25 anni di Rivoluzione Bolivariana - 4F: il "por ahora" di Chávez diventa una "Furia Bolivariana"

25 anni di Rivoluzione Bolivariana - 4F: il "por ahora" di Chávez diventa una "Furia Bolivariana"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"Il 4 febbraio è stato un giorno che ha generato forze che si stanno ancora espandendo, il 4 febbraio non è finito, il suo spirito indomito deve accompagnarci ogni giorno perché le potenze che abbiamo affrontato per più di due decenni persistono ancora nel loro tentativo di fermare il corso della storia in Venezuela, nella Nostra America e nel mondo, sono le potenze che minacciano di distruggere l'umanità e il pianeta", affermava il Comandante Hugo Chavez 18 anni dopo la ribellione civico-militare del 1992 in Venezuela. Un evento che secondo il leader bolivariano "diede alla nazione un obiettivo politico strategico: la nuova democrazia, e rovesciò la validità dei vecchi approcci di tutti i partiti esistenti". 

Questa domenica, 4 febbraio, il Venezuela commemora un nuovo anniversario della ribellione civico-militare, nota come 4F. Si tratta di un'azione comandata dal leader della Rivoluzione Bolivariana Hugo Chávez insieme a un gruppo di compagni delle Forze Armate.

La ribellione del 4 febbraio 1992 ha segnato la storia dell'indipendenza e della sovranità del Venezuela, avviando la trasformazione e la rivendicazione popolare per creare consapevolezza nella maggioranza.

Questa data sarebbe stata poi ribattezzata Giornata della Dignità Nazionale per rappresentare la riscossa dei valori bolivariani.

"Ci sono date in cui tutto il flusso della storia si rivela e segna il nuovo corso dei popoli; ci sono date che segnano e aprono nuove strade, che diventano un impegno e un segno di un destino che deve accadere per calibrare il passato e vedere più chiaramente l'orizzonte libertario, come fu il glorioso 4 febbraio 1992", rifletteva l'ex presidente Hugo Chávez.

Era stato Carlos Andrés Pérez, tre anni prima, a ordinare il massacro del Caracazo, la peggiore violazione dei diritti umani dei venezuelani registrata nella Quarta Repubblica. Un massacro per mano del governo dell'epoca, assolutamente e storicamente subordinato agli interessi del regime imperiale degli Stati Uniti.

Così, nel 2013, il comandante Hugo Chávez caratterizzò il significato della ribellione che la gioventù militare venezuelana avviò nel 1992 contro la tirannia del governo Adeco di Carlos Andrés Pérez (CAP).

Questa domenica ricorre il 32° anniversario di quella ribellione senza precedenti. Un evento che ha spaccato la storia in due e ha segnato l'inizio di un Venezuela libero, indipendente, sovrano e democratico.

Il presidente Nicolás Maduro ha affermato che il 4 febbraio 1992 rimane vivo nei cuori dei cittadini venezuelani come la data del recupero della dignità e della speranza del popolo venezuelano.

Maduro ha affermato, tramite il proprio profilo sul social network X, che il "por ahora" del leader invitto, il Comandante Hugo Chávez (1954-2013), è stato seminato nella coscienza e nell'anima dei venezuelani, "è stato luce infinita, tracciando il cammino per la costruzione della democrazia partecipativa e protagonista... 4F Bendito...".

Domenica mattina presto, i militari hanno reso omaggio a Chávez presso il Cuartel de la Montaña, dove riposano i suoi resti, in occasione della Giornata nazionale della Dignità.

La celebrazione è particolarmente importante quest'anno perché coincide con l'arrivo e il concentramento a Caracas di migliaia di persone provenienti da tutti gli Stati del Paese, in quella che è conosciuta come la "Furia Bolivariana", che poi si recheranno al Palazzo Miraflores, sede del governo.

Il primo vicepresidente del Partito Socialista Unito del Venezuela, Diosdado Cabello, ha dichiarato che la celebrazione è molto importante perché si svolge in un contesto di "vessazione da parte dell'imperialismo".

Ha sottolineato che le marce hanno un "profondo carattere antimperialista", contro le sanzioni, gli attacchi e coloro che "hanno pensato di impossessarsi di questo Paese". Il leader politico ha assicurato che "nessun Paese al mondo, nessun popolo al mondo, nessuna Forza Armata al mondo ha resistito a ciò che questo popolo, questo Paese e queste Forze Armate hanno resistito".

Cabello ha affermato che ciò è avvenuto per "una semplice ragione: siamo rimasti uniti, totalmente e assolutamente uniti, e loro hanno provato, hanno ribaltato la situazione e non ci sono riusciti".

Questa è la più grande forza di questa Rivoluzione, l'unità delle Forze Armate Nazionali Bolivariane, l'unità del nostro popolo, è "la più grande forza".

Per questo 32 anni dopo l'atto eroico del 4 febbraio 1992, "possiamo dire di aver compiuto la missione che ci era stata affidata, non ho dubbi su questo".

4F: pietra miliare della Rivoluzione Bolivariana

La ribellione 4-F di Chavez in Venezuela riveste un'enorme importanza storica poiché ha segnato l'inizio di una nuova era nel panorama politico del paese. Il 4 febbraio 1992, l’allora tenente colonnello Hugo Chavez guidò la fallita ribellione contro l'allora presidente Carlos Andres Perez, che ebbe un impatto duraturo sul futuro del Venezuela. Questa ribellione non solo spinse Chavez sotto i riflettori nazionali, ma mise anche in moto una serie di eventi che alla fine portarono alla sua ascesa al potere della “Rivoluzione Bolivariana”. 

Uno dei motivi principali per cui la ribellione 4-F di Chavez è storicamente significativa è perché affrontò la corruzione profondamente radicata e la disuguaglianza economica che affliggeva il Venezuela all’epoca. Sotto il governo di Perez furono implementate radicali politiche neoliberiste che causarono impoverimento e diffusa insoddisfazione tra la popolazione. La ribellione di Chavez, guidata dal desiderio di affrontare questi problemi, ebbe notevole risonanza presso molti venezuelani che erano rimasti delusi dall'establishment politico.

Inoltre, la ribellione ha posizionato Chavez come un simbolo di resistenza contro le strutture di potere radicate. Nonostante sia stato incarcerato per il suo ruolo nella tentata rivolta, la personalità carismatica e la retorica rivoluzionaria di Chavez hanno continuato a risuonare tra le masse. La sua prigionia non fece altro che evidenziare ulteriormente la natura oppressiva del governo esistente e trasformare la sua figura, in quella di un martire per la libertà dei venezuelani oppressi.

Un altro aspetto cruciale della ribellione 4-F di Chavez è l'impatto che ha avuto sul panorama politico del paese. Nel 1998, appena sei anni dopo, Chavez si candidò con successo alla presidenza, vincendo la contesa elettorale. La vittoria di Chavez segnò un significativo allontanamento dalla tradizionale élite politica venezuelana e ha inaugurato una nuova era segnata da politiche socialiste. Attraverso misure come la ridistribuzione delle terre, la nazionalizzazione delle industrie e programmi di assistenza sociale, Chavez cercò di affrontare la povertà dilagante e la disuguaglianza che affliggevano il paese da decenni.

La ribellione 4-F di Chavez ha anche implicazioni regionali e internazionali più ampie. È servito da ispirazione per altri leader di sinistra in America Latina, generando un’ondata di movimenti rivoluzionari nella regione. Con la sua visione del “socialismo del 21° secolo”, Chavez ha cercato di sfidare l’egemonia degli Stati Uniti sostenendo un modello alternativo di governo radicato nella giustizia sociale e nell’antimperialismo. Ciò ha avuto risonanza in molti paesi del Sud del mondo e ha svolto un ruolo significativo nel plasmare le dinamiche geopolitiche regionali.

 

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela di Geraldina Colotti 28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico di Leonardo Sinigaglia 25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti