Ambasciatore russo negli USA: L'indignazione USA per la cooperazione militare-nucleare Mosca-Minsk è ipocrita

Ambasciatore russo negli USA: L'indignazione USA per la cooperazione militare-nucleare Mosca-Minsk è ipocrita

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'indignazione dell'amministrazione statunitense per lo sviluppo della cooperazione tra Russia e Bielorussia nella sfera militare-nucleare è ipocrita e non regge alle critiche, ha ribadito l'ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov.

"La propensione degli Stati Uniti e dei suoi alleati a capovolgere i fatti e la logica non è stata a lungo una sorpresa per noi", ha detto l'ambasciata russa citando Antonov dal suo canale Telegram. "L'indignazione dell'Amministrazione per il rafforzamento della cooperazione Russia-Bielorussia nell'area nucleare militare è ipocrita e non regge alle critiche".

"Il comunicato dell'Alleanza afferma che il dispiegamento delle nostre armi nucleari tattiche in Bielorussia mina la stabilità strategica e la sicurezza nell'area euro-atlantica”.

"Allo stesso tempo, ritiene anche che le armi nucleari statunitensi in Europa servono a preservare la pace e scoraggiare l'aggressione. Questa è un'altra conferma dei doppi standard che sono prevalenti nella NATO", ha aggiunto l'ambasciatore.

“Vorrei ricordarvi che i membri dell'Alleanza non nascondono che le loro armi nucleari e le loro esercitazioni sono dirette contro la Russia. Stanno chiedendo sempre più spesso di spingere la loro infrastruttura nucleare più vicino ai confini dello Stato dell'Unione di Russia e Bielorussia", ha sottolineato Antonov.

"Le azioni che stiamo intraprendendo sono di natura difensiva di fronte alla guerra ibrida a tutto campo scatenata contro la Russia con l'intenzione dichiarata di infliggerci una 'sconfitta strategica'", ha detto Antonov. "A differenza della NATO, le nostre misure di sicurezza vengono prese all'interno del territorio dello Stato dell'Unione, che forma uno spazio di difesa comune".

Il 25 marzo, il presidente russo Vladimir Putin aveva dichiarato che la Russia, su richiesta di Minsk, avrebbe dispiegato le sue armi nucleari tattiche sul suolo bielorusso, proprio come gli Stati Uniti hanno dispiegato elementi del proprio arsenale nucleare sul territorio dei propri alleati.

Mosca ha già trasferito il sistema nucleare Iskander a Minsk e sta aiutando i suoi colleghi bielorussi a riattrezzare di conseguenza i loro aerei. Le truppe e i piloti missilistici bielorussi sono stati sottoposti a un addestramento pertinente in Russia.

Il 16 giugno Putin aveva annunciato che le prime testate nucleari russe erano già state consegnate alla Bielorussia e che l'intero lotto sarebbe stato dispiegato entro la fine dell'anno. Il 23 giugno, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko aveva poi confermato che una parte significativa delle testate programmate per essere consegnate era già arrivata nella repubblica.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti