AUDIO: Ecco come la marina venezuelana ha intimato alla nave della guardia costiera USA di abbandonare le sue acque

AUDIO: Ecco come la marina venezuelana ha intimato alla nave della guardia costiera USA di abbandonare le sue acque

Il ministro della Difesa venezuelano ha descritto come "provocatoria" la navigazione della nave statunitense nelle acque giurisdizionali del suo paese.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Venerdì scorso, la marina venezuelana ha riferito di aver espulso una nave della Guardia costiera statunitense entrata nelle sue acque giurisdizionali. Tale azione è stata confermata il giorno successivo dal ministro della Difesa venezuelano, Vladimir Padrino López, che l'ha definita come una "provocazione" da parte del governo degli Stati Uniti, chiedendo il rispetto della sovranità territoriale del paese sudamericano.


 
Ieri, TeleSUR ha pubblicato un audio della conversazione tra i membri della Marina venezuelana e l'esercito americano che erano a bordo della USCG James Coast Guard. Nella registrazione si puo' sentire come i membri dell'equipaggio della nave americana sostengono di essere a due miglia nautiche dal Venezuela.
 

 
"In questo momento e secondo il nostro radar, siamo a 2 miglia dalle vostre acque internazionali, ripeto, siamo a 2 miglia dall'acqua internazionale del Venezuela", sostengono i membri dell'equipaggio dalla USCG James.
 
Da parte loro, i membri della Marina venezuelana hanno replicato che la nave in questione era "13,5 miglia nautiche dal territorio continentale della Repubblica Bolivariana del Venezuela", nelle sue acque giurisdizionali.
 
"L'applicazione della legge in mare in quella zona è di esclusiva responsabilità dello Stato venezuelano, si sta violando il diritto internazionale marittimo", hanno ribadito.
 
In quel contesto, l'esercito venezuelano ha intimato alla nave di salpare verso nord-ovest. Inoltre, hanno sottolineato che "la situazione e la posizione" dell'USCG James "saranno informate dal governo venezuelano senza intraprendere altre azioni".
 
Una "provocazione" nelle acque del Venezuela
 
La Marina venezuelana ha riferito che ha espulso una nave statunitense che è entrata nelle sue acque giurisdizionali. L'esercito venezuelano ha dichiarato di aver individuato l'USCG James dalla Guardia costiera statunitense. l'8 maggio, mentre navigava nella "zona economica esclusiva" della Repubblica Bolivariana. Il 9 maggio, la nave statunitense si è avvicinata a 14 miglia nautiche (circa 26 chilometri) fino al porto di La Guaira, nello stato di Vargas.
 
 
A sua volta, Padrino López ha ribadito che la navigazione della nave nelle acque del Venezuela è "una cosa seria, Diritto, Diritto internazionale, sovranità nazionale" e ha avvertito che Caracas non "accetterà" più azioni come questa.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Comunicado Oficial @nicolasmaduro @padrinovladimir @ceofanb #LealesSiempreTraidoresNunca

Un post condiviso da ArmadaFANB (@armadabolivariana) in data:


 
 

 
"In questi giorni abbiamo dovuto affrontare una provocazione da parte di una nave da guardia costiera degli Stati Uniti che navigava nella zona contigua, avvicinandosi a poche miglia dal nostro mare territoriale", ha affermato il ministro della Difesa.
 
"Non è una supplica, non è per favor, chiediamo che le autorità militari degli Stati Uniti rispettino le acque giurisdizionali e la sovranità territoriale della Repubblica Bolivariana del Venezuela", ha affermato.
 

 
 

Potrebbe anche interessarti

A voi che vi indignate per le parole di Renzi... di Paolo Desogus A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio! di Giorgio Cremaschi Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Lo Stato stratega, motore del successo cinese   di Bruno Guigue Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti