Assange e le concessioni della Corte di Londra agli Usa per l'estradizione

Assange e le concessioni della Corte di Londra agli Usa per l'estradizione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Tg, media cartacei e del web che hanno dato grande spazio alla vicenda dell'atleta Bielorussa Krystsina Tsimanouskaya che, ironia della sorte ha ottenuto asilo politico in Polonia, paese che sistematicamente rifiuta di accogliere i migranti, hanno praticamente ignorato la vicenda di Julian Assange fondatore di WikiLeals che ha rivelato all'opinione pubblica mondiale i crimini di guerra degli Usa in Iraq e Afghanistan.

Oggi a Londra si discuteva l'appello di Washington contro la precedente decisione della Corte inglese di impedire l'estradizione negli Usa per le condizioni psichiatriche di Assange, il quale non potrebbe sopportare le condizioni carcerarie nel paese nordamericano dove rischia una condanna a 175 anni di carcere.

Lo spazio a questa vicenda, in questa giornata decisiva, è stato praticamente nullo. Eppure è in ballo il futuro della libertà di informazione.

Allo stesso tempo, ciò che è successo oggi, renderebbe ancora più concreto il pericolo di un'estradizione di Assange negli Usa.

Infatti, l'Alta Corte di Londra ha permesso agli Stati Uniti di contestare una valutazione psichiatrica di Julian Assange, che è stata fondamentale in una precedente sentenza del tribunale che rifiutava la richiesta di Washington di estradarlo per il processo.

Il procedimento di appello di appello è l'ultimo sviluppo nel continuo sforzo degli Stati Uniti di estradare Assange per essere processato sul suolo americano per presunti crimini informatici.

Fondamentali nel caso sono state le testimonianze dello psichiatra Michael Kopelman sul cattivo stato di salute mentale dell'australiano.

Agli Stati Uniti, oggi, però, è stato concesso di impugnare la sentenza della Corte Distrettuale su tre punti e hanno voluto portare avanti due ulteriori argomenti. Una delle loro linee di attacco ulteriori, che è stata concessa dal Lord Justice Tim Holroyde, è stata quella di chiedere l'archiviazione delle testimonianze di Kopelman, a causa del fatto che inizialmente aveva nascosto la relazione di Assange con Stella Moris e il fatto che avessero avuto due figli.

Clair Dobbin, che rappresenta la parte statunitense, ha sostenuto che il professore aveva fuorviato la corte e che la sua opinione sullo stato d'animo di Assange avrebbe dovuto essere respinta dal giudice Vanessa Baraitser.

Il nome del partner di Assange non era pubblico al momento della prima testimonianza di Kopelman, ma è stato reso noto prima che la sentenza fosse approvata. 

Il perito per la difesa ha riferito della paternità di Assange e ha detto, sotto pressione da parte degli Stati Uniti durante le udienze per l'estradizione, che non ha rivelato l'identità di Moris per rispetto della sua privacy. 

Quando ha respinto la richiesta di estradizione, il giudice Baraitser ha deciso che, sebbene Kopelman abbia fuorviato la corte, non ha mancato al suo ruolo di testimone imparziale.

Edward Fitzgerald, che rappresenta Assange, si è opposto, affermando che la preoccupazione per la sicurezza della famiglia era naturale nella sua situazione. 

Ha ricordato che una società di sicurezza privata spagnola assunta per spiare Assange avrebbe strappato un pannolino al figlioletto per testare il suo DNA e identificare i genitori del bambino. 

Il bambino veniva regolarmente portato da un socio di Assange a fargli visita presso l'ambasciata dell'Ecuador a Londra, dove è rimasto per sette anni per evitare il procedimento di estradizione. Si sospetta che l'azienda abbia lavorato per conto del governo degli Stati Uniti e le sue presunte attività sono state ampiamente citate davanti al giudice Baraitser.

 

 

Secondo alcuni rapporti, Dobbin ha risposto a Fitzgerald dicendo che la preoccupazione di Assange per la famiglia è andata "in secondo piano" quando ha pubblicato informazioni segrete trapelategli. Le accuse degli Stati Uniti contro il co-fondatore di WikiLeaks risalgono a più di dieci anni fa, quando la sua organizzazione rivelò i dettagli delle azioni sgradevoli delle truppe statunitensi in Iraq e in Afghanistan, sulla base di materiale fornito dall'informatore Chelsea Manning. Secondo quanto riferito, la sua relazione romantica con Moris si è sviluppata solo dopo essere rimasto bloccato presso l'ambasciata ecuadoriana nel 2012. WikiLeaks continua la sua operazione di pubblicazione anche con Assange trattenuto in custodia britannica.

La giustizia degli Stati Uniti ha accusato Assange di crimini legati all'hacking, ma i suoi sostenitori affermano che non ha fatto nulla al di là di ciò che qualsiasi editore responsabile farebbe per proteggere le sue fonti. 

Dal momento che la richiesta di estradizione è stata negata, un testimone chiave da parte degli Stati Uniti si è fatto avanti per riconoscere, lo scorso 26 giugno,  di aver fabbricato la sua testimonianza contro Assange.

Assange rimane rinchiuso nella prigione britannica di massima sicurezza di Belmarsh, normalmente riservata a pericolosi criminali violenti. L'udienza sull'appello degli Stati Uniti contro il rifiuto britannico di estradarlo è stata provvisoriamente fissata per ottobre.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage di Francesco Santoianni ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

ComeDonChisciotte, lo spettacolo triste dei falliti "scoop" di Fanpage

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti