Assad rifiuta la proposta della Russia di incontrare Erdogan

Assad rifiuta la proposta della Russia di incontrare Erdogan

Il presidente siriano Bashar al-Asad (a sinistra) durante un incontro con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan a Istanbul, 7 giugno 2010. (Foto: AFP)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Damasco respinge gli sforzi della Russia per tenere un incontro tra i presidenti di Siria e Turchia, hanno detto tre fonti, secondo quanto riportato ieri dall'agenzia di stampa britannica Reuters.

Siria e Turchia sono in tensione da più di un decennio, scoppiata con l'inizio della crisi siriana, orchestrata da alcuni paesi occidentali e regionali.

Il governo di Erdogan sostiene i gruppi armati siriani che hanno cercato di rovesciare il presidente Al-Assad. Allo stesso modo, Ankara sostiene che la Siria è diventata un luogo di "terrorismo di stato". All'inizio del conflitto siriano, la Turchia ha annunciato che gli sforzi per raggiungere la pace non potevano continuare sotto il governo di Al-Assad.

A sua volta, Assad ha sempre ribadito che la Turchia sostiene il terrorismo aiutando una serie di gruppi di opposizione, comprese fazioni estremiste, oltre a lanciare ripetute aggressioni militari nel nord della Siria.

Di recente, dopo aver accusato i gruppi curdi siriani di aver compiuto un attentato terroristico nella città di Istanbul, la Turchia si prepara a una nuova offensiva militare in Siria.

La Russia, da parte sua, vuole di cercare una soluzione politica al conflitto tra Siria e Turchia e chiede un incontro tra i leader di questi due Paesi.

Il presidente turco si è dichiarato pronto alla riconciliazione. "In politica non ci possono essere rancori", ha detto Erdogan in un'intervista televisiva di pochi giorni fa.

Tuttavia, tre fonti che conoscono la posizione della Siria in merito ai possibili colloqui hanno spiegato che Al-Assad ha rifiutato l'offerta di incontrare Erdogan in un summit con la partecipazione di Putin.

Due delle fonti hanno ricordato che Damasco ritiene che un tale incontro potrebbe dare una spinta a Erdogan in vista delle elezioni turche del prossimo anno, soprattutto se si concentra sull'obiettivo di Ankara di rimpatriare 3,6 milioni di rifugiati siriani dalla Turchia.

“Perché a Erdogan dovrebbe essere data una vittoria facile? Non ci saranno rapporti stretti prima delle elezioni”, ha sostenuto una di queste due persone, aggiungendo poi che anche la Siria ha respinto l'idea di una riunione dei ministri degli Esteri.

Una terza fonte, che è un diplomatico a conoscenza della proposta, ha sottolineato che la Siria "considera inutile tale incontro se non porta a nessun problema concreto, e ciò che hanno chiesto finora è il ritiro completo delle forze turche.”

I funzionari turchi hanno precisato la scorsa settimana che l'esercito ha bisogno solo di pochi giorni di preparazione per lanciare un'invasione di terra nel nord della Siria, dove in precedenza sono stati effettuati attacchi di artiglieria e aerei.

l governo turco ha annunciato di essere disposto a dialogare con la Siria, se Damasco si concentrerà sul rafforzamento della sicurezza dei confini. Ankara vuole che i combattenti curdi siriani delle Unità di protezione del popolo siriano (YPG), il braccio siriano del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), il gruppo di guerriglieri curdi anch'esso sulla lista nera dalla Turchia, vengano trasferiti dall'estremo confine e messi in “aree sicure”.

Una fonte che conosce l'approccio della Turchia alla questione ha evidenziato che un incontro tra Assad ed Erdogan potrebbe essere possibile "in un futuro non troppo lontano". “Putin sta lentamente preparando la strada a questo. Questo sarà l'inizio di un grande cambiamento in Siria e avrà effetti molto positivi in ??Turchia. Anche la Russia beneficerà di questi negoziati... poiché è coinvolta in molte aree", ha aggiunto la fonte.

Dal 2016 la Turchia ha condotto diverse operazioni militari in Siria, e attualmente controlla un tratto di territorio siriano lungo il confine che condivide con il Paese levantino.

Damasco condanna gli atti "aggressivi" della Turchia in Siria e sostiene che il motivo principale che guida l'escalation delle tensioni nel nord del Paese è l'"occupazione" di Ankara e il sostegno che questo Paese fornisce ai gruppi terroristici in quelle aree, pertanto, chiede l'immediata partenza delle truppe turche dal suo territorio.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti