Vertice sudamericano a Brasilia: "Proiettare la regione come forza collettiva e coordinata in un mondo multipolare"

Vertice sudamericano a Brasilia: "Proiettare la regione come forza collettiva e coordinata in un mondo multipolare"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il vertice dei capi di Stato sudamericani si è chiuso a Brasilia con un appello unanime all'unità regionale, nonostante le differenze politiche, dopo anni di allontanamento dovuto alla di blocchi come l'Unione delle Nazioni Sudamericane (Unasur). Scissione causata dalla momentanea affermazione delle destre neoliberiste in diversi paesi.

Il primo a prendere la parola è stato l’anfitrione, colui che sta guidando questa nuova integrazione regionale, il Presidente del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva, per sottolineare che "l'integrazione del Sudamerica dipende dal sentirsi parte di una stessa comunità".

"Un Sudamerica forte, sicuro e politicamente organizzato amplia le possibilità di affermare, a livello internazionale, una vera identità latinoamericana e caraibica", ha osservato.

Lula ha presentato 10 proposte per il futuro dell'area, come l'approfondimento dell'identità sudamericana nella sfera monetaria, la riduzione della dipendenza da valute extraregionali, l'espansione di meccanismi di cooperazione all'avanguardia e la priorità a progetti ad alto impatto per l'integrazione fisica e digitale.

"Finché saremo disuniti, non riusciremo a fare del Sudamerica un continente sviluppato al massimo delle sue potenzialità", ha sottolineato il leader del Partito dei Lavoratori.

Lula, tornato al potere a gennaio, ha affermato che l'integrazione dovrebbe essere un obiettivo permanente. "Dobbiamo lasciare radici solide per le prossime generazioni", ha dichiarato.

Una riunione dei capi di Stato sudamericani non si teneva dal 2014, quando l'ultimo vertice Unasur si realizzò in Ecuador.

La proposta di Lula ha trovato il favore degli altri leader regionali. 

Argentina

Il Presidente dell'Argentina, Alberto Fernández, ha dichiarato che l'unità regionale dovrebbe essere una politica portata avanti in tutti i Paesi del Sud America.

"Impariamo dai nostri errori, non ci ha fatto bene essere così divisi e il mondo ci ha trovato divisi nel momento peggiore, mostrando il suo volto peggiore, la pandemia. Che non ci trovi di nuovo disuniti", ha sottolineato.

Durante il suo discorso, ha anche concordato con Lula sulla necessità di rendere il funzionamento dell'Unasur "più agile".

"Evidentemente il sistema deve cambiare e le decisioni devono essere prese più a maggioranza che per consenso, cosa che a volte rende tutto molto difficile", ha sottolineato.

Bolivia

A sua volta, il presidente boliviano Luis Arce ha chiesto un meccanismo di consultazione e dialogo che permetta di "proiettare la regione come forza collettiva e coordinata in un mondo multipolare".

"Questo meccanismo dovrebbe imparare dalle esperienze passate e, attraverso la complementarietà dei nostri popoli, coprire questioni in ambito sociale, economico, ambientale e culturale", ha affermato.

In merito alla situazione dell'Unasur, che si è frammentata dopo l'uscita di diverse nazioni dal forum, Arce ha sostenuto il mantenimento della sua struttura.

"Alla luce della nostra esperienza e della strada che abbiamo percorso, è più facile correggere e modificare ciò che è necessario e consensuale nella nostra Unasur, piuttosto che creare una nuova struttura istituzionale che richiederebbe anni e non garantirebbe il raggiungimento del suo obiettivo, a causa degli interessi nelle nostre ricchezze naturali”. 

Colombia

Il presidente colombiano, Gustavo Petro, ha chiesto la formazione di "una voce unitaria" della regione latinoamericana come meccanismo di difesa di fronte a un panorama globale che considera "critico".

"L'America Latina ha nelle sue mani, nel proprio territorio, alcune delle soluzioni più importanti alla crisi integrale che l'umanità sta vivendo oggi", ha dichiarato ai media presso il Palazzo Itamaraty, dove i leader hanno avuto colloqui nella mattina di martedì.

Ha quindi sottolineato che l'obiettivo di questo incontro è quello di "chiarire questo ruolo (...) per cercare una voce latinoamericana unitaria nel mondo".

Ecuador

Il Presidente dell'Ecuador Guillermo Lasso ha dichiarato che si tratta di un "vertice importante per il futuro del Sud America".

"Crediamo che l'integrazione debba servire a migliorare la vita dei cittadini: la loro salute, la loro sicurezza, la loro istruzione, l'ambiente sono essenziali", ha dichiarato Lasso prima dell'incontro internazionale, che si è svolto a porte chiuse.

Attraverso il social network Twitter, la Presidenza dell'Ecuador ha riferito che Lasso "ha sottolineato il rafforzamento della democrazia, della libertà e del rispetto dei diritti umani".

Perù

Il Perù è stato rappresentato dal capo del Consiglio dei ministri, Alberto Otárola, vista l'impossibilità di Dina Boluarte di recarsi all'estero perché il regolamento interno glielo impedisce.

Boluarte è intervenuta con un video in cui ha affermato che "ci deve essere pragmatismo nello stabilire un'agenda comune".

"Dobbiamo rispettare gli orientamenti politici e i processi interni dei diversi Paesi membri", ha detto, raccomandando una "gestione flessibile ed efficiente, senza grandi strutture o schemi burocratici".

Uruguay

Un altro che ha insistito sulla necessità di porre fine alla "tendenza a creare organizzazioni" è stato il presidente dell'Uruguay, Luis Lacalle Pou, durante il suo discorso.

"Basta con le istituzioni", ha affermato Lacalle Pou, che ha chiarito di avere serie differenze con l'Unasur, ma ha esortato a "usare i meccanismi che abbiamo" per rafforzare i legami.

In questo senso, ha sottolineato lo "spirito costruttivo" dell'incontro e in particolare l'invito di Lula. "Non perdiamo tempo, perché la vita finisce, e anche se alcuni credono che non sia così, lo fanno anche i governi", ha concluso.

Venezuela

Il Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro, ha affermato che il mondo "sta cambiando" e si sta muovendo rapidamente verso il multipolarismo. Un mondo in cui la regione sudamericana "non può rimanere indietro". 

"Lo abbiamo riconosciuto tutti", ha commentato il leader bolivariano alla stampa nel Palazzo Itamaraty, sede del Ministero degli Esteri brasiliano, dove si è tenuto il Vertice del Sud sotto gli auspici del leader della sinistra e capo di Stato brasiliano, Luiz Inácio Lula da Silva.

Conclusioni

In un comunicato ufficiale, intitolato Consenso di Brasilia, è stato riportato che i leader dei Paesi sudamericani "hanno riaffermato la visione comune che il Sud America costituisce una regione di pace e cooperazione".

 

I leader dei paesi sudamericani “si sono impegnati a lavorare per aumentare il commercio e gli investimenti tra i Paesi della regione e per migliorare le infrastrutture e la logistica", ha dichiarato il Ministero degli Esteri brasiliano sul suo sito web.

I leader hanno riconosciuto l'importanza di mantenere un dialogo regolare e hanno concordato di incontrarsi nuovamente, in data e luogo da stabilire, "per rivedere l'andamento delle iniziative di cooperazione sudamericana e determinare i prossimi passi da compiere".

Gli accordi di Brasilia

Al termine del Vertice è stato firmato un documento con nove accordi, noto come Consenso di Brasilia, che sancisce l'America Latina come regione di pace e cooperazione, soprattutto per affrontare la contingenza globale.

Dalle parole del presidente brasiliano emerge la necessità di riprendere un cammino comune: "Ciò che ci riunisce a Brasilia è il senso di urgenza, di guardare alla nostra regione collettivamente, la determinazione a ridefinire una visione comune e a rilanciare azioni concrete per lo sviluppo sostenibile, la pace e il benessere delle nostre popolazioni". Il conflitto in Ucraina ha destabilizzato i mercati dell'energia e dei fertilizzanti e ha portato alla volatilità dei prezzi dei prodotti alimentari, peggiorando le nostre condizioni di vita. Quando catene di approvvigionamento vitali sono state colpite da questo insieme di fattori, le nostre lacune infrastrutturali e le nostre vulnerabilità esterne sono state esposte. La regione ha smesso di crescere, la disoccupazione è aumentata e l'inflazione è cresciuta", ha spiegato Lula.

‘Consenso de Brasilia’

1. Su invito del Presidente del Brasile, i leader dei Paesi sudamericani si sono incontrati a Brasilia il 30 maggio 2023 per scambiare opinioni e prospettive di cooperazione e integrazione sudamericana.

2. Hanno riaffermato la visione comune che il Sud America costituisce una regione di pace e cooperazione, basata sul dialogo e sul rispetto della diversità dei nostri popoli, impegnata nella democrazia e nei diritti umani, nello sviluppo sostenibile e nella giustizia sociale, nello stato di diritto e nella stabilità istituzionale, nella difesa della sovranità e nella non interferenza negli affari interni.

3. Hanno convenuto che il mondo deve affrontare molteplici sfide, in uno scenario di crisi climatica, minacce alla pace e alla sicurezza internazionale, pressioni sulle catene alimentari ed energetiche, rischi di nuove pandemie, aumento delle disuguaglianze sociali e minacce alla stabilità istituzionale e democratica.

4. Hanno convenuto che l'integrazione regionale dovrebbe essere parte delle soluzioni per affrontare le sfide comuni nella costruzione di un mondo pacifico, nel rafforzamento della democrazia, nella promozione dello sviluppo economico e sociale, nella lotta alla povertà, alla fame e a tutte le forme di disuguaglianza e discriminazione, nella promozione della parità di genere, nella gestione ordinata, sicura e regolare della migrazione; affrontare il cambiamento climatico, anche attraverso meccanismi di finanziamento innovativi per l'azione per il clima, che potrebbero includere scambi di debito in cambio di azione per il clima da parte dei Paesi sviluppati; promuovere la transizione ecologica ed energetica basata sull'energia pulita; rafforzare le capacità sanitarie e combattere la criminalità organizzata transnazionale.

5. Si sono impegnati a lavorare per aumentare il commercio e gli investimenti tra i Paesi della regione; migliorare le infrastrutture e la logistica; rafforzare le catene del valore regionali; attuare misure di facilitazione del commercio e di integrazione finanziaria; superare le asimmetrie; eliminare le misure unilaterali; accedere ai mercati attraverso la rete di accordi di complementazione economica, anche nel quadro dell'ALADI, con l'obiettivo di un'effettiva zona di libero scambio sudamericana.

6. Hanno riconosciuto l'importanza di mantenere un dialogo regolare, al fine di promuovere il processo di integrazione in Sud America e di proiettare la voce della regione nel mondo.

7. Hanno deciso di istituire un gruppo di contatto, guidato dai Ministri degli Esteri, per valutare le esperienze dei meccanismi di integrazione sudamericana ed elaborare una tabella di marcia per l'integrazione sudamericana, da sottoporre all'esame dei Capi di Stato.

8. Hanno concordato di promuovere, sin d'ora, iniziative di cooperazione sudamericana, con un approccio sociale e di genere, in settori che rispondono ai bisogni immediati dei cittadini, in particolare delle persone in situazioni di vulnerabilità, comprese le popolazioni indigene, come la salute, la sicurezza alimentare, i sistemi alimentari basati sull'agricoltura tradizionale, l'ambiente, le risorse idriche, le catastrofi naturali, le infrastrutture e la logistica, l'interconnessione energetica e l'energia pulita, la trasformazione digitale, la difesa, la sicurezza e l'integrazione delle frontiere, la lotta alla criminalità organizzata transnazionale e la sicurezza informatica.

9. Hanno concordato di incontrarsi nuovamente, in data e luogo da stabilire, per esaminare l'andamento delle iniziative di cooperazione sudamericana e per determinare i prossimi passi da compiere.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Il Rubicone della NATO di Giuseppe Masala Il Rubicone della NATO

Il Rubicone della NATO

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti