Covid-19: medicina e ricerca/Avifavir, il farmaco russo contro covid-19, raggiunge le cliniche...

Avifavir, il farmaco russo contro covid-19, raggiunge le cliniche del paese euroasiatico

 

Il farmaco, che è già stato approvato dal Ministero della Salute russo, sarà disponibile gratuitamente per i cittadini russi nell'ambito del programma obbligatorio di assicurazione sanitaria.


I primi lotti del farmaco russo Avifavir, il primo specifico contro covid-19 approvato nel mondo, hanno già raggiunto cliniche a Mosca, San Pietroburgo e altre regioni del paese, come la Repubblica del Tatarstan, Kirov e Ekaterinburg,  riporta il Russian Direct Investment Fund (RFPI).

 
Almeno  60.000 trattamenti farmacologici saranno disponibili questo mese negli ospedali di tutta la Russia . Se necessario, la sua produzione potrebbe aumentare a due milioni all'anno.
 
"Prevediamo una forte domanda di Avifavir in Russia e riceviamo anche richieste di consegne Avifavir da più di dieci paesi", ha affermato il presidente esecutivo del Fondo di investimenti diretti russo, Kiril Dmítriev. "I primi risultati degli studi clinici ci portano a credere che questo medicinale sia uno dei più promettenti al mondo " , ha aggiunto.
 
Il farmaco "ha dimostrato un'alta efficienza" durante la prima fase degli studi clinici. Nei primi quattro giorni di trattamento, il 65 percento dei 40 pazienti che assumevano Avifavir risultava negativo per covid-19 e, al decimo giorno, il numero di pazienti che risultavano negativi era aumentato al 90 percento.
 
Il farmaco  sarà disponibile gratuitamente per i cittadini russi nell'ambito del programma obbligatorio di assicurazione sanitaria.
 
Avifavir - il cui nome comune internazionale è Favipiravir - è stato approvato dal Ministero della Salute russo il 29 maggio scorso ed è realizzato sotto forma di compresse.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa