Brescia, Draghi esternalizza le fogne

Brescia, Draghi esternalizza le fogne

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oggi, (ieri per chi legge ndr) sono stato a portare solidarietà al presidio in piazza Duomo a Brescia, sotto la prefettura, dove da molti giorni e molte notti gli ambientalisti di #BastaVeleni protestano contro la vergogna del maxi depuratore sul fiume Chiese.

La vicenda è tipica delle Grandi Opere, dove affari, spregio del territorio e delle popolazioni, autoritarismo si fondono assieme. Con il governo Draghi che ha dato nuovo impulso al peggio. Come si sa il lago di Garda è una meta turistica sempre più ambita e ricca.

Questo naturalmente impone non come necessità ambientale, ma come esigenza delle imprese, che il lago non sia inquinato dagli scarichi fognari, che si moltiplicano durante la stagione turistica. Questa necessità impone depuratori delle acque, di cui il principale sta a Peschiera e le cui acque di gettano sul Mincio.

Ci sarebbe bisogno di potenziarlo e migliorare tutta la rete di raccolta, ma a questo punto interviene la logica perversa delle Grandi Opere. Invece che migliorare e potenziare l’esistente, invece che porre un freno al sovraffollamento turistico e al saccheggio del territorio, si decide un nuovo maxi depuratore. Ed in aggiunta lo si colloca non nell’area ad esso interessata, cioè le località turistiche del Garda, ma altrove.

Lo scarico delle acque depurate dovrebbe riversarsi nel fiume Chiese, estraneo al bacino del lago, che sta in secca diversi periodi all’anno e che non potrebbe assorbirle. Ma le acque depurate non inquinano, affermano i sostenitori dell’opera.

Allora perché non le riversate nel lago, rispondono le popolazioni che si vedrebbero attribuire il carico ecologico di una depurazione che raccoglie scarichi non prodotti da loro.

Una sorta di esternalizzazione delle fogne. Questa obiezione era parsa giustificata a gran parte delle amministrazioni locali, che per questo di erano pronunciate in consiglio provinciale per collocare eventualmente il depuratore in uno dei comuni interessati ad esso. Ma la ministra Gelmini, bresciana e sensibile agli imprenditori bresciani, è riuscita a far ribaltare la decisione democratica locale, facendo commissariare l’opera dal collega Cingolani, che ha trasformato il suo incarico da transizione a devastazione ecologica.

Cosi il nuovo depuratore è stato affidato al Prefetto di Brescia, noto esperto di ambiente. Per questo giorno e notte c’è il presidio davanti alla prefettura.

Per questo quel presidio va sostenuto assieme a tutte le lotte per l’ambiente e la democrazia, che nel governo dei padroni di Draghi hanno oggi il primo nemico.

Giorgio Cremaschi

Giorgio Cremaschi

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti