/ Bolivia, Evo di nuovo. L'opposizione denuncia brogli ma non prese...

Bolivia, Evo di nuovo. L'opposizione denuncia brogli ma non presenta nessuna prova

 


di Juan Manuel Karg* - RT

 

Evo Morales Ayma ha vinto le sue quarte elezioni consecutive alla presidenza della Bolivia: ha battuto con il 47,07% contro 36,51% il suo avversario Carlos Mesa, che non ha riconosciuto i risultati e denunciato presunti brogli senza fornire prove. Ci sono alcuni dati importanti per dare un contesto alla notizia: il Movimento al Socialismo ha vinto in 242 comuni, vale a dire l'85% di essi; Morales ha ottenuto la maggioranza di deputati e senatori; e la differenza tra i due candidati principali è di circa 650 mila voti. Vale a dire: il leader ‘cocalero’ non ha vinto per poco o per un soffio, come hanno cercato di far credere alcuni media mainstream del continente.

 

Mesa ha sfruttato alcuni relazioni preliminari delle missioni elettorali dell'Organizzazione degli Stati Americani e dell'Unione Europea per cercare il disconoscimento dei risultati. Sia l'OSA che l'UE hanno messo in dubbio che il TREP abbia caricato tutto il procedimento domenica: la trasmissione ha raggiunto l'83%, una cifra superiore al 70% del carico nel 2014 e l'80% nel 2016. Poi si è parlato di un presunto cambiamento nella tendenza del voto, una cosa che non esiste: Morales ha aumentato la differenza di circa il 3,5% e considerando che, come quello che è accaduto in seguito nel Computo Generale, il TREP ha prima caricato i distretti urbani , dove il voto anti-evo è forte.

 

L'OSA ha raggiunto un punto estremo nel suo posizionamento: ha raccomandato un secondo turno che violerebbe la Costituzione dello Stato Plurinazionale della Bolivia stessa, in cui si afferma che quando un candidato supera il 40% e il 10% dal suo avversario principale, risulta presidente eletto. E, per finire, ha fatto questa raccomandazione prima che i dati finali erano noti, mentre i voti venivano ancora caricati. La decomposizione di Unasur compiuta dai governi conservatori ha reso impossibile avere una missione elettorale indipendente e autonoma a La Paz in grado di caratterizzare il processo elettorale considerando le caratteristiche particolari del paese: chiunque abbia già seguito precedenti elezioni in Bolivia sa che il voto rurale arriva sempre in seguito, a causa delle condizioni geografiche del quel paese.

 

Il governo Morales ha spiegato cosa è successo con il TREP tra domenica e lunedì? Senza dubbio. E questo ha creato suscettibilità, dentro e fuori la Bolivia. Questo basta a denunciare una presunta frode, senza mostrare elementi contundenti che lo provano? No. Non è abbastanza. E c'è un ulteriore paradosso: a questo punto, senza atti irregolari in mano, l'opposizione boliviana si aggrappa alla denuncia che Morales non avrebbe potuto essere candidato, visto e considerato il referendum del 21 febbraio 2016. Tale argomento è facilmente confutato dal partito al potere: fu lo stesso Luis Almagro, segretario generale dell'OSA, a convalidare la candidatura di Morales mesi fa, dopo che la giustizia boliviana fece lo stesso. E Mesa anche ha accettato questo quadro generale per partecipare alle elezioni. Vale a dire: ha accettato alcune regole che ora, con i numeri delle elezioni in mano, non sono ritiene adeguate.

 

Si apre uno scenario complesso per la Bolivia, un paese che sembrava stabile in un contesto regionale di forte combustione: l'interpretazione di queste elezioni finirà per essere stabilita nelle strade e nei ministeri degli Esteri stranieri. Nel primo, mostrano i muscoli sia le forze sostenitrici del governo -La Paz- che l'opposizione -Santa Cruz-. C’è da prevenire l'escalation della violenza. Nella sfera diplomatica, nel frattempo, il governo di Andrés Manuel López Obrador in Messico ha già accolto con favore il trionfo del MAS e ha fatto lo stesso il blocco dei deputati appartenenti al Frente de Todos dell'Argentina, che si aggiunge al riconoscimento dei governi di Cuba e Venezuela

 

I governi conservatori della regione hanno già tentato il disconoscimento, quando hanno riconosciuto Juan Guaidó in Venezuela. Nove mesi dopo, i risultati sono scarsi: Nicolás Maduro è ancora a Miraflores e ha appena aderito al Consiglio delle Nazioni Unite per i Diritti Umani. Guaidó non governa il territorio sul quale afferma di avere poteri esecutivi. Qualsiasi riconoscimento diverso da Morales, vincitore secondo l’Órgano Electoral Plurinacional, può essere un nuovo passo avanti per questi governi e per l'intera regione. L'America Latina non ha bisogno di interferenze negli affari interni dei paesi, sono i popoli che determinano chi sono i loro legittimi governanti.

*Politologo UBA/Analista Internazionale

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa