Ecco come prosegue l'appoggio della Gran Bretagna al terrorismo in Siria

Ecco come prosegue l'appoggio della Gran Bretagna al terrorismo in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Con il pretesto di combattere il terrorismo dell'ISIS, la Gran Bretagna fomenta quello di altri gruppi armati per rovesciare il governo di Bashar Al Assad.

Il colonnello britannico Richard Bell, vice comandante in capo della Forza operativa dell'Alleanza internazionale, ha incontrato i leader dei gruppi estremisti in Siria, secondo quanto riportato oggi da Prensa Latina che cita il portale Ather Press.

Le fonti citate hanno assicurato che Bell è entrato illegalmente nell'area di al-Tanf, nel sud-est della Siria, dove ha ispezionato le forze del suo paese schierate insieme alle truppe occupanti statunitensi in quest'area.

Il comando britannico ha tenuto riunioni con Muhannad Al-Talaa, comandante dell'autoproclamato Esercito della rivoluzione d'élite (Jaish Maghawir Al-Thawra, in arabo) e con i capi di altre formazioni militari illegali, hanno spiegato in dettaglio.

Secondo i media, sono state discusse diverse questioni, come l'aumento del sostegno britannico con armi e stipendi alle formazioni presenti vicino alla base Usa e al campo profughi di al-Rukban.

Hanno rivelato che l'ufficiale ha promesso di aumentare la pressione sul governo giordano per consentire ai convogli di aiuti di passare attraverso il suo territorio poiché questi gruppi negano qualsiasi aiuto delle Nazioni Unite al campo di al-Rukban attraverso il governo di Damasco.

Bell ha chiesto il reclutamento di quanti più giovani possibile per affrontare "qualsiasi minaccia nella fase successiva".

La Coalizione Internazionale guidata dagli Stati Uniti ha occupato questa area strategica situata al confine siriano con Iraq e Giordania dall'agosto 2016.

Damasco e Mosca hanno denunciato che Washington rifiuta di evacuare il campo di al-Rukban in quella zona per mantenere una giustificazione per continuare la sua occupazione.

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti