Chi era il Generale Qasem Soleimani, ucciso barbaramente dagli USA. Dal rafforzamento di Hezbollah e della Resistenza palestinese, il suo ruolo nella sconfitta dell'ISIS in Siria e Iraq

Chi era il Generale Qasem Soleimani, ucciso barbaramente dagli USA. Dal rafforzamento di Hezbollah e della Resistenza palestinese, il suo ruolo nella sconfitta dell'ISIS in Siria e Iraq

Il generale di corpo d'armata Qasem Soleimani, caduto martire in un attacco statunitense in Iraq, ha svolto un ruolo di primo piano nella lotta contro le bande terroristiche. I media mainstream non hanno per nulla citato il suo ruolo fondamentale nella sconfitta dell'ISIS, ma l'hanno definito come colui che pianificava attacchi contro le ambasciate USA in Medio Oriente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
All'alba, il Corpo dei Guardiani della Rivoluzione Islamica (CGRI) dell'Iran ha confermato il martirio del comandante delle forze Quds, il tenente generale Qasem Soleimani, in un'operazione che non si può che definire terroristica ordinata dal presidente di Stati Uniti , Donald Trump, a Baghdad, capitale irachena.
 
Con diversi razzi Katiusha, gli elicotteri statunitensi hanno attaccato il terminal merci dell'aeroporto internazionale Muhamad Alaa di Baghdad. Di conseguenza, due veicoli delle unità di mobilitazione popolare irachena (Al-Hashad Al-Shabi, in arabo) hanno preso fuoco e il vice comandante generale Soleimani e Al-Hashad Al-Shabi, Abu Mahdi al-Mohandes , sono caduti martiri.
 
Ecco alcuni cenni biografici sulla vita del potente comandante persiano. I nostri media lo hanno dipinto come colui che pianificava attacchi contro le ambasciate USA, la mente dell'attacco alla legazione statunitense nei giorni scorsi a Bagdad. Soleimani era stato fondamentale nella sconfitta dell'ISIS in Siria e Iraq, aveva rafforzato negli anni Hezbollah e la Resistenza palestinese.
 
Soleimani era nato nel marzo del 1957 nella provincia di Kerman, nell'Iran sud-orientale. Dopo la vittoria della Rivoluzione Islamica (1979) divenne membro della CGRI.
 
All'inizio della guerra imposta dall'Iraq contro l'Iran (1980-1988), fu responsabile del comando di alcune unità iraniane e nel 1983 divenne comandante della 41a divisione Saralá, le cui forze giocarono un ruolo chiave in questa guerra.
 
Durante gli otto anni della Sacra Difesa, il generale di corpo d'armata Soleimani partecipò, come comandante, a molte importanti operazioni come Valfajr-8, Karbala-4 e Karbala-5, tra le altre.
 
Dopo la guerra, il potente e influente comandante persiano ebbe un ruolo di primo piano nella lotta contro il contrabbando ai confini orientali della Repubblica islamica. Pertanto, nel 1998 è stato nominato dal comandante della rivoluzione islamica dell'Iran, l'Ayatollah Seyed Ali Khamenei, comandante delle forze Quds.
 
Tra i punti salienti della vita militare di Soleimani vi è il rafforzamento del movimento di resistenza islamica del Libano (Hezbollah) e dei gruppi palestinesi, in particolare nella guerra di 33 giorni tra Israele e Libano nel 2006, dove Hezbollah uscì stato vittorioso - e la vittoria dei palestinesi nell'aggressione israeliana contro la Striscia di Gaza assediata tra il 27 dicembre 2008 e il 18 gennaio 2009.
 
In effetti, il generale Soleimani è stato in grado di seguire efficacemente la strategia della Repubblica islamica per assistere i gruppi palestinesi nella loro lotta contro il regime di occupazione a Tel Aviv.
 
Con l'inizio delle crisi in Siria e Iraq e dopo la richiesta formale di Baghdad e Damasco in Iran di ricevere aiuti nella lotta contro il terrorismo, il comandante persiano ebbe una nuova missione: contrastare la minaccia terroristica dell'ISIS e del Fronte Al-Nusra in questi paesi arabi.
 
Ha anche svolto un ruolo di primo piano nell'organizzazione di Al-Hashad Al-Shabi - che fa parte delle forze armate irachene - e della Forza di difesa nazionale, un'unità formata nel 2012 e organizzata per conto del presidente siriano Bashar al-Asad, come una componente volontaria di riserva part-time dell'esercito siriano. Entrambi combattono contro i gruppi terroristici.
 
In effetti, lui e le sue forze, che andarono nei due paesi su richiesta ufficiale dei governi siriano e iracheno, impedirono la caduta di Damasco e Baghdad. Ha anche svolto un ruolo importante per la Russia, presieduta da Vladimir Putin, per unirsi alla lotta contro il flagello del terrorismo in Siria.
 
Forse uno dei principali obiettivi dei nemici per il rovesciamento di Damasco è quello di separare l'Iran e Hezbollah, ma con la sconfitta dell'ISIS con il sostegno delle forze Quds in Siria e Iraq, l'asse della Resistenza tra l'Iran è stato rafforzato , Iraq, Siria, Libano e Palestina.
 
Senza dubbio, ciò era contrario ai desideri degli Stati Uniti e Israele, tuttavia, sotto il comando di Soleimani sul campo di battaglia e con la formazione di mobilitazioni popolari in Siria e Iraq, questo rafforzamento è diventato realtà.
 
Il ruolo senza precedenti del generale Soleimani nella regione del Medio Oriente e lo scontro con i nemici gli è valso il titolo di "comandante fantasma", "la persona più potente in Medio Oriente" e "l'incubo di Israele" per parte degli stati uniti e il regime di Tel Aviv.
 
Per l'effettiva presenza del comandante persiano sulla scena della lotta contro l'ISIS e la sconfitta di questa cospirazione sionista nella regione, l'Ayatollah Khamenei aveva concesso lo scorso marzo al tenente generale Soleimani il premio Zulfaqar , il più alto ordine militare in Iran. Fu il primo membro dell'esercito iraniano ad aver ricevuto una simile onorificenza dopo la rivoluzione islamica.
 
Il generale Soleimani aveva ricevuto  diverse minacce di morte,  in particolare, dal servizio di intelligence israeliano (il Mossad).

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti