Accordo Cina-Ecuador: taglio del debito e prospettive future

Accordo Cina-Ecuador: taglio del debito e prospettive future

Tra taglio del debito e legami più stretti: l'accordo di libero scambio tra Cina e Ecuador

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'inizio del 2023 ha visto la conclusione dei negoziati per l'accordo di libero scambio tra Cina popolare ed Ecuador, al termine di quattro round di negoziati e una serie di incontri tecnici lungo le linee di una tabella di marcia compilata nel febbraio dello scorso anno in occasione della visita ufficiale a Pechino del presidente di destra Guillermo Lasso.

Grazie a questo accordo il Paese latinoamericano potrà godere di un accesso preferenziale per il 99% delle attuali esportazioni ecuadoriane verso il gigante asiatico, caratterizzate principalmente da prodotti agricoli e agroindustriali, già al centro del commercio bilaterale, con la prospettiva di estenderlo a nuove categorie.

L'accesso a un mercato che conta 1,4 miliardi di persone potrebbe consentire a Quito di stimolare crescita economica, investimenti e occupazione.  

La Cina popolare – principale partner economico non petrolifero per un commercio che si aggira intorno ai 10 miliari di dollari – è da tempo uno stretto partner dell'Ecuador, con relazioni che si sono approfondite durante il decennio (2007-2017) della presidenza progressista e integrazionista di Rafael Correa, fornendo un appoggio indispensabile dopo il default sul debito internazionale.

Da principale creditore di Quito, Pechino ha diretto gran parte dei finanziamenti (circa 3 miliardi di dollari) verso sei progetti idroelettrici.

A sottolineare ancora di più la solidità del rapporto va ricordato che l'Ecuador è stato nel 2021 il primo Paese dell'America del Sud a ricevere un finanziamento dalla Banca asiatica per gli investimenti e le infrastrutture (AIIB) – prestito di 50 milioni di dollari per sostenere piccole e medie impresi di fronte allo shock provocato dalla pandemia di Covid 19 - ideata da Pechino per sostenere lo sviluppo globale della Nuova via della seta.

La conclusione dei negoziati tecnici – a quali seguirà la firma del trattato – si inserisce all'interno di una politica cinese verso il continente latinoamericano che possiamo definire del “passo dopo passo” visto che quello con l'Ecuador sarà solo l'ultimo in ordine di tempo dei trattati di libero scambio dopo quelli già conclusi con Perù, Costarica e Cile.

Una politica che, proprio con Quito, ha iniziato ad affrontare con successo anche le problematiche legate al debito con la China Development Bank e la Export-Import Bank of China, due colossi bancari statali cinesi che insieme hanno fornito oltre 18 miliardi di dollari di prestiti dal 2010. 

Per quanto il debito verso la superpotenza asiatica non rappresentasse che il 10% di quello totale: la ristrutturazione – estensione e riduzione dei pagamenti e aggiustamento dei tassi di interesse - ha riguardato circa 4,5 miliardi di dollari permettendo a Quito di avere a disposizione 1,4 miliardi. L'attenzione, quindi, non va posta tanto sulle cifre e sull'impatto quanto sul lato “simbolico” come ha sottolineato lo studioso Augusto della Torre (direttore del Centro di ricerca economica presso l'Universidad de las Américas a Quito) che potrebbe avere ripercussioni su tutta la politica cinese verso il Sudamerica: si tratta di “un primo passo cruciale per rinnovare e modernizzare tutte le relazioni rilevanti dell'Ecuador con la Cina. È un primo passo in un'agenda più ampia, che dovrebbe includere il commercio, gli investimenti, la politica internazionale, ecc., ma nel contesto di una maggiore attenzione prestata alle libertà civili e ai diritti umani, controlli ed equilibri, trasparenza e preoccupazioni ambientali e sociali”.

Diego Bertozzi

Diego Bertozzi

Laureato in Scienze Politiche all'Università degli Studi di Milano, si occupa da tempo di storia del movimento operaio e di Cina. Ha pubblicato per Diarkos  "La nuova via della seta. Il mondo che cambia e il ruolo dell'Italia nella Belt and Road Initiative" (2019)

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti