China Daily - La Belt and Road ecologica della Cina

China Daily - La Belt and Road ecologica della Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Wang Yi e Tan Xianchun - China Daily

Intensificare la cooperazione climatica è cruciale per promuovere la transizione verde dei paesi partecipanti alla BRI

Entro la fine di giugno, oltre 150 paesi e oltre 30 organizzazioni internazionali avevano firmato documenti di cooperazione della Belt and Road con la Cina. La maggior parte dei paesi partecipanti sono economie emergenti e in via di sviluppo, che affrontano problemi come l'inquinamento ambientale e il degrado ecologico. La cooperazione climatica contribuirà a potenziare la loro capacità di affrontare i cambiamenti climatici e promuovere la ristrutturazione economica.

Gli elementi climatici lungo le rotte della Belt and Road, come temperature, precipitazioni ed eventi meteorologici estremi, sono tutti cambiati negli ultimi decenni. In particolare, le temperature sono notevolmente aumentate. In luoghi come la regione occidentale della Cina, l'Asia centrale, l'Asia occidentale, il nord-est dell'Africa e l'Europa centrale e orientale, la temperatura del suolo è aumentata di oltre 0,6 gradi Celsius ogni 10 anni, un tasso superiore alla media globale. Per quanto riguarda le precipitazioni, nel complesso, le regioni della Belt and Road stanno registrando un aumento. Asia sudorientale, Asia meridionale, regioni orientali e meridionali della Cina stanno assistendo a un aumento significativo delle precipitazioni, mentre l'Europa occidentale e l'area che va dalla regione nord-orientale della Cina alla regione occidentale e poi all'Africa settentrionale stanno registrando una diminuzione delle precipitazioni.

Per quanto riguarda gli eventi meteorologici estremi, l'incremento della frequenza delle temperature elevate, la diminuzione della frequenza delle temperature basse e l'incremento della frequenza e dell'intensità degli eventi di precipitazioni estreme hanno portato a una diminuzione della frequenza e della durata delle siccità. Questi cambiamenti avranno un impatto sul sistema ecologico e sullo sviluppo sociale delle regioni della Belt and Road. In sintesi, le variazioni di temperature e precipitazioni porteranno a eventi meteorologici estremi più frequenti e intensi. In particolare, le disparità regionali nelle precipitazioni si amplificheranno ulteriormente.

Si prevede che i cambiamenti climatici avranno un impatto negativo irreversibile sulle regioni della Belt and Road nei settori delle risorse idriche, dell'agricoltura e della biodiversità.

Per quanto riguarda le risorse idriche, le regioni della Belt and Road assisteranno a un leggero aumento, ma distribuito in modo disomogeneo, delle risorse idriche. Le aree ricche di acqua avranno ancora più risorse idriche, mentre quelle con stress idrico e scarsità affronteranno la sfida di ulteriori carenze.

Nel campo dell'agricoltura, gli impatti negativi dei cambiamenti climatici sulla produzione agricola hanno iniziato a manifestarsi e continueranno ad intensificarsi. Le regioni di media e bassa altitudine affronteranno la minaccia di una diminuzione dei rendimenti colturali, mentre le regioni di alta altitudine avranno probabilmente rendimenti colturali più elevati. Asia meridionale e Africa sono regioni ad alto rischio, l'Europa e l'Asia occidentale sono regioni a rischio medio, e la Cina e l'Asia centrale sono regioni a basso rischio.

Per quanto riguarda la biodiversità, il cambiamento climatico globale ha già avuto un enorme impatto sulla biodiversità delle regioni della Belt and Road. L'aumento delle temperature accelererà la velocità della migrazione animale, causando la perdita di habitat per specie rare e minacciate. L'innalzamento del livello del mare minaccia gli habitat delle specie nelle aree costiere.

La stragrande maggioranza dei paesi partecipanti alla BRI è ancora nella fase iniziale dell'industrializzazione. La maggior parte di essi ha una necessità più urgente di tecnologie adattative rispetto alle tecnologie di mitigazione.

L'industria primaria, che comprende agricoltura, silvicoltura, allevamento e pesca, ha bisogno delle tecnologie adattative più di ogni altra, come l'irrigazione ad alta efficienza, la selezione delle piante per la resistenza alle malattie e la lavorazione conservativa del suolo. Il settore delle risorse idriche è secondario solo rispetto all'industria primaria, che ha bisogno urgentemente di tecnologie di raccolta, risparmio ed efficienza idrica.

Per quanto riguarda le tecnologie di mitigazione, il settore dell'energia è il principale utilizzatore di tali tecnologie, in particolare le tecnologie di energia rinnovabile di alto profilo, come le tecnologie eoliche, solari e idroelettriche. Anche le tecnologie per caldaie ad alta efficienza e miglioramento delle caldaie sono richieste.

La maggior parte dei paesi partecipanti alla BRI sono economie in via di sviluppo con infrastrutture carenti e il problema del finanziamento è una preoccupazione centrale. Attualmente, ci sono carenze di finanziamenti nei progetti verdi e climatici nelle regioni della Belt and Road, che richiedono il supporto della comunità internazionale.

È ancora necessaria una considerevole quantità di capitale per finanziare gli sforzi di riduzione delle emissioni e la transizione verde nelle regioni della Belt and Road. Si stima che, se il costo della riduzione delle emissioni è di 40 dollari per tonnellata, la domanda di fondi di mitigazione dei 65 paesi della BRI per realizzare i loro contributi determinati a livello nazionale ammonta a 3,18 trilioni di dollari e la loro domanda totale di fondi climatici è di 8,3 trilioni di dollari.

I paesi partecipanti alla BRI presentano grandi differenze nelle loro possibilità di costruire capacità per affrontare i cambiamenti climatici. L'Asia nordorientale e l'Asia sudorientale danno priorità all'istruzione, alla formazione e all'aumento della consapevolezza pubblica nella promozione della costruzione delle capacità, mentre l'Asia centrale, l'Asia occidentale e il Nord Africa prestano maggiore attenzione alla valutazione delle misure di mitigazione.

Negli anni a venire, le regioni della Belt and Road sperimenteranno eventi meteorologici estremi più frequenti e intensi, che avranno un impatto crescente sulle risorse idriche, sull'agricoltura e sulla biodiversità. Tuttavia, questi paesi e regioni presentano svantaggi nell'organizzazione della risposta alle catastrofi, nell'avviso delle catastrofi, nell'infrastruttura di prevenzione delle catastrofi e nei quadri giuridici e politici. C'è una urgente necessità di rafforzare la costruzione delle capacità nella prevenzione e mitigazione delle catastrofi, nella governance degli ecosistemi e nella protezione della biodiversità.

Attraverso gli sforzi per promuovere la cooperazione internazionale sui cambiamenti climatici e la cooperazione della Belt and Road, la Cina sta contribuendo attivamente alla costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l'umanità.

In primo luogo, la Cina deve migliorare la progettazione di alto livello per la cooperazione climatica, allineandolo strettamente alla transizione a basse emissioni di carbonio del paese e allo sviluppo della sua regione occidentale. L'Agenzia cinese per la cooperazione internazionale allo sviluppo potrebbe svolgere un ruolo ancora più grande e pianificare e coordinare tutte le questioni di aiuti esteri.

In secondo luogo, è necessario incoraggiare le istituzioni finanziarie e le istituzioni scientifiche e tecnologiche a svolgere una cooperazione pragmatica nelle aree legate al clima.

In terzo luogo, è essenziale promuovere il dialogo e gli scambi tra professionisti del settore attraverso la costruzione congiunta di una serie di centri di trasferimento tecnologico e basi di dimostrazione e promozione per tecnologie pratiche avanzate, come le tecnologie chiave per un'agricoltura ecologica e intelligente dal punto di vista climatico e veicoli a energia nuova.

Infine, è vitale facilitare la condivisione di esperienze e pratiche. Ad esempio, piattaforme come la China-ASEAN Expo e il Forum Boao per l'Asia potrebbero essere utilizzate in modo più efficace per rafforzare la costruzione delle capacità per lo sviluppo verde della Belt and Road.

Wang Yi è professore presso l'Istituto per la scienza e lo sviluppo dell'Accademia cinese delle scienze (CASISD) e vicedirettore del Comitato nazionale di esperti sul cambiamento climatico. Tan Xianchun è professore presso il CASISD e vicedirettore del Centro per la strategia emissioni zero presso il CASISD, nonché uno dei principali autori del Sesto rapporto di valutazione dell'IPCC.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti