Wang Yi incontra il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov

Wang Yi incontra il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oggi il membro dell'Ufficio politico del Comitato centrale del PCC e ministro degli Esteri Wang Yi ha incontrato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov a Nizhny Novgorod.

Rilevando che la recente visita del Presidente Vladimir Putin in Cina è stata un grande successo, Wang Yi ha affermato che entrambe le parti dovrebbero attuare pienamente le importanti intese comuni raggiunte tra i massimi leader dei due Paesi e far progredire la cooperazione in vari campi sotto la guida strategica dei due capi di Stato. Lo sviluppo delle relazioni Cina-Russia è una scelta strategica fatta da entrambe le parti sulla base dei rispettivi interessi fondamentali. È conforme alle tendenze globali e all'andamento dei tempi, non è rivolto a terzi e non sarà disturbato da forze esterne. La Cina è disposta a collaborare con la Russia per mantenere l'attenzione strategica, esplorare il potenziale di cooperazione, rispondere alle pressioni esterne e promuovere un progresso solido e sostenuto delle relazioni bilaterali.

Wang Yi ha ribadito che i BRICS sono un'importante piattaforma per l'unità e la cooperazione tra i mercati emergenti e i Paesi in via di sviluppo. Il meccanismo ampliato dei BRICS svolgerà un ruolo cruciale e importante nella creazione di un sistema di governance globale più giusto e ragionevole. La Cina è pronta a sostenere pienamente il lavoro della Russia in qualità di presidente dei BRICS, a collaborare con la Russia per consolidare il partenariato strategico dei BRICS, a cercare la forza attraverso l'unità per il Sud globale, a far sentire più forte la voce per sostenere il multilateralismo e far progredire lo sviluppo comune, in modo da dare un buon inizio alla cooperazione dei BRICS.

Sergey Lavrov ha dichiarato che durante la visita del Presidente Putin in Cina, i due capi di Stato hanno stabilito insieme la rotta per lo sviluppo delle relazioni Russia-Cina e hanno raggiunto nuovi risultati di cooperazione strategica. La Russia è pronta a collaborare con la Cina per dare seguito alle importanti intese comuni raggiunte tra i due capi di Stato, intensificare gli scambi ad alto livello, rafforzare la cooperazione in vari settori e fare in modo che gli Anni della Cultura Russia-Cina siano un successo. 
La Russia è disposta a collaborare strettamente con la Cina sulle piattaforme multilaterali, compreso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, e a rafforzare il coordinamento diplomatico. Il numero di Paesi che condividono la stessa mentalità continua ad aumentare negli affari internazionali e regionali e l'espansione dei BRICS riflette questa tendenza positiva. Egli si aspettava discussioni approfondite sulla prossima fase della cooperazione durante la riunione dei ministri degli Esteri dei BRICS per effettuare i preparativi politici per il vertice dei BRICS a Kazan.

Le due parti hanno avuto un ulteriore scambio di opinioni sull'attuale situazione internazionale e regionale e sulla crisi ucraina, tra le altre questioni.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti