Video. "Se il figlio di Gheddafi corre per le elezioni è il favorito"

Video. "Se il figlio di Gheddafi corre per le elezioni è il favorito"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ahmed Gaddaf al-Dam, un politico libico, ha confermato che Saif al-Islam Gheddafi è il favorito se decide di candidarsi alle elezioni presidenziali in Libia.

In un'intervista concessa a "Sky News Arabia", Ahmed Gheddaf al Dam, politico libico e leader del Fronte di lotta nazionale, ha confermato che Saif al-Islam, figlio del defunto leader libico Muammar Gheddafi, avrebbe possibilità se si candidasse alle prossime elezioni presidenziali alla luce dell'accoglienza ricevuta nella società libica.

Ha spiegato: "È un diritto di Seif al-Islam Gheddafi, piuttosto che un suo dovere, candidarsi alle elezioni", sottolineando che Saif al-Islam è il figlio di questa generazione e ha un progetto precedente nel suo rapporto con la "Libia di domani".

Ha ricordato che la candidatura di Saif al-Islam rappresenta una riconsiderazione del "martire Gheddafi ", e questo è ciò che lo rende la figura più presentabile con una stragrande maggioranza se decide di correre, sottolineando che "non gli permetteremo che gli venga impedito di correre se decide di farlo."

Molti ritengono che un gran numero di libici vedano ancora Saif al-Islam come la figura più capace per guidare la Libia nella fase successiva, grazie all'esperienza maturata nel mezzo dello scenario del Paese durante la guida del suo defunto padre.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo