Ad Odessa fu strage neo-nazista, anche per il Viminale

Ad Odessa fu strage neo-nazista, anche per il Viminale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

 


di Maurizio Vezzosi

 

Un documento rilasciato dalle autorità del Viminale conferma le testimonianze dei superstiti della strage consumatasi il 2 maggio del 2014, l’uso sistematico della violenza neonazista e della tortura da parte dei golpisti ucraini.


 

Ad oltraggiare la memoria dell'orrore consumatasi ad Odessa il 2 maggio del 2014 sono stati l'infangamento della verità, la censura mediatica ed il mandato politico che l'ha permessa insieme ad una guerra costata oltre diecimila morti ed un paese messo in ginocchio.


Una strage, quella di Odessa, per la quale ufficialmente non esistono dei responsabili, benché esistano delle vittime ufficialmente riconosciute.


Svetlana, la sopravvissuta della strage di Odessa a cui abbiamo dato voce lo scorso anno, con un documento che alleghiamo ha ricevuto ufficialmente il riconoscimento dello status di rifugiata da parte degli organismi del Viminale.
 

Il documento, dal quale abbiamo rimosso ogni riferimento sensibile per tutelare la sicurezza e l'incolumità di Svetlana, è stato prodotto dal Ministero dell'Interno dopo la valutazione della commissione territoriale di riferimento: Svetlana ha redatto per la commissione un documento in cui ha ripercorso la sua vicenda personale nelle tappe dei tragici eventi che con un colpo di stato hanno trascinato in Ucraina nella guerra civile che si trascina da oltre tre anni. Oltre ad offrire una descrizione puntuale della strage consumatasi nella Casa dei Sindacati di Odessa il 2 Maggio 2014, Svetlana ha descritto le pratiche dell'SBU (acronimo di Sluzhba Bezapaznosti Ukrainii, Servizi di Sicurezza dell'Ucraina), le violenze e le intimidazioni sistematiche subite da lei in prima persona così come da migliaia di oppositori in Ucraina.

 

Nel documento redatto da Svetlana e consegnato alle autorità italiane per il conseguimento dello status di rifugiata compare anche il nome di Alexey Albu, ex deputato regionale di Odessa e leader dell'organizzazione Borotba, anche lui sopravvissuto all'incendio della Casa dei Sindacati del 2 Maggio del 2014 dopo essere stato linciato dai neofascisti arrivati da ogni parte dell'Ucraina per schiacciare la resistenza dei numerosi odessiti del movimento Antimaidan.

 

La notizia che divulghiamo in anteprima segue una serie di riconoscimenti istituzionali importanti che nonostante il ritardo con cui hanno preso forma contribuiscono a sbugiardare le menzogne con cui ancora oggi si continuano a voler coprire le atrocità commesse in Ucraina in nome degli interessi oligarchici e delle politiche di strangolamento sociale progettate dal Fondo Monetario Internazionale.

 

Numerosi cittadini ucraini - come Svetlana - hanno ricevuto lo status di rifugiato in Italia ed in altri paesi dell'Unione Europea. Oltre agli oppositori, molti hanno lasciato il paese ed hanno deciso di non farvi ritorno quando è arrivata la chiamata alle armi nell’ambito della cosiddetta “Operazione antiterrorismo”: rientrare nell’Ucraina di Groisman e di Poroshenko significherebbe per loro finire nelle galere insieme agli attuali mille prigionieri politici - molti dei quali rinchiusi nelle carceri a regime speciale “SIZO”.

 

Per un approfondimento sulla strage di Odessa del 2 maggio 2014 rimandiamo all’intervista a Svetlana ed ai materiali presenti nell’appendice.

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti