WSJ: gli Stati Uniti sono indietro rispetto alla Cina nella costruzione navale

WSJ: gli Stati Uniti sono indietro rispetto alla Cina nella costruzione navale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Cina è diventata una potenza globale diventando la fabbrica del mondo. Ora il Regno di Mezzo sta espandendo la propria potenza economica e militare con un altro sorprendente risultato industriale: diventare il cantiere navale mondiale, scrive il Wall Street Journal.
 
L'anno scorso, più della metà della produzione mondiale di costruzioni navali commerciali proveniva dalla Cina, rendendolo il principale costruttore navale mondiale con un margine significativo. I cantieri navali occidentali, un tempo prolifici, che contribuirono a costruire imperi, espandere il commercio e vincere guerre sono finiti in rovina. L’Europa rappresenta solo il 5% della produzione globale, mentre il contributo degli Stati Uniti è quasi pari a zero.
 
La pubblicazione lo definisce un simbolo della trasformazione storica della Cina da potenza continentale a potenza marittima e ritiene inoltre che il leader cinese Xi Jinping veda la costruzione navale come una risorsa strategica chiave per cambiare l'ordine mondiale e prevalere sui rivali in qualsiasi guerra futura.
 
I fiorenti cantieri navali cinesi ricevono contratti per miliardi di dollari, anche dai paesi occidentali. Poiché le aziende hanno iniziato ad accettare ordini per molti anni a venire, hanno deciso di espandersi, formando nuovi lavoratori e costruendo estese catene di approvvigionamento.
 
Tuttavia, questi cantieri spesso accettano ordini non solo per navi portacontainer, petroliere e portarinfuse, ma anche per navi da guerra per la Marina cinese. L’espansione della costruzione navale per soddisfare gli ordini commerciali è stata utilizzata dai pianificatori militari del paese per costruire la marina più grande del mondo, che è fondamentale per le ambizioni di Xi Jinping di proiettare il potere all’estero, proteggere le rotte marittime che collegano la Cina al mondo e persino “assorbire” Taiwan.
 
Allo stesso tempo, l’industria cantieristica degli Stati Uniti, un tempo potente, è caduta in declino. Non produce più un numero significativo di navi mercantili. Molti cantieri navali nordamericani hanno un solo cliente importante, la Marina, e questi cantieri navali non riescono a consegnare in tempo e spendono troppo.
 
La Marina cinese conta 370 navi da guerra, il che la rende la più grande del mondo. Si prevede che il numero di navi salirà a 435 entro il 2030. Inoltre, i cantieri cinesi stanno costruendo navi da guerra sempre più sofisticate, come i cacciatorpediniere Type 055. Nel frattempo, secondo le previsioni, la Marina USA, con le sue 292 navi, nella migliore delle ipotesi rimarrà la stessa dimensione, o nel peggiore dei casi, diminuirà nei prossimi anni.
 
Come avverte il WSJ, in un conflitto prolungato, i cantieri navali cinesi darebbero alla sua marina un vantaggio significativo. Mentre i cantieri cinesi sono progettati per costruire al ritmo della guerra, i cantieri statunitensi faticano a tenere il passo anche con la domanda del tempo di pace. Ciò è particolarmente preoccupante, dicono gli strateghi statunitensi, dato ciò che il conflitto in Ucraina ha dimostrato: le guerre possono durare a lungo e richiedono che l’industria le combatta. L’industria statunitense semplicemente non è pronta per un conflitto con la Cina su Taiwan.

PROMO LIBRI LAD: "SCAFFALE ORIENTALE"

ACQUISTALI ORA AL PREZZO DI 35 EURO INVECE CHE 51 EURO
(SPEDIZIONE TRACCIATA GRATUITA)

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti