Alastair Crooke - Come l'Ucraina è divenuta il motore della guerra culturale interna negli Usa

Alastair Crooke - Come l'Ucraina è divenuta il motore della guerra culturale interna negli Usa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Alastair Crooke per Strategic Culture

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

Come è noto, la dottrina del "Perno della Storia" di Mackinder (1904), secondo cui "chi controlla l'Heartland asiatico controlla il mondo", è stata cementata nello Zeitgeist statunitense come dottrina inattaccabile, secondo cui un Heartland unito - che potrebbe sfidare gli Stati Uniti - non deve mai essere permesso. Brzezinski, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Carter, aggiunse che l'Ucraina, in virtù delle sue identità nazionali divise, intrecciate in vecchie complessità, doveva essere vista come il cardine attorno al quale ruotava il potere dell'Heartland: "Senza l'Ucraina, la Russia non sarebbe mai diventata la potenza dell'Heartland; ma con l'Ucraina, la Russia può diventarlo e lo farebbe", sosteneva Brzezinski.

Bene, l'idea era poi questa - mobilitare il feroce ultranazionalismo ucraino contro una Russia debole e farli combattere tra loro. Ma l'evoluzione della "dottrina Brzezinski" - abbastanza sorprendentemente - è sfociata in una serie di errori mitologici occidentali: In primo luogo, che la Russia è stata facilmente sconfitta in Afghanistan da pochi jihadisti armati alla leggera (non è vero). In secondo luogo, che l'Unione Sovietica e i suoi satelliti siano stati rovesciati da "rivoluzioni dal basso" (anche questo non è vero). E in terzo luogo, che un potente "Leviatano" dello Stato di sicurezza statunitense avrebbe garantito l'egemonia degli Stati Uniti (attraverso l'organizzazione di "Rivoluzioni dal Basso").

L'intento principale di Brzezinski potrebbe essere stato inizialmente quello di tenere Russia e Cina divise l'una dall'altra. Ma l'improvvisa implosione dell'Unione Sovietica (non correlata all'Afghanistan) è stata creata narrativamente per dare credito al meme di Francis Fukuyama End of History [La fine della storia] e The Last Man [L'ultimo uomo]. Dopo la guerra fredda e il crollo dell'impero comunista sovietico, il modello politico, culturale ed economico americano è stato ampiamente ritenuto "The Last Man Standing" ["L'ultimo uomo rimasto"].

Anche l'"Afghanistan" ha alimentato il mito degli insorti islamici come soluzione ideale per gli Stati "arretrati" che necessitano di nuovi leader occidentali e lungimiranti. (Fu Brzezinski a convincere Carter a inserire il radicalismo islamico in Afghanistan per scalzare il socialista Najibullah, sostenuto dai russi). L'"Afghanistan" è stato di fatto il pilota della "Primavera araba" - una "pulizia" globale che, si sosteneva, avrebbe posto fine alle vestigia della precedente influenza sovietica e creato nuova stabilità.

L'eccitazione nei circoli neocon era palpabile. Il successo dell'America nella Guerra Fredda veniva attribuito (oltre che ai vantaggi "genetici" della cultura occidentale) al potenziamento degli apparati militari e di sicurezza. In teoria, la fine della Guerra Fredda avrebbe potuto rappresentare un'opportunità per tornare ai principi originari dei Fondatori americani di distanza dai conflitti europei e di cautela nei confronti dei leviatani militari e della sicurezza. L'implosione sovietica sembrava foriera di tensioni globali sfogate, di pressioni liberate.

Ma poi è successo "qualcosa" di estraneo, fuori dal nulla; qualcosa che in un colpo solo ha invertito la logica del previsto "dividendo della pace" della Guerra Fredda, "rinvigorendo lo Stato di sicurezza militare a nuove altezze", osserva Gordon Hahn. Il potere dello Stato di sicurezza militare iniziò, da questo momento in poi, a essere dispiegato all'estero - al servizio della guerra culturale in via di globalizzazione.

Quello che era successo era l'"11 settembre".

Ma poi una nuova "svolta" ha portato l'America lontano, su una strada completamente diversa. Barack Obama ha infuso nuova energia allo Stato di sicurezza militare. L'amministrazione Obama, tuttavia, non era tanto motivata dall'egemonia d'oltreoceano (anche se non vi si opponeva). L'obiettivo era invece quello di portare avanti la rivoluzione culturale in atto negli Stati Uniti.

Cosa è successo? E come è collegata l'Ucraina a tutto questo?

Uno storico culturale americano "preveggente", Christopher Lasch, aveva previsto questa "svolta" americana già nel 1994. Ha scritto un libro - Revolt of the Élites - descrivendo come una rivoluzione sociale sarebbe stata "spinta al limite" dai figli radicalizzati della borghesia. I loro leader non avrebbero quasi nulla da dire sulla povertà o sulla disoccupazione. Le loro richieste si sarebbero incentrate su ideali utopici: diversità e giustizia razziale - ideali perseguiti con il fervore di un'ideologia astratta e millenaria.

Uno dei punti chiave dell'insistenza di Lasch era che i futuri giovani marxisti americani avrebbero sostituito la guerra culturale con la guerra di classe.

Non si trattava di una "Rivoluzione dal Basso" (come sarebbe diventato il mito della Guerra Fredda riguardo alla sfera sovietica) - ma di una "Rivoluzione" dall'"Alto", ordita all'interno delle élite costiere americane.

Lasch prevedeva che questa rivoluzione sarebbe stata contrastata, ma non nelle fasce alte della società. I Leader della Grande Filantropia e i Miliardari delle Imprese ne sarebbero diventati i facilitatori e i finanziatori. Il loro ideale era quello di realizzare un profondo cambiamento strutturale all'interno della società - il loro impulso derivava dalla convinzione che il movimento per i diritti civili non fosse riuscito a produrre il cambiamento radicale necessario.

Ciò significava spostare il potere dalle élite "spesso bianche e maschili", percepite come parte dell'ingiustizia strutturale della società, per mettere la ricchezza e il potere della Grant Foundation direttamente nelle mani di coloro contro i quali la discriminazione era stata sistematicamente praticata. Il paradigma sociale doveva essere invertito: discriminazione positiva a favore delle vittime dell'identità - e discriminazione negativa per coloro che erano legati a strutture presenti o passate di discriminazione razzista, di genere o sessuale.

Questa nuova forma di rivoluzione americana si è trasformata in una vera e propria "svolta" con l'amministrazione Obama, quando le forze dello Stato di sicurezza militare si sono concentrate all'interno della società per imporre le norme di questa ingegneria culturale.

Si è trattato di una vera e propria "Rivoluzione dall'Alto" (termine di Hahn), che ha portato a due metà della società che hanno sposato interpretazioni completamente contraddittorie della storia americana. Per una parte, l'America è una storia di razzismo, discriminazione e schiavitù. Per l'altra, invece, è la storia di figure eroiche che hanno liberato lo Stato dalla Gran Bretagna coloniale e hanno riconfigurato la società sulla base di una Costituzione considerata una sintesi dei valori morali tradizionali europei.

Queste due parti non solo differiscono ideologicamente (e metafisicamente), ma sposano anche modelli economici molto diversi. E ciascuno vede l'altro come una natura totalitaria e una "minaccia per lo Stato".

Ma ciò che forse è più sorprendente è che il "Progetto Ucraina" ha alimentato questo scisma culturale interno - e (in un certo senso) è diventato il simbolo della divisione culturale interna agli Stati Uniti.

Ancora meno atteso, forse, è stato il modo in cui la questione ucraina ha mobilitato la maggior parte degli Stati non occidentali in qualcosa che assomiglia a un'insurrezione contro l'Ordine delle Regole e alla richiesta di una sua radicale riforma.

La guerra in Ucraina non ha causato direttamente lo scisma. Ma ha comunque acceso qualcosa di latente; qualcosa che ribolle sotto la superficie all'interno della sfera occidentale. In parole povere, ha suscitato un cambiamento nella coscienza globale.

Non si può sospettare che la Russia abbia deliberatamente alimentato questa "guerra culturale", poiché le sue radici affondano saldamente nella teleologia politica euro-americana. La frattura era comunque destinata a verificarsi - ma l'Ucraina è stata un acceleratore.

Brzezinski potrebbe essere vittima delle conseguenze invisibili e inavvertite che la storia a volte produce. Voleva dividere l'Heartland, ma inserendo il suo Grande Scacchiere in una cornice escatologica di una lotta "alla fine del tempo" tra il bene e il male, ha contribuito agli errori di calcolo strategico che sembrano destinati a concludersi con la caduta dell'Occidente.

La guerra in Ucraina "è direttamente collegata al completo fraintendimento da parte dell'Occidente del crollo sovietico e della Russia post-sovietica. L'Occidente ha frainteso la caduta del regime comunista sovietico: o come una rivoluzione dal basso, o come una "transizione democratica". Non si è trattato di nessuna delle due cose. Nel primo caso, le élite politiche erano inclini a credere nel mito di una "rivoluzione popolare" dal basso, su base ampia e sociale, perché questa era la teleologia politica dettata dal modello della "fine della storia"" (Gordon M. Hahn, "Russia's Revolution From Above: Reform, Transition, and Revolution in the Fall of the Soviet Communist Regime", 1985-2000).

Gli accademici occidentali, nel frattempo, inserirono il caso russo nella teoria allora di moda: la teoria della transizione. La combinazione di questi fattori ha portato a un atteggiamento di condiscendenza nei confronti della Russia, a una sottovalutazione dello status di grande potenza storicamente persistente della Russia e, soprattutto, alla derisione e al disprezzo occidentale nei confronti del revival russo del suo passato tradizionalista ancora vivo.

In questo contesto, non è difficile capire come l'Ucraina sia diventata un motore di questa (per ora fredda) guerra culturale interna.

Non solo la guerra in Ucraina è stata cementata nel meme escatologicamente progressista della "End of History" ["fine della storia"], ma l'imperativo di raggiungere un risultato positivo viene regolarmente elevato, in termini manichei, a "Armageddon" in una lotta tra il bene e il male.

La guerra in Ucraina è stata anche concepita come la proiezione di una nuova "comunità immaginata" identitaria, della diversità e favorevole ai trans, in opposizione polare ai valori tradizionali russi. Questo scontro di valori non potrebbe essere meglio simboleggiato che dai suoi due portavoce: Da un lato, la trans del Nevada Sarah Ashton-Cirillo, che fino a un giorno fa era portavoce militare dell'Ucraina, e dall'altro Maria Zakharova, portavoce del Ministero degli Esteri russo.

Abbiamo capito. Anche il mondo sembra averlo capito.

"Ciò per cui la Russia si batte" - la sua narrazione, il suo "significato" - è percepito come un affronto alla "rivoluzione" culturale di Obama-Biden. Cancellare la narrazione rivoluzionaria di Putin al Mondo, come ha affermato un diplomatico occidentale, è importante, a suo avviso, quanto non permettere a Trump di diventare nuovamente Presidente.

Il Sud Globale può entrare in empatia con coloro che resistono alle imposizioni culturali che vanno controcorrente rispetto ai valori annosi della civiltà.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti