Bloomberg annuncia: "Il crollo del dollaro sta arrivando"

Bloomberg annuncia: "Il crollo del dollaro sta arrivando"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


 
L'era del "privilegio esorbitante" del dollaro USA sta finendo. Citando una storica frase del ministro delle finanze francese Valery Giscard d'Estaing negli anni '60, Stephen Roach sostiene su Bloomberg come dopo 60 anni quel momento sia ormai prossimo.
 
“A causa dell'impatto della pandemia di Covid-19, gli standard di vita negli Stati Uniti si ridurranno ad un livello mai toccato prima. Allo stesso tempo, il mondo conserva seri dubbi sulla presunzione un tempo ampiamente accettata dell'eccezionalismo americano. Le valute stabiliscono l'equilibrio tra queste due forze: fondamenti economici interni e percezioni straniere della forza o debolezza di una nazione. Il saldo si sta spostando e potrebbe verificarsi un crollo del dollaro.”, scrive chiaramente Roach.

Con il risparmio nazionale netto sceso all'1,4% del reddito nazionale – il livello più basso dal 2011 e un quinto della media del 7% dal 1960 al 2005 - gli Stati Uniti, prosegue la sua analisi Bloomberg, hanno approfittato del ruolo del dollaro come valuta di riserva primaria del mondo e attinto fortemente dai risparmi in eccesso dall'estero per quadrare il cerchio. “Ma non senza un prezzo. Al fine di attrarre capitali esteri, gli Stati Uniti hanno registrato un deficit nel conto corrente ogni anno dal 1982.”

Con il Covid-19, e la crisi economica che ha scatenato, la tensione tra il risparmio e le partite correnti sono arrivate al punto di rottura per l’esplosione del deficit di bilancio del governo – secondo l'Ufficio del Congresso bilaterale, il deficit del bilancio federale dovrebbe salire a un record in tempo di pace del 17,9% del prodotto interno lordo nel 2020 prima di retrocedere al 20,8% nel 2021.

Secondo Roach mentre dopo la crisi del 2008 il risparmio interno ha subito una flessione ma con una media dell’1,8% del reddito nazionale, adesso si potrebbe arrivare a terreni mai visti primi con un crollo da -5% a -10%. “Ed è qui che entrerà in gioco il dollaro. Per il momento, il biglietto verde è forte, beneficiando della tipica domanda di rifugio sicuro da tempo evidente durante i periodi di crisi. Contro un'ampia sezione di partner commerciali statunitensi, il dollaro è salito di quasi il 7% nel periodo gennaio-aprile in termini ponderati per l'inflazione, ponderati per il commercio, ad un livello che supera del 33% il minimo di luglio 2011, Bank for International Spettacolo di dati sugli insediamenti. (I dati preliminari suggeriscono uno slittamento frazionario all'inizio di giugno.) Ma il prossimo crollo dei risparmi indica un forte ampliamento del disavanzo delle partite correnti, portandolo probabilmente ben oltre il record precedente del -6,3% del PIL che ha raggiunto alla fine del 2005. Valuta di riserva o no, il dollaro non verrà risparmiato in queste circostanze.”

Il dollaro, conclude Roach, potrebbe facilmente arrivare ai suoi minimi di luglio 2011, indebolendosi fino al 35%. Con il Covid-19 e le turbolenze razziali, Bloomberg si aspetta quindi la caduta del dollaro.  

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute di Giuseppe Masala La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti