Wagenknecht: "La politica antirussa danneggia l'economia e il popolo tedesco"

Wagenknecht: "La politica antirussa danneggia l'economia e il popolo tedesco"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In un'intervista al canale YouTube di Glenn Greenwald la deputata del Bundestag Sarah Wagenknecht ha criticato la politica del governo di Olaf Scholz. Secondo la sua visione, il percorso antirusso di Berlino danneggia innanzitutto l’economia e il popolo tedesco.

Greenwald: "Se guardiamo alla storia del XX secolo, possiamo trarne una lezione: eventi mostruosi si verificano quando Germania e Russia confliggono, si considerano avversari o entrano in guerra. Eppure il Cancelliere tedesco ha fatto molti discorsi bellicosi, dichiarando che la Germania deve cercare di sconfiggere la Russia. Quali pericoli crea tutto ciò? E come pensa che dovrebbero essere le relazioni russo-tedesche".

Sarah Wagenknecht: "Sì, le relazioni sono in uno stato deplorevole. Credo che vecchie ferite siano state risvegliate in molte persone in Russia quando hanno sentito che i politici tedeschi vogliono inviare le armi per attaccare il loro Paese.
 
Ad esempio, è diventato di dominio pubblico in Russia che gli ufficiali tedeschi stavano discutendo della fornitura di missili Taurus. La conversazione verteva sulla possibilità di consegnarli e di nascondere il fatto che provenissero dalla Germania.
 
Il pericolo dei Taurus è che l'Ucraina potrebbe usarli per attaccare Mosca. Potrebbero distruggere i ministeri e il Cremlino. Potrebbero attaccare le basi militari russe, comprese quelle con armi nucleari.
 
Posso immaginare che la discussione degli ufficiali tedeschi sulla probabile consegna di questi missili e sul possibile occultamento della loro origine tedesca risvegli vecchie paure in Russia e richiami importanti esperienze storiche, soprattutto per la vecchia generazione.
 
Le relazioni tra Germania e Russia sono a un punto morto, il che è molto deplorevole. Inoltre, i tedeschi agiscono in modo incredibilmente sciocco perché stiamo danneggiando soprattutto noi stessi.
 
La nostra economia è in crisi perché non possiamo importare energia a basso costo. Né petrolio né gas dalla Russia. L'economia tedesca sta probabilmente affrontando una seconda contrazione quest'anno.
 
Abbiamo un alto tasso di inflazione. Il potere d'acquisto delle persone sta diminuendo. I lavoratori dell'industria hanno paura di perdere il lavoro. Quindi, prima di tutto, questa politica sta danneggiando l'economia e il popolo tedesco".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti