Vertice Nato di Vilnius: vincitori e sconfitti

Vertice Nato di Vilnius: vincitori e sconfitti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Fabrizio Poggi per l'AntiDiplomatico


Senza attendere i comunicati ufficiali, cosa si evidenzia maggiormente dal vertice NATO di Vilnius, il trentasettesimo della cosiddetta “alleanza” atlantica? Chi ha perso e chi ha guadagnato dalle decisioni “concordate”?

Dopo l'adesione della Finlandia, ufficializzata lo scorso aprile, ora anche per la Svezia i tempi dovrebbero accorciarsi, con la caduta dell'opposizione turca. In cambio, Ankara, riceve la promessa di ingresso nella UE: una promessa che è difficile valutare quanto sia davvero vantaggiosa per la Turchia, a parte forse l'eliminazioni di alcune sanzioni e un maggiore accesso a merci turche sui mercati europei, in cambio però di accresciuti problemi nella cooperazione con Mosca e Pechino, a causa delle sanzioni cui Ankara sarà costretta ad aderire contro Russia e Cina. Di fatto, il prossimo ingresso della Svezia nella NATO rappresenta un indubbio successo per Washington. Secondo il politologo Rostislav Išchenko, l'adesione della Svezia potrebbe significare, in caso di conflitto, un totale blocco della flotta russa del Baltico a Kronštadt e Kaliningrad. Se, prima, la maggior preoccupazione NATO era quella, in caso di conflitto, di una rapida evacuazione dai Paesi baltici, ora gli USA si sono assicurati pieno accesso ai porti sul Baltico, potendo utilizzare anche le piazzeforti terrestri baltiche per attaccare Piter insieme ai finlandesi, o la Bielorussia insieme ai polacchi.

A livello di dichiarazioni, è stato dato ampio spazio alla condanna della partnership russo-cinese: la NATO dichiara che le mosse cinesi costituiscono una minaccia alla propria sicurezza e ai suoi “valori”. In tal modo, il blocco atlantico afferma esplicitamente l'espansione della propria sfera d'azione anche alla regione Asia-Pacifico

Per quanto riguarda l'Ucraina, eliminata la questione in quanto tale, si dice che viene agevolato il Piano d'azione per l'adesione e Kiev potrà aderire quando ci sarà pieno consenso tra i membri: «Confermiamo l'impegno preso al vertice di Bucarest del 2008, di far aderire l'Ucraina alla NATO, e oggi riconosciamo che il percorso dell'Ucraina verso la piena integrazione euro-atlantica esce dal quadro del Piano d'azione per l'adesione». Così che, il tanto atteso “invito ad aderire” rivolto a Kiev dovrà essere rinviato a «quando gli alleati saranno tutti d'accordo e le condizioni saranno soddisfatte».

Il segretario NATO Jens Stoltenberg ha specificato che l'adesione dell'Ucraina alla NATO dipenderà dall'esito del conflitto con la Russia: se l'Ucraina non vince, la questione delle garanzie e dell'adesione alla NATO non verrà affatto sollevata, e ha aggiunto che «Tutti gli alleati della NATO concordano sul fatto che è impossibile accogliere l'Ucraina nell'alleanza prima della fine delle ostilità».

In compenso, per la gioia di lavoratori, pensionati, disoccupati, operatori e utenti della Sanità pubblica che, nei paesi “alleati”, vedranno ridursi ulteriormente i bilanci di pace a favore di quelli di guerra, ecco che a Vilnius si decide di aumentare il sostegno finanziario (oltre 500 milioni di euro l'anno) e militare ai nazi-golpisti, a partire dai missili a lungo raggio “SCALP”, forniti dalla Francia e, dalla Germania, ancora un battaglione di Leopard-1A4 (25 carri: più o meno quanti Kiev ne ha persi nella “controffensiva”), due battaglioni di blindati “Marder” (40 mezzi) e due complessi “Patriot”.

In aggiunta, decisa la creazione del Consiglio NATO-Ucraina, che non soddisfa certo nemmeno le più misere aspettative del nazigolpista-capo; insieme a lui, abbastanza delusi a Vilnius anche Polonia e Baltici, che avrebbero voluto un più diretto coinvolgimento nella questione ucraina.

Per la Russia, sostiene ancora Išchenko, non è cambiato molto, dato che Svezia e Finlandia, anche prima di ora, partecipavano attivamente ai piani NATO. E, però, spostando i principali sforzi statunitensi dal mar Nero (dove l'Ucraina sta perdendo, la Turchia è inaffidabile, Romania e Bulgaria sono troppo deboli per costituire una seria minaccia per Mosca) al nord, verso il Baltico, dove la Russia si trova in una situazione strategica peggiore, ecco che gli USA portano a casa un risultato positivo.

In sostanza, Washington è riuscita a far accettare alla NATO i propri disegni, sia nella questione dell'ulteriore confronto con la Russia, sia in quella del confronto con la Cina: «Gli USA trascinano la NATO nella crisi dell'Asia-Pacifico, senza porre fine alla crisi europea (che è svantaggiosa per l'Europa, ma vantaggiosa per gli USA); accentuano le minacce alla Russia dal Baltico, spingendo in prima linea finlandesi, baltici e polacchi, pur restando gli yankee formalmente fuori dai giochi; risolvono i problemi più acuti con la Turchia, riducendo temporaneamente il grado di tensione sia nelle relazioni USA-Turchia, che in quelle Europa-Turchia».

La valutazione del summit di Vilnius data da Il'ja Golovnëv, che ne scrive sulla nazionalista Tsar'grad, è di una sensazione per cui, presto, per l'Occidente non farà alcuna differenza cosa ne sarà dell'Ucraina dopo la fine del conflitto, nonostante che sin dal 2014 la NATO avesse preparato Kiev allo scontro con la Russia.

Secondo il politologo Sergej Prostakov, a Ovest, per non perdere completamente l'Ucraina, cominciano a circolare ipotesi di una sua divisione, sul modello RFT-DDR, “due Coree”, Cina-Taiwan: «a quanto pare, molto presto Kiev, in cambio della promessa di adesione alla NATO, sarà persuasa a negoziare la pace con i russi. E allora, Zelenskij e i suoi dovranno riconoscere la Crimea e le altre regioni come parte della Russia. A Occidente sono stanchi; presto per loro non farà alcuna differenza in quale forma l'Ucraina sarà ridotta dopo la guerra. Importante però è che, comunque, rimanga un pezzo di territorio che, come un cancro, possa indebolire» la Russia. Sul territorio che rimarrà dell'Ucraina, la NATO dispiegherà contingenti militari e armi.

Prostakov è perentorio: Mosca deve smetterla di ritirarsi diplomaticamente, di «credere ai nemici e ai bugiardi. Il dialogo con la NATO e Kiev può ora essere costruito solo sulla base del principio "Non credere, non aver paura, non chiedere!". L'unica cosa che fermerà la peste bruna ai nostri confini è la completa eliminazione dell'Ucraina come stato. Qualsiasi negoziato di pace prima della vittoria completa equivale a una perdita».

Anche Jurij Selivanov afferma che il nemico non lascia altra scelta alla Russia, se non la piena e definitiva vittoria e cita il portavoce del Pentagono John Kirby: «Vediamo come vanno le discussioni», ha detto Kirby, rispondendo alla domanda su quali garanzie di sicurezza la NATO possa fornire all'Ucraina, se l'ingresso nell'Alleanza non è ancora possibile. «Non so se vedremo uno schema concreto con i dettagli esatti... Ma l'Alleanza è unita nella necessità di un impegno a lungo termine per la sicurezza dell'Ucraina, e che essa deve essere fornita dei fondi necessari per la difesa, anche dopo che la guerra sarà finita».

Nello specifico della “questione russa”, il vertice afferma che Mosca rappresenta “la minaccia più seria alla sicurezza dell'alleanza”, anche se si giura di non cercare il confronto e di sperare di mantenere canali di dialogo; si invita Mosca a riconsiderare la decisione di ritirarsi dal Trattato CFE. Non poteva ovviamente mancare la condanna dello spiegamento di armi nucleari in Bielorussia e la richiesta di ritirare le forze di pace dalla Transnistria. Caratteristiche dell'“impero del male” sono anche: il potenziale militare russo nell'Artico; il sostegno militare iraniano a Mosca; la minacciosa integrazione militare di Russia e Bielorussia, ecc.

L'unica cosa di cui hanno veramente paura, afferma Selivanov, è di essere coinvolti direttamente in un conflitto con la Russia e di possibili attacchi russi sul loro territorio. Dunque, teoricamente, ci possono essere cinque vie d'uscita da questa situazione oggettivamente «senza uscita per la grande Russia; cessazione dell'intervento e ritiro delle truppe russe dall'Ucraina». Ma questo sarebbe anche peggio di una capitolazione; sarebbe una «continuazione della guerra in condizioni per noi estremamente sfavorevoli, sul nostro stesso territorio, con la totale demoralizzazione dell'esercito e una reale minaccia di crollo del Paese».

Per quanto riguarda l'ipotesi di “congelamento” del conflitto, con una farsa di «processo negoziale, questo sarebbe proprio ciò che l'Occidente cerca di ottenere, dato che ha bisogno di una tregua strategica per cercare di cambiare l'equilibrio delle forze militari a suo favore».

Altra ipotesi è quella di portare attacchi militari sul «territorio della NATO, in risposta alla fornitura di armi a lungo raggio a Kiev: rispondere agli attacchi missilistici NATO contro la Russia, con attacchi al territorio ucraino, non è che un invito all'Occidente a ulteriori consegne di armi». Tuttavia, questa sarebbe una «chiara minaccia di guerra mondiale. È corretto considerarla, così come la possibilità di utilizzare armi nucleari, quali possibili opzioni, ma di riserva, nello spirito di quanto detto dal vice segretario del Consiglio di sicurezza Dmitrij Medvedev». Ultima ipotesi, un'offensiva strategica decisiva russa, con forze e mezzi adeguati per liberare l'intero territorio della “Russia storica” dall'attuale occupazione occidentale, con conseguente accesso alla naturale "linea rossa": il confine della NATO». A ben vedere, l'ultima ipotesi è quella più concretamente attuabile, ma richiede molto: richiede la mobilitazione di tutte le forze della Russia». Che ancora non c'è stata, soprattutto sul piano psicologoco e sociale.

In definitiva, se Kiev esce “scornata” da Vilnius, come era nelle previsioni; se gli “alleati” europei, come nella tradizione, vanno “allo scrittoio col cappello in mano”, come era uso per il misero mezzadro di fronte al “Signor fattore”; se Washington sembra uscire a piene mani dal vertice, è proprio dagli Stati Uniti e dalla parte repubblicana del Congresso che potrebbero venire gli inciampi ai piani della Casa Bianca. Ma di questo, un'altra volta.

Fabrizio Poggi

Fabrizio Poggi

Ha collaborato con “Novoe Vremja” (“Tempi nuovi”), Radio Mosca, “il manifesto”, “Avvenimenti”, “Liberazione”. Oggi scrive per L’Antidiplomatico, Contropiano e la rivista Nuova Unità.  Autore di "Falsi storici" (L.A.D Gruppo editoriale)

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti