'Chavez come Pinochet'. Marco Travaglio trasforma la gaffe di Di Maio nella più grande idiozia storica mai scritta

'Chavez come Pinochet'. Marco Travaglio trasforma la gaffe di Di Maio nella più grande idiozia storica mai scritta

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Tutta Italia da ieri parla della gaffe di Luigi Di Maio su Pinochet e Venezuela. Si tratta di un errore divenuto grave oggi, solo perché ha permesso ad alcuni sciacalli di trovare un nuovo pretesto per attaccare uno dei pochi paesi liberi e sovrani nel mondo.



E chi in prima linea tra gli sciacalli degli sciacalli? Ma chiaramente il 'peggior giornale in politica estera in Italia': il Fatto Quotidiano e il suo direttore Marco Travaglio, come sempre, in prima linea. Quest'ultimo, infatti, ha l'ardire di pubblicare sulla sua pagina personale Facebook (e sostenere quindi) questa idiozia storica scritta da Antonello Caporale sul suo famigerato giornale. "Pinochet non avrebbe sfigurato in Venezuela e pure Chavez in Cile se la sarebbe cavata bene. Il colore, il sapore e anche l’odore delle dittature sono disgrazie che accompagnano il potere".



Una idiozia storica, una bestialità, una infamia che solo il Fatto Quotidiano poteva esprimere in questo modo.

Paragonare Pinochet a Chavez - che ha vinto sempre e solo regolari elezioni certificate dall'Osce e che il think tank dell'ex presidente Carter ha definito le "migliori al mondo", ma non vogliamo andare oltre perché davvero la dichiarazione non merita ulteriori commenti - non è una gaffe come sbagliare la nazionalità dell'uno o dell'altro, ma è un chiaro e preciso giudizio politico. Scrivevamo sul Fatto per dimostrare come fosse oggi il portabandiera della dittatura neo-liberista, il suo principale megafono: "Il Fatto Quotidiano è, in poche parole, l'estrema rappresentazione del politicamente corretto, che utilizza il mantra dei "diritti umani" per farsi da portavoce della campagna (dis)informativa di regime, che ha ormai raggiunto vette vergognose. E, in questo modo, il Fatto è il porta-bandiere ormai in Italia delle famigerate "organizzazioni a tutela dei diritti umani". Organizzazioni spesso con sede negli Stati Uniti, che non si accorgono che la polizia del regime di Washington uccide una persona ogni 6,5 ore; tralasciano come dato importante che 46 milioni di nord-americani si rivolgono alla banca alimentare ogni anno; non considerano rilevante mai, infine, che nel paese è detenuta il 25% della popolazione carceraria del mondo. Non se ne accorgono le organizzazioni dei "diritti umani", figuriamoci il Fatto Quotidiano".

Il paragone Pinochet-Chavez di Travaglio lo conferma senza possibilità di smentita ulteriore. 

Il paragone Pinochet-Chavez ci fa cambiare il giudizio sul Fatto Quotidiano. Fino ad oggi lo abbiamo definito il "peggior giornale in Italia in politica estera" come vi abbiamo argomentato qui e qui. Da ora in poi sarà "il peggior giornale in Italia e punto". 

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe