Argentina in crisi: salari miseri e costo della vita alle stelle

Argentina in crisi: salari miseri e costo della vita alle stelle

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Mentre Javier Milei consegna la sovranità dell’Argentina agli Stati Uniti, giocando con gli imperialisti alla guerra in modo irresponsabile, continua la sua opera di demolizione dell’economia. 

Dopo appena pochi mesi di cura neoliberista l’Argentina è in cima alla classifica dei salari più bassi, ha una scarsa performance nelle pensioni e ha i prodotti più costosi della regione nei supermercati. A causa dell'impatto inflazionistico della svalutazione di dicembre, con i salari reali invece fermi, con un salario minimo che supera a malapena i 264 dollari, il Paese è tra quelli con i peggiori salari in dollari. Nel frattempo, prodotti essenziali come latte, caffè e pasta sono più costosi che in questi Paesi, come evidenzia il quotidiano Pagina|12.

Con il recente aggiornamento del salario minimo a poco più di 260 dollari, l'Argentina è tra i Paesi con il peggior salario minimo misurato in questa valuta nella regione e in Spagna. 

Il rapporto mostra l'Argentina con un salario minimo di 264 dollari al tasso di cambio ufficiale, molto indietro rispetto a Paesi come il Brasile (274 dollari), la Bolivia (362 dollari) o il Cile (516 dollari). Tra tutti i Paesi analizzati dall'Università, la Spagna è quello con il salario minimo più alto, che raggiunge i 1141,30 dollari al mese. Seguono Cile, Messico (462 dollari), Bolivia, Colombia (339 dollari), Brasile e Perù (275 dollari).

“Nonostante il basso reddito minimo garantito rispetto ad altri Paesi, lo stesso non si osserva nel consumo dei supermercati”, afferma l'Undav, che mostra un confronto tra i prezzi di alcuni prodotti da supermercato, dove risulta evidente che l'Argentina ha i prezzi più alti per prodotti essenziali come latte, caffè o pasta.

L'Osservatorio delle politiche pubbliche ha condotto un'indagine sui prezzi di cinque prodotti di base come nafta, latte, pollo, caffè e pasta nei supermercati online di Argentina, Cile, Spagna, Brasile, Colombia, Messico, Bolivia e Perù. In tre dei cinque prodotti, latte, caffè e pasta, l'Argentina ha i prezzi più alti. Un litro di latte si trova nei supermercati a 1,47 dollari, mentre in Spagna, che ha un salario minimo quattro volte superiore a quello argentino, il latte costa poco meno della metà, 0,90 dollari al litro. 

Il caffè si trova a 20,30 dollari nei supermercati argentini, mentre in Spagna si può acquistare a 7,39 dollari e in Bolivia, che ha un salario minimo 1,37 volte superiore a quello argentino, a 9,84 dollari, quasi la metà del prezzo. La pasta, il terzo dei prodotti in cui l'Argentina è in testa alla classifica dei prezzi, si trova nei supermercati a 1,13 dollari per una confezione da 500 grammi. In Spagna, la stessa confezione costa 0,89 dollari e in altri Paesi della regione, come Brasile, Colombia e Bolivia, il prezzo è inferiore a 0,78 dollari per confezione.

Anche per gli altri due prodotti messi a confronto, il pollo e la benzina, il Paese è caro rispetto alla maggior parte degli altri. Un chilo di pollo viene offerto nei supermercati a 2,82 dollari, più economico rispetto a Cile e Spagna, ma superiore al resto. Un litro di benzina, a 1,07 dollari, è tra i più bassi della tabella, superando solo Bolivia (0,54 dollari) e Colombia (1,07 dollari). 

Undav spiega che, dopo il balzo di dicembre, l'inflazione mensile è scesa di mese in mese grazie alla variazione del 2% del tasso di cambio, che è stato possibile sostenere grazie alla stretta monetaria derivante dall'aggiustamento fiscale.  Tuttavia, se la variazione del tasso di cambio è stata del 2% dall'inizio dell'anno, vale la pena chiedersi perché sia ancora a livelli così alti. “La risposta ha a che fare con due fattori: una componente inerziale derivante dall'indicizzazione dei contratti nell'economia, che difficilmente scenderà al di sotto del 5% al mese, e a causa della variazione dei prezzi relativi che continua ad essere in discussione”.

Su questo secondo punto, si fa riferimento a settori che considerano i loro prezzi bassi rispetto ad altri e, poiché i prezzi sono inflessibili verso il basso, il nuovo vettore dei prezzi relativi non può essere trovato in altro modo che aumentando alcuni prezzi più di altri. In effetti, quest'anno c'è una significativa eterogeneità nella variazione dei prezzi per capitolo.

Secondo l'Undav, la svalutazione ha avuto un impatto sui prezzi e un calo dei salari che non è stato compensato dal successivo forte apprezzamento. Questo produce la sensazione che l'Argentina sia “cara” nel confronto internazionale. Sebbene in termini di tutti i prezzi dell'economia, l'Argentina sia ben lontana dall'essere uno dei Paesi più cari al mondo, si è registrato un forte aumento dei prezzi in dollari, il che significa che soprattutto i beni sono molto costosi. I servizi, sebbene siano aumentati di più quest'anno, sono ancora indietro, proprio perché una componente importante dei servizi sono i salari, che sono sostanzialmente fermi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti