenso delle formazioni che stanno ancora più a destra di “Diritto e Giustizia” (PiS) di Jaroslaw Kaczynski, partito dello stesso Duda che, pur avendo ottenuto il più alto numero di voti, si trova però in minoranza nel parlamento, surclassato dall'alleanza liberal-“europeista” di “Piattaforma civica” di Donald Tusk, centrodestra di “Terza via” e socialdemocratici di “Nuova sinistra”: una coalizione che pare abbia beneficiato della inconsueta affluenza di oltre il 74% degli elettori.

Al momento, comunque, difficile escludere una qualsiasi combinazione di alleanze, comprese quelle che potrebbero vedere la “Sinistra” a braccetto di PiS. D'altronde, se si escludono gli ultra-destri” di “Confederazione” (dati per “filo-russi”; ma, semmai, piuttosto anti-ucraini) basta guardare ai programmi delle diverse formazioni in campo militare, che non si differenziano per quanto riguarda assoluta fedeltà alla NATO, voglia di basi americane stanziate in permanenza, sogno di una disfatta strategica russa e pieno sostegno all'Ucraina nazigolpista.

Proprio riguardo all'ultimo punto, una critica a Kiev arriva dall'ufficiale Rzeczpospolita, che imputa a Vladimir Zelenskij «tre errori fondamentali», considerato che per il “conflitto” commerciale con Varsavia, gli ucraini «hanno scelto né il momento, né il luogo, né gli argomenti migliori». A proposito della denuncia ucraina per l'embargo polacco sul grano, presentata al OMC senza attendere le elezioni polacche del 15 ottobre, secondo il quotidiano Kiev sarebbe entrata consapevolmente a gamba tesa nella campagna elettorale polacca e questo «è stato il primo errore di Zelenskij», che avrebbe potuto «aspettare con calma qualche settimana», perché per gli ucraini è «molto più vantaggioso» che Varsavia pensi a «come contrapporsi alla Russia, che non a come bloccare l'importazione di grano» ucraino. In altre parole, Rzeczpospolita rimprovera a Kiev di aver danneggiato, con la disputa cerealicola, quei politici polacchi che puntavano all'appoggio dell'elettorato più disposto a sostenere l'Ucraina. Il carattere «assurdo delle autorità ucraine ha invece aggiunto popolarità alla destra e ha indotto PiS a ricordarsi degli interessi nazionali polacchi». Il secondo errore Zelenskij l'ha commesso quando all'ONU ha imputato Varsavia di fare il gioco di Mosca.

Il terzo errore è stato la premiazione a Lublino, subito dopo l'annullamento dell'incontro con Duda a New York, di Bianka Zalewska (a suo tempo “famosa” per i reportage dal Donbass a bordo di un tank dei nazisti di “Ajdar” e nel 2014 sospettata di essere in realtà una cecchino filo-nazista), del canale di opposizione TVN. Candidata ideale per l'assegnazione del premio, dal punto di vista dell'Ucraina, commenta Rzeczpospolita, ma non altrettanto per i polacchi, infuriati perché Zelenskij non si sia consultato con Varsavia sui nomi da premiare. «E perché mai avrebbe dovuto consultarsi coi polacchi? Dopotutto gli USA avevano premiato Zalewska col International Woman of Courage; dunque, Zelenskij si è probabilmente consultato con gli americani».

Ma, al di là degli errori rinfacciati a Kiev, pare che i pan polacchi temano che, alla fin fine, la Polonia possa trovarsi fuori dai giochi quando, prima o poi, si discuterà della “ricostruzione” dell'Ucraina e della spartizione dei suoi territori.

Intanto, Varsavia è alle prese con la formazione del nuovo governo. Duda comincerà le consultazioni la prossima settimana, ma è opinione comune che in nessun modo PiS, a dispetto dei timori di Rzeczpospolita, riuscirà a formare il nuovo governo. Per ora, il vice-leader di Piattaforma civica e Sindaco di Varsavia Rafal Trzaskowski ha confermato che il partito indicherà Donald Tusk quale candidato a primo ministro. E in questo non c'è alcuna novità.

Il tanto atteso – a Bruxelles e dintorni – rientro di Varsavia nella “famiglia europeista”, con il probabile insediamento dell'ex primo ministro ed ex presidente del Consiglio europeo, in politica interna potrebbe portare a smussare sia le punte più sanfediste del decennale governo PiS, sia alcuni ricorrenti “attriti” con Bruxelles per leggi particolarmente oscurantiste.

In politica estera, confermato il comune (escludendo forse “Confederazione”) astio anti-russo, qualche novità sono attese nei rapporti con l'ovest d'Europa.

È di questa opinione, ad esempio, Aleksandra Rybinska, presidente del Fondo di cooperazione polacco-tedesco, la quale ha dichiarato a Polskie Radio che proprio sui fronti di Bruxelles e Berlino si attendono i maggiori cambiamenti di linea governativa e, nello specifico, Varsavia andrà verso aperte concessioni a UE e Germania. Questo è quanto si era verificato nel periodo del governo di coalizione di Piattaforma civica e Partito contadino, nel 2008-2015. Nei confronti di Berlino, ad esempio, è probabile che Tusk rinunci al progetto di Porto centrale di comunicazioni, inviso alla Germania, mentre da Bruxelles si attendono i fondi del Recovery Plan. Credo, afferma Rybinska, che “Piattaforma” riesca a convincere i polacchi che sia «sufficiente fare concessioni a Berlino e Bruxelles in diverse sfere, perché Varsavia possa sedersi al tavolo a cui si adottano le decisioni più importanti».

A suo parere, Germania e Francia intendono approfittare di un possibile governo Tusk per accelerare i piani di federalizzazione della UE - trasferimento di ampie competenze agli organi UE, con conseguente ulteriore restrizione delle sovranità statali – prima delle europee del prossimo giugno. Per quanto riguarda l'appoggio all'Ucraina, secondo Rybinska, la posizione polacca è relativamente importante ed è probabile che si mantenga al precedente livello: fondamentali (ma guarda!) sono gli stanziamenti americani, soprattutto ora, con gli eventi mediorientali.

Il fatto è che, in Polonia, della politica estera rispondono sia il governo, che il presidente, che ora appartengono a due schieramenti diversi. Dal momento che il mandato presidenziale scade a agosto 2025, non è escluso che in questi due anni che rimangono, si ripeta la situazione del periodo del precedente governo Tusk, con l'allora presidente Lech Kaczynski, gemello dell'attuale leader di PiS, Jaroslaw, che riuscì a bloccare tutta una serie di leggi.

Non ci sarà da annoiarsi.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti