Avete trasformato la lotta all'omofobia in una barzelletta

Avete trasformato la lotta all'omofobia in una barzelletta

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Sino ai primi anni 2000 insultare qualcuno dando del "forcio"* o fare le battute contro le diverse tendenze omosessuali era qualcosa di corrente. Nessuno si scandalizzava. Negli ultimi 15-20 anni l'Italia le cose sono gradualmente cambiate. Persistono purtroppo alcune sacche di razzismo, in parte alimentate dai partiti di destra e in parte dai retaggi di una vecchia cultura retrograda. Si tratta tuttavia di fenomeni in netto calo destinati, mi auguro, a scomparire presto. 

Da anni, associazioni, intellettuali, docenti di ogni ordine scolastico e anche qualche politico serio si battono contro l'omofobia. Il loro è un lavoro silenzioso, quotidiano, molecolare, non sempre svolto nel migliore dei modi, ma è tutt'ora presente e i risultati si vedono. È infatti al loro sacrificio che andrebbe tributato un ringraziamento, ai professori delle scuole, agli operatori culturali, a quell'Italia civile e nascosta che ha combattuto contro i pregiudizi e non a un pagliaccio costruito dai media, le cui canzoni e pose mediatiche trasudano di esasperato classismo, di parossistico individualismo e in qualche caso anche di omofobia: chiedete a Tiziano Ferro ("Mi interessa che Tiziano Ferro abbia fatto outing / Ora so che ha mangiato più wurstel che crauti").

Come mostrano i giornali di oggi con pagine e pagine dedicate a questo opportunista arricchito, sempre dalla parte del potere, ben inserito negli ambienti milanesi e corteggiato dai grandi giornali, il successo contro l'omofobia viene ora cavalcato da chi vuole associare questo dato progressivo ad aspetti assolutamente regressivi.

Fedez incarna alla perfezione il tipo umano della narrazione neoliberale: ricco ma dall'aspetto maledetto, (apparentemente) creativo ma ben integrato nell'industria culturale, (apparentemente) trasgressivo ma sposato e padre, dall'aspetto virile ma dominato dalla figura femminile della moglie, culturalmente qualunquista ma impegnato, né di destra né di sinistra (come tutti quelli che stanno col potere), e poi ancora individualista, culture del privato (per ottenere le giuste entrature finanzia attivamente l'ospedale San Raffaele).

Ecco, quando esaltate Fedez state celebrando questa roba qua, vi state mettendo dalla parte di tutto ciò che questo personaggio rappresenta. State trasformando la lotta contro l'omofobia in una barzelletta. Delegate a gente come Fedez la responsabilità di combattere l'omofobia. E allo stesso tempo calpestate il lavoro dal basso compiuto dalla scuola, dalle associazioni e dagli operatori culturali che hanno veramente combattuto contro l'omofobia e che hanno portato a dei risultati straordinari. 

Poi certo, i comportamenti della Lega e dei fasci purtroppo persistono. Ma oggi risaltano più che in passato proprio perché stridono con i risultati ottenuti dal basso, dopo tanti anni di sacrificio.

* cosa tocca fare per evitare la censura di FB...

Paolo Desogus

Paolo Desogus

Professore associato di letteratura italiana contemporanea alla Sorbonne Université, autore di Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema per Quodlibet.

Potrebbe anche interessarti

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti