Argentina: repressione delle proteste contro le riforme di Milei

Argentina: repressione delle proteste contro le riforme di Milei

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Neoliberismo selvaggio e repressione della protesta sembrano essere un binomio inscindibile. A tal proposito l’Argentina di Javier Milei ci fornisce un’ulteriore conferma. 

Almeno sei persone arrestate - alcune con ferite - e un poliziotto travolto da un autobus sono stati il risultato della strategia organizzata dai ministeri della Sicurezza della Nazione e della Città di Buenos Aires per impedire i blocchi stradali ed esagerare con la mano dura nella prima manifestazione di massa contro il nuovo governo del fanatico Milei. 

Dopo una marcia pacifica che ha invaso la Plaza de Tribunales e si è sciolta pacificamente, la mega-operazione messa in campo da Patricia Bullrich e Waldo Wolff si è tradotta in uno spettacolo di polizia che ha spazzato via chi stava lasciando la manifestazione, compresi gli operatori della stampa che hanno raccontato in diretta gli eventi, come si apprende dalla stampa argentina.

Nonostante il clima di crescente tensione generato dallo shock degli aumenti e dagli annunci antipopolari del governo di Javier Milei, la manifestazione organizzata dalla CGT, dalle due CTA e dall'UTEP, tra le altre organizzazioni sindacali e sociali scese in piazza, si è svolta senza problemi in mezzo a un enorme dispiegamento di forze di sicurezza federali più la Polizia Municipale, in conformità con il "protocollo di ordine pubblico" che Bullrich e Wolff hanno monitorato dal Dipartimento Centrale della Polizia Federale.

Il deflusso è stato tranquillo, nonostante la polizia avesse chiuso la principale via di evacuazione, la Diagonal Norte che porta all'Obelisco, costringendo la gente a lasciare la piazza attraverso strade più strette. Il primo episodio che ha generato tensione tra i poliziotti in divisa si è verificato quando un autobus della linea 26, che stava facendo il suo normale percorso nonostante le centinaia di persone che invadevano i marciapiedi di Avenida Corrientes, ha investito il poliziotto Gabriel Piri, che è rimasto privo di sensi sull'asfalto ed è stato portato via in ambulanza, secondo quanto riporta il quotidiano Pagina|12.

Il parapiglia che si è generato tra gli stessi agenti in divisa e i tentativi di contenere la folla hanno generato i primi attriti e i primi arresti quando la polizia è avanzata con gli scudi per attaccare i manifestanti.

Martín Brunas, addetto stampa di Unidad Popular e membro della CTA Autónoma, è stato arrestato per il reato - non ancora classificato - di aver filmato la polizia. "Stavo camminando lungo Corrientes, è arrivata la polizia, ho filmato un po' e mi hanno detto 'non puoi filmare qui'", ha raccontato al Collettivo di Azione Fotografica LUAN attraverso il finestrino dell'auto della polizia. "Mi hanno picchiato, guardate come mi hanno bruciato le braccia, mi hanno schiacciato sul marciapiede rovente, mi hanno pestato le gambe, ho detto 'mi state bruciando' (e loro hanno risposto) 'Vaffanculo per manifestare contro Milei'. Mi hanno picchiato e mi tengono qui in manette da un'ora", ha raccontato.

"Martín Brunas, compagno della stampa e della CTA Autónoma, e Agustín Ricardi, sono stati arrestati dalla Polizia e per aver filmato la manifestazione contro la DNU di Milei. Condanniamo la repressione della polizia contro la possibilità di filmare durante la manifestazione", ha affermato immediatamente il CORREPI.

Anche Ricardi, che è un vignettista, sarebbe stato arrestato dopo aver ripreso gli agenti di polizia con una macchina fotografica. 

Organi di stampa argentini riferiscono inoltre di attacchi mirati delle forze dell’ordine contro i giornalisti impegnati a documentare la repressione poliziesca contro i manifestanti a manifestazione terminata. 

"Ripudiamo l'operazione di polizia dopo la marcia, che si è trasformata in un atto di repressione e attacchi contro gli addetti alla stampa e i gruppi giornalistici, come quelli di TN e Telefé", ha affermato l'Unione della Stampa di Buenos Aires (SiPreBA).

Dopo la manifestazione, il Ministro Bullrich ha parlato in una conferenza stampa insieme alle autorità della Polizia federale argentina. Ha assicurato che il protocollo di sicurezza è stato efficace e che, grazie alla sua applicazione, la presenza di manifestanti è stata minore rispetto al solito in questo tipo di eventi.

"È chiaro che la maggior parte delle persone ha deciso di non partecipare alla marcia di oggi o al blocco stradale che era stato programmato, perché la media che abbiamo avuto in generale in questo tipo di picchetti è una media tra le 20.000 e le 50.000 persone. Oggi il numero è stato completamente ridotto", ha affermato Bullrich.

Poi ha sottolineato che c'è stata una "azione corretta" da parte delle forze di polizia per applicare i protocolli "con il minimo uso della forza".

Intanto però sono malcelate le intenzioni repressive del governo Milei: il capitolo dedicato al controllo delle strade del mega-progetto presidenziale propone la riforma del Codice penale con un inasprimento delle pene contro i manifestanti. Include l'assurdità che se tre o più persone si riuniscono in uno spazio pubblico, dovranno chiedere il permesso al Ministero della Sicurezza. Inoltre, amplia la gamma di pretesti per cui gli agenti di polizia possono sparare liberamente. Le organizzazioni sociali diventano quindi oggetto di persecuzione. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Quando il bonus è un malus di Giuseppe Giannini Quando il bonus è un malus

Quando il bonus è un malus

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti