Calvo Ospina: «La resistenza del Venezuela ha mostrato ai popoli che una strada diversa dal neoliberismo è possibile»

Calvo Ospina: «La resistenza del Venezuela ha mostrato ai popoli che una strada diversa dal neoliberismo è possibile»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La strenua resistenza del Venezuela bolivariano agli assalti imperiali portati da Washington ha dato il via a una nuova ondata progressista in America Latina come dimostrano le vittoria della sinistra in Cile, Perù e Bolivia dove il MAS è tornato al potere dopo il golpo contro Evo Morales. Nel frattempo Cuba fonisce lezioni al mondo con i suoi vaccini e una gestione della pandemia efficace nonostante il grave blocco che affligge l'Isola da oltre sessant'anni.

Con la Cina sempre più presente in America Latina che porta una grossa sfida agli Stati Uniti insidiati in quello che considerano il proprio cortile di casa.

Questi sono i temi che abbiamo affrontato con Hernando Calvo Ospina, giornalista e scrittore colombiano, grande conoscitore della realtà latinoamericana e autore di articoli e documentari conosciuti in tutto il mondo e pluripremiati.

INTERVISTA

Anche in Cile, patria del neoliberismo, c’è stata la vittoria di un candidato progressista. Quanto è stata importante la resistenza del Venezuela bolivariano per far sì che arrivasse questa nuova ondata progressista in America Latina?

Così come Cuba con la sua Rivoluzione nel 1959 diede al continente uno scossone dalle conseguenze inimmaginabili e durature, al punto da costringere gli Stati Uniti a ripensare le proprie strategie in tutti i sensi, l'ascesa del presidente Chavez al governo venezuelano, e la successiva decisione di portare avanti la Rivoluzione Bolivariana, scosse nuovamente il continente e molte cose non furono più le stesse. Così come Washington ha reagito per fermare l'espansione dell'esempio cubano, affliggendo l'America Latina con dittature, prima dell'esempio di Chavez che ha portato molte nazioni verso governi progressisti e rivoluzionari, ha anche reagito utilizzando organi statali, come il potere giudiziario o legislativo, per liberarsi di loro e insediare al potere i suoi scagnozzi.
In entrambi i casi, la propaganda dei media mainstream, piena di falsità, ha cercato di far apparire questi due progetti politici come i peggiori per il futuro di altri popoli. Il castrochavismo è stato trasformato in una sorta di virus se ad essere eletto era un candidato progressista. 
Con la maggior parte dei governi progressisti messi all'angolo o sconfitti, lo sforzo degli Stati Uniti si è concentrato sull'abbattimento del Venezuela, specialmente dopo la morte del presidente Chávez. Credevano che il presidente Maduro sarebbe stato rovesciato in breve tempo. Non solo: essendo Cuba il gioiello della corona, e il Venezuela la corona, se rovesciassero il Venezuela, Cuba affonderebbe nei Caraibi per sempre. 
Ma no, il Venezuela ha resistito e resiste. Maduro e il suo governo hanno dimostrato un'incredibile sagacia politica nel resistere e finire per battere Washington, dimostrando la sua incapacità politica quando non può agire con bombe e invasioni, in combutta con i suoi complici.
Questo esempio bolivariano di resistenza è servito a mostrare ai popoli che una strada diversa dal neoliberismo è possibile: anche Cuba, con le sue risorse limitate, è un esempio in molti aspetti, come il suo sistema sanitario. 


Quest’anno sono in programma le presidenziali in due paesi, Brasile e Colombia, dove i candidati progressisti hanno buone possibilità di essere eletti. La caduta di questi due bastioni neoliberisti potrebbe segnare la definitiva sconfitta del neoliberismo nella regione e l’inizio di un nuovo ciclo integrazionista?

È abbastanza possibile. E sarebbe un colpo terribile per Washington. Ma attenzione, perché la posta in gioco per Washington non è piccola. E molto più di un possibile rafforzamento dell'integrazione latinoamericana, dato che questo potrebbe anche manipolarlo. Il fatto è che la Colombia, un paese dell'America, è il suo principale alleato strategico, al punto di averlo incluso nella NATO! La Colombia è un paese invaso dalle truppe americane e alleate.  È il loro principale complice nella destabilizzazione del Venezuela, circostanza fondamentale per Washington. L'importanza della Colombia può essere misurata dalla cecità di Washington verso uno Stato narco-paramilitare. Il candidato dell'opposizione, Petro, riuscirebbe a invertire anche solo una parte di quello che questo Stato rappresenta per Washington e il traffico internazionale di droga? Dovrà affrontare uno Stato, con il suo establishment militare, che è organizzato e addestrato secondo il concetto anticomunista del nemico interno, la Dottrina di Sicurezza Nazionale e il narco-paramilitarismo come parti essenziali del suo essere.
E il Brasile. Teniamo presente che è la principale potenza latinoamericana. Non dimentichiamo che Lula e Dilma sono stati capaci appena di toccare qualche capello sulla testa del sistema. Nonostante questo, riuscirono a realizzare grandi progressi sociali, e promossero fortemente l'integrazione latinoamericana. Con Bolsonaro, il sistema di destra corrotto e antipopolare si è terribilmente radicato. Con Bolsonaro il Brasile è tornato ad essere un alleato strategico di Washington. 
Se Petro e Lula arrivassero al governo, che non è lo stesso che avere il potere, si troverebbero di fronte a poteri che senza la mobilitazione potrebbero fare poco o niente, senza escludere un colpo di Stato. 
Ah, ma solo con l'arrivo di questi due dirigenti al governo si favorirebbe l'integrazione latinoamericana. E i governi progressisti e rivoluzionari saranno rafforzati, dall'Argentina, al Cile, Perù, Honduras, e i principali obiettivi che Washington vuole distruggere: Nicaragua, Venezuela e Cuba. Non dimentichiamo l'importante sostegno che verrà dato al Messico, un'altra potenza latina, che con López Obrador sta puntando fortemente sul rispetto della sovranità. Ripeto: solo con i loro trionfi.    


Nonostante un criminale blocco in vigore da oltre sessant’anni Cuba ha sviluppato è riuscita a sviluppare i propri vaccini contro il Covid, fronteggiare molto meglio di tanti paesi occidentali la pandemia e inviare i propri medici in paesi che ne avevano bisogno come l’Italia. Quel è a tuo avviso la lezione che i paesi ricchi potrebbero apprendere da Cuba?

I ricchi paesi europei pensano di essere i nostri genitori e gli Stati Uniti pensano di essere i nostri proprietari, e si comportano come tali. Né i genitori né i proprietari hanno nulla da imparare, a parte gli errori che fanno e per i quali dovremmo scappare dalle loro grinfie. Non è solo la loro arroganza che li rende ciechi di fronte allo sviluppo scientifico di Cuba: sono i miliardi che guadagnano le loro aziende farmaceutiche. Non dimenticate che molti di coloro che sono a capo di questi governi hanno stretti rapporti con queste aziende. 
Credo che con questa attitudine solo rivolta verso l’aspetto finanziario anche una porzione importante dei loro popoli stia soffrendo per la mancanza di vaccini, mentre ci sono anche molti che scendono in piazza a protestare per la sfiducia nei vaccini offerti, e perché non è permesso loro di scegliere altri vaccini prodotti a Cuba, in Russia o in Cina, che, come si sa, sono stati molto più efficaci. 
Ma la cosa più importante di questo modo esclusivamente finanziario di gestire l'assistenza sanitaria è che la maggior parte degli esseri umani nel mondo non ha accesso ai vaccini e all'assistenza sanitaria, compresi gli Stati Uniti e la ricca Europa. Questo è uno dei motivi per cui il virus si riesce a controllare. 


Anche il Venezuela bolivariano colpito dalle brutali sanzioni imperiali e dalla continua destabilizzazione di Washington è sulla strada della ripresa. Può essere questo l’anno del recupero completo per Caracas?

Questo è quello che ci aspettiamo. Questo è ciò che mostrano gli indicatori. Ma essenziale per questo, come ha ripetuto il presidente Maduro, è che gli infiltrati nelle posizioni apicali dello Stato siano smascherati e sostituiti da coloro che credono veramente nella Rivoluzione. Quello che è certo è che stanno emergendo dall'abisso in cui Washington voleva seppellire la Rivoluzione. Ma non possiamo dormire sonni tranquilli: Washington non dorme, e il Venezuela continua ad essere un obiettivo strategico da distruggere.      


Il Nicaragua ha rotto i rapporti con Taiwan e ristabilito relazioni diplomatiche con la Repubblica Popolare Cinese e si è detto pronto a partecipare attivamente alla costruzione della Nuova Via della Seta. La stessa cosa potrebbe verificarsi in Honduras con l’insediamento della nuova presidente Xiomara Castro. Cuba ha aderito ufficialmente, e poi ci sono altri paesi come il Venezuela con cui la Cina intrattiene rapporti importanti e consolidati. Quali sono i benefici per i paesi e i popoli della regione derivanti da questo rapporto sempre più forte con il gigante asiatico? Possiamo considerare ormai archiviata l’epoca dell’America Latina ‘cortile di casa’ degli Stati Uniti?  

Penso che sia troppo presto per dire che l'America Latina cesserà presto di essere il cortile di Washington. C'è molto lavoro da fare, e le borghesie di queste nazioni vengono attratte dal nord.
Quello che è certo è che la Cina ha già una presenza immensa in America Latina. È possibile che a livello economico superi gli Stati Uniti. E questo si può vedere con semplici esempi: in molti luoghi lontani dalle grandi città, si può trovare un negozietto gestito da cinesi o pieno di prodotti cinesi (è raro trovare oggi nel mondo un prodotto che non contenga qualcosa di cinese). Per non parlare dell'Africa!
Un altro esempio concreto. Ho appreso direttamente da un funzionario del Dipartimento di Stato nel 2012 che gli Stati Uniti avevano tre ragioni per promuovere i negoziati e il disarmo dei guerriglieri delle FARC. Una di queste era quella di poter entrare nei territori controllati dalla guerriglia: lì c'erano solo compagnie cinesi. Perché gli Stati Uniti non hanno mai rispettato la popolazione. Prima che arrivino le loro compagnie, c'è repressione e morte. Poi rubano tutto e non lasciano niente.
Al contrario, il governo cinese non ha mai inviato consiglieri militari per insegnare a torturare e uccidere. Non ha mai cercato di rovesciare un governo democraticamente eletto. Rispetta le leggi dei paesi e il contratto che firma (molto diverso dalla pratica delle aziende statunitensi). Arrivano sorridenti nei territori, costruiscono scuole e centri sanitari, costruiscono strade. Questa è la realtà! 

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica