Armenia, il presidente Sarkissian ha annunciato le sue dimissioni

Armenia, il presidente Sarkissian ha annunciato le sue dimissioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente armeno Armen Sarkissian ha annunciato le sue dimissioni.

"Non è una decisione dettata dalle emozioni e ha una certa logica. Il presidente non ha strumenti per influenzare questioni importanti sia in politica interna che estera", secondo una dichiarazione pubblicata sul sito ufficiale della presidenza armena. 

"In questo periodo difficile per il nostro paese, quando è necessaria l'unità nazionale, l'istituto della presidenza non deve essere un bersaglio per pettegolezzi e teorie di cospirazione che distraggono solo l'attenzione della società dai problemi principali".

Il paese, nelle sue parole, sta vivendo "in una strana realtà in cui il capo dello Stato non può influenzare le questioni legate alla guerra e alla pace", non può porre il veto a leggi che considera poco opportune per la nazione e per lo Stato.

Il presidente dell'Armenia è eletto dall'Assemblea Nazionale (parlamento) per un periodo di sette anni e, di conseguenza, l'Assemblea Nazionale accetta le sue dimissioni. Secondo la costituzione del paese, l'Assemblea Nazionale organizza l'elezione presidenziale anticipata non prima di 25 giorni e non oltre 35 giorni dopo la vacanza della carica presidenziale.

"In linea con la procedura stabilita dagli emendamenti costituzionali del 2015, l'Armenia è passata dalla forma di governo semi-presidenziale a quella parlamentare dal 9 aprile 2018, quando Armen Sarkissian ha assunto la carica", afferma il sito web presidenziale.

Il presidente è il capo dello Stato e ha il compito di "supervisionare l'osservazione della costituzione", nominare le elezioni regolari e anticipate dell'Assemblea Nazionale, accettare le dimissioni del governo. Su proposta del governo e del primo ministro, il presidente avvia i rimpasti di gabinetto, nomina e richiama gli ambasciatori, firma e denuncia gli accordi internazionali, affronta le questioni della cittadinanza e della grazia.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo