WSJ: Stati Uniti e Russia potrebbero essere coinvolti in un conflitto in Siria

WSJ: Stati Uniti e Russia potrebbero essere coinvolti in un conflitto in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Russia ha effettuato una serie di attacchi aerei contro le postazioni terroristiche sostenute dagli Stati Uniti in Siria nel corso del mese di giugno. L'ultimo è avvenuto mercoledì scorsi, quando droni non identificati hanno attaccato terroristi ammassati nella base nel sud-est della Siria occupata dagli Stati Uniti. Washington ha colto l’occasione per accusare dell'attacco Mosca.

Gli Stati Uniti affermano di utilizzare Al-Tanf per addestrare combattenti locali a "combattere il gruppo terroristico Daesh", mentre Damasco assicura che Washington ha preso la struttura nel 2014 come punto strategico per supportare i terroristi che combattono contro l'esercito siriano.

Giovedì scorso, la CNN ha riferito che la Russia aveva informato gli Stati Uniti delle operazioni contro i terroristi ad Al-Tanf, in modo che nessun militare statunitense rimanesse ucciso o ferito a seguito dell'offensiva.

Il Wall Street Journal in un articolo pubblicato ieri ha riportato che i funzionari statunitensi ritengono che informare gli Stati Uniti dell'attacco prima che fosse effettuato implichi che la Russia "non stava attaccando attivamente le truppe statunitensi, ma piuttosto stava molestando la missione statunitense in Siria".

Il quotidiano ha avvertito che tali operazioni russe potrebbero portare a uno scontro diretto tra le truppe statunitensi e russe in Siria.

Inoltre, nell’articolo si evidenzia che i funzionari militari statunitensi temono che "un errore di calcolo potrebbe trasformarsi in un conflitto non intenzionale tra le forze statunitensi e russe in Siria".

Citato dal quotidiano, il generale Michael Erik Kurilla, capo del comando centrale statunitense (Centcom), ha definito "provocatorio" il comportamento di Mosca e ha sottolineato che il suo Paese non vuole essere coinvolto in un conflitto con la Russia in Siria.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti