Alastair Crooke - La realtà autoimmaginata del G7 si è trasformata in delirio

Alastair Crooke - La realtà autoimmaginata del G7 si è trasformata in delirio

L'interminabile e aspro antagonismo nei confronti di Putin e della Russia ha attivato il distacco di una realtà auto-immaginata, che alla fine è diventata un delirio.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Alastair Crooke per Strategic Culture

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

Il recente vertice del G7 dovrebbe essere inteso, in primo luogo, come la definizione di uno spazio di battaglia nella "Guerra delle narrazioni", il cui principale "fronte" oggi è l'insistenza del Team Biden sul fatto che solo una "realtà" – l'ideologia delle "Regole" guidata dagli Stati Uniti (e solo essa) – può predominare. E, in secondo luogo, per sottolineare con forza che l'Occidente "non sta perdendo" in questa guerra contro l'altra "realtà". Quest'altra realtà è la polivalente "alterità" che, evidentemente, sta attirando sempre più consensi in tutto il mondo.

Molti in Occidente semplicemente non sono consapevoli della velocità con cui le placche tettoniche geopolitiche si stanno spostando: La biforcazione originaria della placca (la fallita guerra finanziaria dichiarata alla Russia), ha già portato a un'ondata di accumulo. La rabbia sta crescendo. Le persone non si sentono più sole nel rifiutare l'egemonia occidentale – "non gliene frega più niente".

Nella settimana che ha preceduto il vertice del G7, la Lega Araba è letteralmente "diventata multipolare"; ha abbandonato la sua precedente automaticità pro-USA. L'abbraccio al presidente Assad e al governo siriano è stato la logica conseguenza del cambiamento della placca tettonica secondario messo in moto dalla Cina con la sua diplomazia saudita-iraniana – una rivoluzione che Mohammad bin Salman (MbS) ha poi logicamente esteso all'intera sfera araba.

MbS ha suggellato questa "liberazione" dal controllo statunitense invitando il Presidente al-Assad al Vertice per simboleggiare l'atto di iconoclastia generalizzata della Lega.

Per l'Occidente è ontologicamente impossibile tollerare che la propria realtà venga smontata: vedere la propria società e il mondo divisi in due. Tuttavia, la realtà narrativa è così radicata attraverso l'efficacia ben affinata della messaggistica dei media mainstream, che i politici sono diventati pigri. Non hanno bisogno di argomentare le loro ragioni e non hanno nemmeno alcun incentivo a trattenersi dalle falsità.

La dinamica è esorabile: una "realtà monolitica" sopravvalutata si evolve in una lotta manichea all'ultimo sangue. Qualsiasi passo indietro da parte dei "mandanti" potrebbe far crollare il "castello di carte" della narrazione mediatica.  (Questa nozione di realtà monolitica non è condivisa dalla maggior parte delle altre società che vedono la realtà come sfaccettata).

La negazione diventa endemica. Così, assistiamo a un G7 interventista, che distoglie l'attenzione dalla battuta d'arresto narrativa (la caduta di Bakhmut) abbracciando con disinvoltura una manovra per la fornitura di F-16 all'Ucraina; castiga la Cina per non aver fatto "indietreggiare" il Presidente Putin in Ucraina; e usa l'incontro per definire uno schema narrativo per il prossimo confronto con la Cina sulle questioni commerciali e su Taiwan.

Una commentatrice (durante il vertice) si è chiesta: "Sono ancora in Europa o in Giappone?", mentre ascoltava la retorica come se fosse stata presa dal precedente discorso della Von Der Leyen all'UE. La Von de Leyen aveva elaborato la formulazione di "de-risking" [la riduzione dei rischi] con la Cina per mascherare la strisciante biforcazione della produzione tra UE e Cina nella fabbrica della Commissione UE. Questa osservazione serve comunque a sottolineare come la Von der Leyen sia diventata di fatto un membro del Team Biden.

La Cina ha risposto con rabbia all'accusa del vertice del G7 di essere diventato un seminario per "infangare" e calunniare la Cina.

Il G7 ritiene che questo ampio schema narrativo del confronto con la Cina sia necessaria perché il resto del mondo non vede la Cina come una vera "minaccia" per gli Stati Uniti:  Piuttosto, capiscono che le vere "minacce" agli Stati Uniti derivano dalle loro divisioni interne e non da fonti esterne.

L'importanza del G7 non risiede tanto nelle narrazioni anti-cinesi lanciate, ma, a ben vedere, perché l'intero episodio esprime una negazione occidentale arrogante, che fa presagire un pericolo estremo nei confronti dell'Ucraina. L'episodio è indice della realtà che l'Occidente – nella sua attuale modalità mentale – non sarà in grado di proporre alcuna iniziativa politica credibile per porre fine al conflitto ucraino (ricordiamo che Mosca è stata duramente colpita dal precedente episodio di Minsk).

Il linguaggio del G7 abiura ogni seria diplomazia e segnala che l'imperativo rimane quello di mantenere il mantra di "non saremo sconfitti": la caduta di Bakhmut non è una sconfitta per Kiev, ma una perdita di Pirro per Putin; l'Ucraina sta vincendo, Putin sta perdendo, è stato il messaggio del G7.

L'arroganza risiede nella perenne condiscendenza occidentale nei confronti del Presidente Putin e della Russia. Washington (e Londra) non riescono a togliersi dalla testa la convinzione che la Russia sia fragile, che le sue forze armate siano a malapena, se non del tutto, competenti, che la sua economia sia al collasso e che quindi Putin probabilmente coglierebbe al volo qualsiasi "ramo d'ulivo" che l'America voglia offrirgli.

Che il Presidente Xi possa – o voglia – fare pressione su Putin affinché "faccia marcia indietro" in Ucraina e accetti un cessate il fuoco alle condizioni dell'UE – che sono le "condizioni di Zelensky" – è delirante.  Eppure, alcuni importanti leader dell'UE sembrano davvero pensare che Putin possa essere convinto da Xi o Modi ad uscire dall'Ucraina a condizioni del tutto favorevoli a Kiev.  Questi leader europei sono semplicemente pericolosamente ostaggio dei processi psicologici che alimentano il loro negazionismo.

La Russia sta "vincendo" sul fronte della guerra finanziaria e sul fronte diplomatico globale. Ha un vantaggio schiacciante in termini di numero di forze; ha un vantaggio in termini di armamenti; ha un vantaggio nei cieli e nella sfera elettromagnetica. Mentre l'Ucraina è allo sbando, le sue forze sono decimate e l'entità di Kiev si sta sgretolando rapidamente.

Ma non "ci arrivano"?  No. L'interminabile e aspro antagonismo nei confronti di Putin e della Russia ha portato una realtà auto-immaginata a staccarsi, ad allontanarsi sempre di più da qualsiasi legame con la realtà, e poi di transitare nell'illusione – attingendo sempre a cheerleader di pari livello per la convalida e la radicalizzazione estesa.

Si tratta di una psicosi grave. Perché invece di affrontare il conflitto in modo razionale, l'Occidente se ne esce sempre con "fallimenti in partenza" come il "conflitto congelato". Pensano seriamente che la Russia "se ne starà seduta" mentre l'Occidente "erige" un proxy della NATO "armato fino ai denti" nell'ovest dell'Ucraina?  Un proxy che sarà una piaga incancrenita nel fianco della Russia, e che dissanguerà le risorse russe, a lungo termine? Pensano forse che l'Alto Comando russo si sia perso la lezione dell'Afghanistan? Posso dirvi che non è così. Ho partecipato a quella tragedia.

Quale sarà il prossimo passo? La Russia probabilmente aspetterà di vedere se Kiev sarà in grado di organizzare un'offensiva – o meno. Se Kiev dovesse lanciare un'offensiva, sarebbe sensato per la Russia lasciare che le forze ucraine si buttino sulle linee difensive russe, e che spendano ulteriormente le loro forze, in un nuovo "tritacarne". Mosca verificherà se i sostenitori di Kiev sono pronti a riconoscere i "fatti sul campo", piuttosto che una realtà immaginaria, accettando le condizioni di Mosca. In caso contrario, il logoramento russo potrebbe continuare, e continuare, fino al confine polacco. Non c'è altra opzione – anche se si tratta dell'ultima scelta di Mosca.

Il dirottamento degli F-16 non cambierà l'equilibrio strategico della guerra, ma ovviamente la prolungherà. Tuttavia, i leader europei al G7 hanno accolto la proposta.

Il tenente colonnello Daniel Davis, Senior Fellow di Defence Priorities a Washington, ha avvertito:

"Non c'è motivo di aspettarsi un cambiamento drastico nelle fortune di Kiev nella guerra a causa di questi [gli F-16]. Anche i 40-50 jet che l'Ucraina starebbe richiedendo non modificheranno sostanzialmente il corso della guerra. La domanda più importante che gli americani dovrebbero porre a Biden, tuttavia, è la seguente: 'a quale scopo? Cosa si aspetta l'Amministrazione dalla consegna degli F-16? Cosa speriamo di ottenere fisicamente? Quale stato finale prevede il Presidente per la guerra e in che modo la presenza degli F-16 migliorerebbe le possibilità di successo?'

"Per quanto posso determinare, queste domande non sono state nemmeno poste, tanto meno hanno avuto risposta, dai funzionari dell'amministrazione o del Pentagono... Washington dovrebbe iniziare a concentrarsi molto di più sui mezzi concreti per salvaguardare gli interessi americani e porre fine alla guerra, e meno sulle consegne di armi insignificanti che non sembrano far parte di alcuna strategia coerente."

La stessa domanda dovrebbe essere posta all'UE: "A quale scopo?". La domanda è stata posta, e ancor meno è stata data una risposta?

Ebbene, rispondiamo: A cosa serviranno 50 F-16?  I leader europei dicono di voler porre fine al conflitto in tempi brevi, eppure questa iniziativa otterrà l'esatto contrario. Rappresenterà un'altra pietra miliare nell'escalation verso la "guerra per sempre" contro la Russia che alcuni desiderano ardentemente. La Russia probabilmente vedrà poche alternative se non quella di procedere a una guerra totale contro la NATO.

Gli europei sembrano incapaci di dire "no" all'America.  Tuttavia, il Col. Davis avverte chiaramente che l'intenzione degli Stati Uniti è quella di "spostare l'onere del sostegno fisico all'Ucraina ai nostri partner europei". Implicitamente, questo suggerisce una "guerra lunga" in Europa.  Come siamo arrivati a questo punto, per l'amor del cielo?  (in quanto non abbiamo riflettuto a fondo fin dall'inizio, con una guerra finanziaria alla Russia abbracciata con tanto entusiasmo e senza riflettere dall'Europa).

Recentemente, il Financial Times ha scritto che l'Ucraina ha cinque mesi di tempo per dimostrare alcuni "progressi" agli Stati Uniti e agli altri finanziatori occidentali, per convincerli dei suoi piani per il conflitto con la Russia: "Se arriveremo a settembre e l'Ucraina non avrà fatto progressi significativi, allora la pressione internazionale [sull'Occidente] per portarli ai negoziati sarà enorme".

Ebbene, il Col. Davis afferma che "è poco probabile che i caccia [F-16] vedano un combattimento nei cieli dell'Ucraina quest'anno".  Quindi, Biden ha semplicemente esteso con disinvoltura la guerra ben oltre settembre.

Se l'Europa vuole una fine anticipata della guerra, deve sperare che il "progetto" di Kiev imploda presto.  (E potrebbe farlo, nonostante gli F-16).

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti