Si chiude il Caso Assange? Testimone chiave ammette di aver mentito

Si chiude il Caso Assange? Testimone chiave ammette di aver mentito

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I fatti hanno la testa dura e cade un altro castello di menzogne costruito contro Julian Assange, fondatore di Wikileaks e "colpevole" di aver rivelato al mondo i crimini di guerra degli Usa in Afghanistan e Iraq.

Infatti, le accuse chiave nel caso contro il co-fondatore di WikiLeaks, che rischia fino a 175 anni di carcere se estradato negli Stati Uniti, si basano sulla testimonianza di un truffatore condannato che ha ammesso di aver mentito.

Sigurdur Ingi Thordarson, un cittadino islandese ed ex volontario di WikiLeaks, diventato un informatore dell'FBI per $ 5.000, ha ammesso al quotidiano islandese Stundin di aver fabbricato parti importanti delle accuse nell'atto d'accusa. 

In un articolo pubblicato sabato, Stundin descrive in dettaglio diverse parti della sua testimonianza che ora nega, sostenendo che Assange non gli ha mai ordinato di eseguire alcun hacking. 

Il giornale sottolinea che, anche se un tribunale di Londra si è rifiutato di estradare Assange negli Stati Uniti per motivi umanitari, si è comunque schierato con gli Stati Uniti quando si è trattato di affermazioni basate sulla testimonianza ora negata di Thordarson. 

Tuttavia, ora secondo quanto riferito, il file in questione non può essere considerato esattamente "rubato" poiché si presumeva fosse stato distribuito e trapelato da informatori all'interno della banca  molte persone online stavano tentando di decifrarlo in quel momento. 

Questo perché presumibilmente conteneva informazioni sui prestiti inadempienti forniti dall'islandese Landsbanki, la cui caduta nel 2008 ha portato a una grave crisi economica nel paese.  

Thordarson ha anche fornito al portale i registri delle chat del suo periodo di volontariato per WikiLeaks nel 2010 e nel 2011, mostrando le sue frequenti richieste agli hacker di attaccare o ottenere informazioni da entità e siti web islandesi. Ma, secondo Stundin, nessuno dei registri mostra che a Thordarson sia stato chiesto di farlo da qualcuno all'interno di WikiLeaks. 

Quello che mostrano, secondo il giornale, sono i continui tentativi da parte del volontario dell'organizzazione di gonfiare la sua posizione, descrivendosi come capo dello staff o capo delle comunicazioni. 

Nel 2012, WikiLeaks ha sporto denuncia contro Thordarson per appropriazione indebita e frode finanziaria. In seguito è stato condannato per entrambi i reati in Islanda. 

Stundin cita anche Ogmundur Jonasson, allora ministro degli interni islandese, il quale afferma che le autorità statunitensi stavano facendo di tutto per catturare Assange.

"Stavano cercando di usare cose qui [in Islanda] e persone nel nostro paese per tessere una ragnatela, una ragnatela che avrebbe catturato Julian Assange." 

Il giornale ricorda che la testimonianza di Thordarson è la chiave per la linea dell'accusa che ritrae Assange come un criminale, piuttosto che un giornalista che pubblica materiale protetto dal Primo Emendamento, come il New York Times o altri media che hanno condiviso gli stessi documenti di WikiLeaks. 

Reagendo all'articolo bomba di Stundin, l'informatore della NSA Edward Snowden ha twittato: "Questa è la fine del caso contro Julian Assange". Il giornalista investigativo Glenn Greenwald ha concordato, dicendo: "Dovrebbe esserlo".

Assange ha già trascorso più di due anni dietro le sbarre nella prigione di Belmarsh nel Regno Unito.

Il governo degli Stati Uniti ha accusato il giornalista australiano ai sensi dell'Espionage Act, accusandolo di aver trafugato informazioni classificate nel 2010. All'epoca, WikiLeaks ha pubblicato documenti che descrivono in dettaglio gli abusi, compresi i possibili crimini di guerra, compiuti dalle forze armate statunitensi in Afghanistan e Iraq. 

Washington sta attualmente cercando la sua estradizione e Assange potrebbe essere incarcerato fino a 175 anni se ritenuto colpevole. 

All'inizio di giugno, il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura Nils Melzer ha invitato il governo del Regno Unito a rilasciare il giornalista, condannando la sua incarcerazione come  "uno dei più grandi scandali giudiziari della storia".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia