/ Washington deve prendere in considerazione l'adesione alla Nuova ...

Washington deve prendere in considerazione l'adesione alla Nuova Via della Seta

 


di Xu Hailin - Global Times
 

Potrebbe essere arrivato il momento giusto per gli Stati Uniti per deliberare l'adesione all'iniziativa Nuova Via della Seta (BRI) proposta dalla Cina.

 

Dal punto di vista strettamente dell’interessa nazionale, le preoccupazioni degli Stati Uniti riguardo alla BRI sono comprensibili. Ma la crescente incomprensione dell'iniziativa da parte di Washington sta spingendo gli Stati Uniti a margine delle attività economiche e commerciali che stanno offrendo enormi rendimenti al mondo. Quindi, gli Stati Uniti perdono opportunità di crescita e costringono i propri alleati lontano dalle opportunità di sviluppo.

 

Da quando è stata avviata sei anni fa, la BRI ha sempre accolto con favore gli Stati Uniti. Sono stati gli Stati Uniti che hanno rifiutato di accettare la BRI e hanno tentato di creare un'opposizione ideologica ad esso.

 

Sebbene il governo degli Stati Uniti abbia intenzionalmente ignorato i benefici che la BRI potrebbe portare nelle aziende statunitensi, gli imprenditori USA stanno mantenendo un chiaro controllo. Secondo il South China Morning Post, il colosso industriale statunitense General Electric ha collaborato con aziende cinesi per sfruttare il potenziale imprenditoriale attraverso l'iniziativa terrestre e marittima della Via della Seta. Inoltre, CNBC ha riferito che aziende statunitensi come Honeywell, Chubb e Waters considerano la BRI un'opportunità per la crescita del proprio business.

 

Essendo la seconda economia più grande del mondo, la Cina è disposta a dare una mano ad altri paesi per progredire congiuntamente attraverso la cooperazione.

In un certo senso, concettualmente, la Cina indossa "gli abiti americani che gli stessi Stati Uniti hanno scartato", ha affermato ai microfoni di Voice of America, Sourabh Gupta, senior fellow all'Institute for China-America Studies di Washington. Gli Stati Uniti non hanno fatto cose pragmatiche per promuovere la crescita economica globale e si sono opposti allo sviluppo comune del mondo. Questo, a sua volta, ha permesso alla Cina di diventare mainstream come "leader del sistema di sviluppo globale".

 

Se Washington si afferma ancora leader del mondo, se vuole beneficiare maggiormente della crescita globale e mantenere il suo status guida, se vuole rendere l'iniziativa operativa conforme alle regole degli Stati Uniti, unirsi alla BRI il prima possibile è il miglior modo.

 

Nel frattempo, l'iniziativa ha inevitabilmente incontrato diversi punti deboli, che possono essere modificati o migliorati. Tuttavia, gli Stati Uniti, che sono stati riluttanti a partecipare, amano criticare e mettere in discussione la BRI. Questo è ovviamente poco convincente. Piuttosto che essere invidiosi del crescente carisma globale portato dalla BRI alla Cina, introducendo una "visione economica indo-pacifica" di 113 milioni di dollari, intesa come un progetto concorrente di BRI, è meglio per gli Stati Uniti far parte del vero BRI.

 

Washington dovrebbe abbandonare la mentalità a somma zero e promuovere pragmaticamente lo sviluppo economico globale, che alla fine andrà a beneficio della crescita degli Stati Uniti.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa