Brasile: Lula decreta aumento del salario minimo

Brasile: Lula decreta aumento del salario minimo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il governo del Presidente Luiz Inácio Lula da Silva aumenterà il salario minimo in Brasile del 6,8% a partire dal 1° gennaio, portando il salario a 1.412 reais (292,2 dollari).

L’aumento sarà di 92 reais (circa 20 dollari) in più rispetto ai 1.320 reais (275 dollari) attualmente in vigore.

Secondo la nota ufficiale diffusa dal governo brasiliano, oltre all'inflazione, l'aumento del salario minimo nazionale tiene conto del tre per cento di crescita economica prevista per il 2023, quindi il nuovo valore rappresenta un guadagno reale per i lavoratori.

La valutazione al di sopra dell'inflazione è stata inclusa in una misura provvisoria inviata da Lula a maggio al Congresso nazionale, che l'ha approvata ad agosto.

Il nuovo valore è stato poi inserito nella legge di bilancio per il 2024, approvata dal Parlamento il 22 dicembre.

La definizione del nuovo valore deriva da una formula adottata durante i precedenti governi del Partito dei Lavoratori, basata sull'indice nazionale dei prezzi al consumo e sulla variazione del Prodotto Interno Lordo.

Poiché entrerà in vigore dal 1° gennaio, il nuovo importo inizierà a essere depositato all'inizio di febbraio.

"La valorizzazione del salario minimo è essenziale" per l'economia del Paese, ha dichiarato Lula nel comunicato.

Il leader brasiliano a tal proposito ha evidenziato che, in questo modo, ci sarà "più denaro in circolazione, le vendite nel commercio aumenteranno, l'industria produrrà di più e la ruota dell'economia girerà di nuovo, permettendo la creazione di nuovi posti di lavoro".

Il Brasile ha mantenuto le previsioni di crescita del PIL per la fine del 2023 al 2,92% e le ha alzate dall'1,51 all'1,52% per il prossimo anno, ha dichiarato martedì la banca centrale.

Come evidenzia il quotidiano Brasil de Fato, sotto i governi neoliberisti di Michel Temer (MDB) e Jair Bolsonaro (PL), il salario minimo è stato adeguato solo all'inflazione, cioè senza alcun aumento reale.

Lula, invece, aveva già concesso un ulteriore aumento del salario minimo a maggio, durante il primo anno del suo terzo mandato.

Secondo il Dipartimento Interuniversitario di Statistica e Studi Socio-Economici (Dieese), il salario minimo serve come riferimento per i redditi di 54 milioni di persone in Brasile. Si tratta di circa un quarto della popolazione.

Oltre ai lavoratori, anche coloro che ricevono l'assicurazione contro la disoccupazione, il sussidio di cassa continua (BPC) e gran parte dei pensionati hanno il loro reddito basato sul salario minimo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti