All’orizzonte nuove privatizzazioni

All’orizzonte nuove privatizzazioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Federico Giusti

Sgravi fiscali, aiuti alle imprese, riscrittura del Pnrr e una economia stagnante. Come uscirà l’Italia dalla palude dell’austerità?

Negli ultimi giorni abbiamo assistito a veri e propri giochi di prestigio in ambito governativo attorno ai fondi destinati alla aree terremotate. Da una parte la Lega e FdI che volevano limitare le spese concentrando gli aiuti fiscali alle imprese sotto forma di sgravi fiscali per nuove assunzioni, dall’altra invece la preoccupazione degli amministratori locali di centro destra specie nelle aree colpite dal terremoto per non parlare poi dei Comuni che hanno già anticipato fondi per opere e attendono da mesi i finanziamenti statali.

Alla fine le aree interessate dalla ricostruzione dopo il terremoto avranno il 110% con sconto in fattura e cessione del credito “ ma fino a quando la spesa per il bilancio pubblico toccherà i 400 milioni di euro”. Parliamo di oltre 130 comuni  tra Marche, Abruzzo, Lazio e Umbria ai quali destinare 330 milioni, , altri 70 andranno invece ai Comuni abruzzesi che attendono per altro i fondi dal 2009.

A prevalere sono state le ragioni elettorali, per non deludere l’elettorato dell’Abruzzo dopo il voto a favore del centro destra e quelli del centro Italia nei quali si voterà nel 2025.

Siamo in attesa del Def che dovrà tenere conto degli ammonimenti della Ragioniere generale dello Stato. Per attingere dai fondi Pnrr l’Italia deve contenere il disavanzo oscillante, nel 2023, tra il  7,6 e il 7,8% del Pil, ben oltre le previsioni recepite dalla Manovra di Bilancio di fine anno.

Ancora una volta bisogna fare il conto con i dettami europei che regolano il rapporto tra debito statale e Pil, Pil la cui crescita è veramente bassa se confrontata con altri paesi europei che pur si dibattono in una crisi economica derivante dai rincari generalizzati prodotti dalla guerra in Ucraina.

Il Governo Meloni gioca ogni carta per non perdere di credibilità al cospetto della Ue e siamo certi che nei prossimi mesi venderanno i classici gioielli di famiglia con nuove campagne di privatizzazione che poi faranno la fortuna delle stesse imprese beneficiare dei bonus fiscali.

Per l’anno  2025 devono ancora essere reperiti i 14 miliardi a copertura dei tagli a Irpef e cuneo fiscale.

Le domande sorgono quindi spontanee , proviamo allora a formularne alcune:

  • i tagli al cuneo fiscale alle imprese hanno alimentato una occupazione stabile? Ad oggi i risultati ottenuti sono alquanto deludenti, gli sgravi fiscali sono scambiati con dei contratti troppo spesso a tempo determinato.
  • la riscrittura del Pnrr sancisce il de finanziamento di molti interventi destinati ai territori che in teoria dovrebbero essere finanziati con il Bilancio statale. Molti degli interventi prima finanziati dal Pnrr sono ad oggi senza copertura perché lo Stato non potrà accrescere il debito
  • la crescita dell’economia è inferiore alle attese? Ovviamente si e le politiche improntate agli sgravi fiscali alla fine si ripercuotono sulle entrate dello Stato.
  • Quali saranno gli interventi necessari per far ripartire l’economia italiana? Le risposte per la Ue sono quelle di puntare tutto su economia green, investimenti tecnologici per accrescere la produttività, robotizzazione degli impianti industriali e ampio ricorso a tecnologie di ultima generazione sotto il ferreo controllo comunitario. La solita furbizia italica per anni ha giocato le proprie carte sull’austerità salariale e sul contenimento della dinamica contrattuale ma all’orizzonte ci sono milioni di lavoratori e lavoratrici in attesa dei rinnovi di numerosi CCNL e alcune grandi aziende hanno già annunciato esuberi che dovranno essere sostenuti con gli ammortizzatori sociali. Non basterà scambiare aumenti con benefit e welfare aziendale, il potere di acquisto di salari e pensioni è stato eroso negli ultimi 40 anni a tal punto da costituire un problema sociale non risolvibile con i soliti accordi concertativi.

Nei prossimi mesi i nodi arriveranno al pettine.

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti