"Bisognerebbe cacciare tutti gli immigrati dalla Russia". Ecco chi è Navalny, il "leader dell'opposizione russa" (con il 2% dei consensi)

"Bisognerebbe cacciare tutti gli immigrati dalla Russia". Ecco chi è Navalny, il "leader dell'opposizione russa" (con il 2% dei consensi)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Nonostante le autorizzazioni siano necessarie in tutto il mondo per manifestare, pena il carcere o multe salate (vedasi le proteste non autorizzate contro il "paladino europeista" Macron come sono state represse nel sangue in maniera ben peggiore rispetto ai 300 euro di multa con cui se l'è cavata Navalny l'ultima volta) i media italiani stanno via via aprendo le loro edizioni online con titoli sensazionalistici: "Arrestato il LEADER democratico dell'opposizione Navalny"; "fermato il Leader Antisistema Navalny". 

Decine sono gli arresti in una protesta non autorizzata a Mosca dopo che Aleksey Navalny ha spostato il luogo della manifestazione da un posto autorizzato a uno non autorizzato. Circa 4500 persone hanno così preso parte ad una protesta non autorizzata a via Tverskaya nel centro della capitale russa. Oltre 150 sono gli arresti per "aver rotto l'ordine pubblico", si legge in una nota della polizia. La decisione di Aleksey Navalny di spostare la manifestazione da via Sakharova (Autorizzata) a via Tverskaya (non autorizzata) è stata comunicata poche ore prima dell'evento attraverso il suo blog. Navalny ha scritto per "mancanza di palco e sistemi audio adeguati". 




Torniamo a Navalny. C'è un piccolo appunto da fare però ai nostri solerti media, ossia che Navalny non è il Leader dell'opposizione russa e che soprattutto non è un democratico. Il blogger, sebbene abbia un buon seguito nella capitale russa dove alle elezioni comunali del 2013 a capo di una coalizione con il partito liberale Parnas riuscì ad arrivare al 26%, con la maggioranza dei voti presi nelle aree più ricche della città, è per lo più sconosciuto nel resto della Russia.

Secondo un sondaggio del centro Levada datato Marzo 2017, solo il 2% della popolazione russa sarebbe disposta a votare Navalny alle presidenziali del 2018. Insomma un pò pochino per catalogarlo come leader dell'opposizione, visto che ci sono partiti di opposizione in Russia, quali il Kprf, il Ldpr, il SP, che hanno percentuali a doppia cifra e sono stranamente non calcolcati dai nostri media.

Sembra ancor più eccessivo definire Navalny democratico e antisistema. Il blogger negli anni si è distinto per le sue posizioni razziste nei confronti dei georgiani (chiamati roditori) e di tutti i caucasici che venivano accusati da Navalny di togliere il lavoro ai russi. Fu proprio il "leader anticorruzione" a proporre il regime di visti per chi dal sud emigrava al nord della Russia e fu proprio lui a partecipare alla "Marcia Russa", parata che si svolge ogni anno in Russia e che vede sfilare i nazionalisti, talvolta anche un pò nazisti, nostalgici di un panslavismo non ben precisato al grido di "fuori gli immigrati, la Russia ai Russi". Secondo Radio Free Europe, insomma non proprio Russian friendly, "Navalny ha partecipato alle manifestazioni di nazionalisti russi di ogni tipo".

E proprio dopo una di queste manifestazioni nell'ottobre del 2013, il buon democratico Navalny esaltato dalla folla di giovani nazionalisti dichiarò che "bisognerebbe cacciare tutti gli immigrati dalla Russia". Cacciato nel 2007 dal partito ultraliberale Yablako per "attività nazionaliste e xenofobe che hanno danneggiato l'immagine del Partito", la leadership del Partito stesso ha più volte rincarato la dose. Engelina Tareyeva, attivista storica di Yablako, ha dichiarato nel 2014 : " Considero Navalny l'uomo più pericoloso di tutta la Russia. Non c'è bisogno di esser un genio per capire che la cosa più orribile sia avere i nazionalisti etnici al potere. Navalny basa le relazioni sulla base dell'etnicità delle persone, tutto questo è pericolosissimo." Dello stesso avviso sembra esser il giornalista Peter Hitchens che sul Daily Mail scriveva "pochissimi sembrano conoscere il legami di Navalny con il mondo del nazionalismo russo, al qual confronto l'Ukip e il FN sono avanguardia di correttezza politica". E ancora, sempre il giornalista britannico riprende sul suo blog i media occidentali che "presi dal loro odio nei confronti di Putin (così come nei confronti di Bashar al Assad) sono accecati davanti ai difetti dei loro avversari". http://hitchensblog.mailonsunday.co.uk/2017/03/alexei-navalny-revisited.html

Tutto questo al netto delle vicende giudiziarie di Navalny, davvero molto poco chiari i suoi traffici, e dei suoi legami importanti con alcune Ong d'oltreoceano e della Yale University....

Danilo Della Valle

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti