Caos Kazakistan: i manifestanti hanno preso la residenza presidenziale ad Almaty

Caos Kazakistan: i manifestanti hanno preso la residenza presidenziale ad Almaty

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Caos in Kazakistan. I manifestanti hanno preso la residenza presidenziale ad Almaty, come riferisce Sputnik Kazakistan.

Secondo il corrispondente, l'edificio ha preso fuoco.

In precedenza, i manifestanti hanno fatto irruzione nel municipio di Almaty e gli hanno dato fuoco. Si odono spari nel centro della città, Internet e le comunicazioni cellulari funzionano a singhiozzo.

Secondo alcune fonti Internet sarebbe al momento bloccato nel paese. 

Inoltre, i manifestanti avrebbero fatto irruzione nella sede del canale Mir TV.

I disordini continuano ad Almaty per il secondo giorno. La ragione che ha portato alle prime proteste è stata l’aumento del prezzo del gas di petrolio liquefatto, che il Ministero dell'Energia ha spiegato con il fatto che dal 1° gennaio, i prezzi hanno iniziato a formarsi negli scambi elettronici basati sulla domanda e sull'offerta.

In un primo momento, le manifestazioni erano circoscritte a Zhanaozen e Aktau. 

Il presidente Kassym-Jomart Tokayev ha incaricato di formare una commissione governativa per esaminare la situazione. Il 4 gennaio ha annunciato di essere pronto a soddisfare la principale richiesta dei manifestanti e a ridurre i prezzi del gas.

Tuttavia, le proteste si sono estese ad altre città. 

Ad Almaty, i manifestanti si sono scontrati con le forze di sicurezza, la polizia ha usato gas e granate assordanti. 

Tokayev ha introdotto lo stato di emergenza nella città e nella regione, così come nella regione di Nur-Sultan e Mangistau. 

Inoltre, ha licenziato il governo, accusandolo di aver consentito la situazione di protesta, e ha incaricato di introdurre una regolamentazione statale dei prezzi del gas liquefatto e della benzina per sei mesi.

Tuttavia le proteste proseguono e la situazione è divenuta insurrezionale. Una sorta di Maidan in salsa kazaka. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale