/ Adobe e altre imprese cancellano ogni servizio al popolo del Vene...

Adobe e altre imprese cancellano ogni servizio al popolo del Venezuela

 

MISION VERDAD

9 OTTOBRE 2019 


Uno dei mantra che l'antichavismo non si è ancora stancato di recitare è che le sanzioni statunitensi sarebbero indirizzate solo contro il governo di Nicolás Maduro, ma non contro la popolazione che vive in Venezuela.
 
Personaggi come Julio Borges si schermano sotto questa premessa per continuare il loro tour internazionale negli Stati Uniti, in America Latina e nei paesi europei al fine di intensificare l'assedio della Repubblica Bolivariana.
 
Washington sostiene questa narrativa attraverso il famigerato ordine esecutivo 13844. Il testo afferma che "tutti i beni e gli interessi nei beni del governo del Venezuela" (o quelli che agiscono per conto del governo del Venezuela) che si trovano negli Stati Uniti "sono bloccati". E non possono essere trasferiti, pagati, esportati, ritirati o altrimenti utilizzati. "
 
Apparentemente, l'ordine è abbastanza ampio da toccare non solo i funzionari governativi e le società statali, ma anche il settore privato e qualsiasi altro individuo per il semplice fatto di essere venezuelano. A poche ore dalla firma dell'embargo totale nella Sala Ovale della Casa Bianca, gli effetti furono avvertiti in tutta la popolazione senza distinzione di orientamento politico.
 
Ciò accade di nuovo ora con l'annuncio della società Adobe Inc., che notifica ai suoi clienti venezuelani che cesserà di fornire i propri servizi al paese a tempo indeterminato a partire dal 28 ottobre.
 
Lo sviluppatore del software ha dichiarato in un messaggio inviato per posta agli utenti che non saranno in grado di effettuare nuovi acquisti dei servizi offerti dalla società e fissa una scadenza per accedere agli account e scaricare i file in essi contenuti.

   
Gli utenti venezuelani che non vivono più all'interno del paese ma che hanno effettuato l'acquisto della licenza prima di emigrare, hanno riferito che il loro accesso è stato ostacolato, dimostrando che l'azione arbitraria della società non fa eccezione a coloro che sono all'estero.
 
Lo stesso giorno, hanno annunciato misure simili TransFerwise, azienda di trasferimento di denaro internazionale e il social network Flickr.
 
La minaccia di TransFerwise può costituire un precedente per altri sistemi di trasferimento di denaro per eseguire lo stesso blocco, tagliando i canali alle aziende e alle persone che ricevono pagamenti internazionali per quella piattaforma.
 
La cancellazione dei servizi di PayPal, ad esempio, ostacolerebbe le relazioni commerciali e finanziarie dei commercianti di piccole e medie dimensioni, ma anche le piattaforme attraverso cui fluiscono rimesse di denaro o lavoro all'estero. Ancora una volta, l'attacco sarebbe contro il settore privato e anche contro i venezuelani che vivono di rimesse inviate da familiari e amici dall'estero.
 
Lo stesso vale per Adobe: se un'azienda tecnologica con una tale reputazione entra a far parte dell'agenda coercitiva negli Stati Uniti, nulla impedisce ad altri di farlo, come Windows o Microsoft.

 
COSA IMPLICA CHE IL CONSORZIO ADOBE HA VIETATO L'UTILIZZO DEI SUOI ??PROGRAMMI VENEZUELANI?
 
I suoi software grafici e multimediali sono utilizzati in aziende pubbliche e private per creare e visualizzare, tra le altre cose, le interfacce dei siti Web.
 
Estendendo le sanzioni esecutive degli Stati Uniti, Adobe elimina la vendita della licenza in Venezuela e nega l'accesso al pacchetto professionale a coloro che già disponevano di account.
 
Né ci sarà accesso a servizi gratuiti, tra cui il lettore Adobe PDF e il lettore multimediale Flash Player.
 
Allo stesso modo, alla popolazione venezuelana non sarà permesso vedere nuovi aggiornamenti di questi programmi sulle pagine web che li usano.
 
Non verranno effettuati rimborsi alle persone che hanno pagato la licenza.
 
Behance, una piattaforma sociale della stessa società di software, sospenderà l'accesso al Venezuela.
Un numero enorme di lavoratori grafici perderà quella finestra all'estero per mostrare il loro portfolio.
 
La misura riguarda direttamente i professionisti dell'audiovisivo che aveva l'azienda come principale fornitore di strumenti di lavoro.
 

È ANCHE CONTRO TE, OPPOSITORE VENEZUELANO
 
Indubbiamente, il centro nevralgico del blocco USA è il sabotaggio dell'entrata di cibo e medicine, i due elementi principali di un embargo di fatto in vigore dal 2016 con il blocco dei pagamenti internazionali da parte delle banche private.
 
L'apparato mediatico internazionale lo ha volutamente nascosto e fornito solo la copertura sui suoi effetti sulla popolazione, al fine di trasferire le responsabilità al governo di Nicolás Maduro e quindi accusarlo di generare una "crisi umanitaria".
 
Quello che succede ora con le restrizioni dell'embargo è che non c'è modo di collegarli a una presunta protezione degli interessi venezuelani, alla punizione dei funzionari per corruzione o al collasso delle istituzioni pubbliche.
 
Col passare dei mesi, le basi della propaganda per le sanzioni si indeboliscono.
 
La società Sedo è stata la prima a cancellare il servizio di dominio Internet nel paese. Poi è arrivato il caso della Venezuelan Professional Baseball League (LVBP), che non sarà in grado di assumere giocatori stranieri per questa stagione.
 
Tutte queste misure sostengono di rispettare la decisione dell'amministrazione Trump senza spiegare come le sue restrizioni danneggino solo il "regime" di Nicolás Maduro.
 
La confusione è percepita principalmente nei seguaci dell'antichavismo dentro e fuori il paese, poiché nonostante i solidi precedenti, considerano ancora l'idea venduta dal falso governo di Guaidó come reale che le sanzioni sono destinate ad aiutarli in un "transizione politica verso la democrazia".
 
Nel tentativo di spostarsi tra le manifestazioni di rifiuto, Guaidó ha preso le distanze dalla decisione di Adobe, promettendo che avrebbe chiesto che venisse annullato perché "non ha nulla a che fare con Nicolás Maduro".
 
In questa occasione, nemmeno il subordinato della Casa Bianca in Venezuela può arrivare a sostenere l'argomento secondo cui sia colpa del governo. La questione diventerà insostenibile se tali restrizioni saranno ripetute alla popolazione venezuelana in futuro.
 
Possono veramente gli oppositori fidarsi che i loro leader cercheranno di invertire il danno che hanno promosso e chiederanno la revoca dell'embargo totale sul Venezuela? Conoscendo l’antichavismo, è meglio avvisarli di non sperarci troppo.

Traduzione de l'AntiDiplomatico
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa