(Video) Il Presidente serbo sull'emergenza Coronavirus: "La solidarietà europea non esiste. Solo la Cina può aiutarci"

(Video) Il Presidente serbo sull'emergenza Coronavirus: "La solidarietà europea non esiste. Solo la Cina può aiutarci"

Preso alla sprovvista dal divieto dell'UE sulle esportazioni mediche, la Serbia ha trovato aiuto nella Cina per affrontare la diffusione del Covid-19, ha dichiarato il presidente serbo, aggiungendo che è diventato chiaro che la solidarietà europea è un mito

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


La Serbia è l'ultimo paese a imporre severe restrizioni ai viaggi e alle riunioni pubbliche in risposta all'epidemia globale. Nel dichiarare l'emergenza nazionale il presidente Aleksandar Vucic ha elargito dure critiche all'Unione Europea.


 
 
Video CGTN
 
 
 
 
 
La crisi ha dimostrato che la solidarietà europea esiste solo "sulla carta", ha affermato Vucic, citando il divieto di esportazione di attrezzature e forniture mediche imposto dai membri dell'UE ai paesi extra UE in risposta allo scoppio della pandemia.
"Solo la Cina può aiutarci in questa situazione" , ha aggiunto il leader serbo, affermando di aver recentemente scritto una lettera al cinese Xi Jinping "chiedendogli aiuto e chiamandolo fratello".
 
La Serbia ha ricevuto cinque milioni di mascherine dalla Cina che non poteva ottenere in Europa e un'offerta per inviare medici per aiutare a combattere la malattia, ha aggiunto il presidente. Il paese ha dovuto acquistare respiratori in un "mercato semi grigio".
 
A partire da oggi, la Serbia ha chiuso tutte le strutture per l'insegnamento, ha mobilitato le forze armate a guardia di siti sensibili come gli ospedali e ha chiuso i confini a tutti tranne che ai cittadini. I serbi dovranno rimanere in quarantena dopo essere tornati o affrontare una pena detentiva fino a tre anni.
 
"Dico agli stranieri: non venire in Serbia, fatta eccezione per i cinesi chiamati a venire, i loro dottori, le persone che ci aiutano", ha precisato Vucic.
 
Finora ci sono 55 casi confermati di coronavirus in Serbia, che ha una popolazione di sette milioni di abitanti. Due dei pazienti sono in gravi condizioni. Il virus ha anche raggiunto altre nazioni dei Balcani ad eccezione del Montenegro.
 
 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano di Francesco Santoianni Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano

Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti