Bombardieri russi e cinesi affettuano pattugliamento congiunto. Decollano caccia F-2 sudcoreani e F-15 giapponesi

Bombardieri russi e cinesi affettuano pattugliamento congiunto. Decollano  caccia F-2 sudcoreani e F-15 giapponesi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un gruppo aereo composto dai vettori missilistici strategici Tu-95MS delle forze aerospaziali russe e dai bombardieri strategici Khun-6k dell'aeronautica militare del PLA cinese ha effettuato pattugliamenti aerei sulle acque del Giappone e del Mar Cinese Orientale, informa l’agenzia Interfax.

Diversi aerei da guerra russi e cinesi sono entrati nella zona di identificazione della difesa aerea (KADIZ) della Corea del Sud, secondo quanto riportato dai media sudcoreani, che citano il Joint Chiefs of Staff (JCS) della Corea del Sud. “Il JCS ha reso noto che due aerei cinesi e quattro russi sono entrati in KADIZ senza violare i confini aerei sudcoreani", ha scritto l'agenzia di stampa Yonhap. L'esercito sudcoreano ha riferito che, dopo aver ricevuto tali informazioni, sono stati fatti decollare i suoi caccia.

"In alcune fasi del percorso, i vettori missilistici strategici sono stati scortati da caccia F-2 dell'aeronautica sudcoreana e F-15 dell'aeronautica giapponese”, ha affermato il ministero della Difesa russo. 

"Nel corso dello svolgimento dei compiti, gli aerei di entrambi i paesi hanno agito rigorosamente in conformità con le disposizioni del diritto internazionale. Non ci sono state violazioni dello spazio aereo di Stati stranieri", ha poi aggiunto la difesa di Mosca.

“Il volo si è svolto nell'ambito dell'attuazione delle disposizioni del piano di cooperazione militare per il 2022 e non è diretto contro Paesi terzi”.

I caccia russi Su-30SM hanno fornito supporto da combattimento per la task force aerea durante il pattugliamento aereo congiunto, ha aggiunto il ministero.

La Russia non riconosce la zona di identificazione della difesa aerea istituita dalla Corea del Sud, ha affermato nel luglio 2019 Sergey Kobylash, comandante dell'aviazione a lungo raggio delle forze aerospaziali russe. "Tali zone non sono previste dalle regole internazionali e, di conseguenza, non sono riconosciute dalla Federazione Russa. Questo è stato ripetutamente portato all'attenzione della parte sudcoreana attraverso vari canali", aveva affermato all'epoca Kobylash.

Questa è la quarta pattuglia dell'aviazione strategica della Federazione Russa e della Cina nella regione Asia-Pacifico. Le precedenti si sono svolte a novembre 2021, dicembre 2020 e luglio 2019.

Nel luglio 2019, la Corea del Sud ha accusato la Russia di aver violato lo spazio aereo del Paese sul Mar del Giappone. Il ministero della Difesa russo ha poi affermato che i caccia sudcoreani avevano cercato di impedire il sorvolo dei bombardieri russi e cinesi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai