Chris Hedges: La PEN America si autodistrugge

Chris Hedges: La PEN America si autodistrugge

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Chris Hedges* - Scheerpost

Nel maggio 2013 mi sono dimesso dal PEN America per la nomina dell'ex funzionario del Dipartimento di Stato Suzanne Nossel. Un decennio dopo, il PEN America è diventato un braccio di propaganda dello Stato.

PEN America, un tempo importante sostenitore dei diritti di scrittori, editori e artisti, sotto la direzione dell'ex funzionario del Dipartimento di Stato Suzanne Nossel, ha abbandonato la sua missione, distrutto la sua credibilità e provocato una rivolta tra i suoi membri.

Il suo rifiuto di condannare il genocidio a Gaza e le uccisioni mirate di scrittori, accademici e giornalisti da parte di Israele ha visto numerosi scrittori ritirarsi dall'annuale PEN World Voices Festival di New York e Los Angeles, in programma ad aprile e maggio. Il PEN America non solo non ha denunciato il genocidio, ma fornisce piattaforme agli israeliani che usano un linguaggio razzista e disumanizzante per descrivere i palestinesi. Mette sulla lista nera coloro che sostengono il movimento Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni. Il PEN America funge da braccio di propaganda per l'amministrazione Biden e il governo ucraino - compreso il divieto di partecipazione di scrittori russi a un evento del PEN lo scorso maggio. Ha ripetuto false accuse contro Julian Assange e ha rifiutato di considerarlo un giornalista.  

PEN America promuove l'agit-prop. È la nostra versione dell'Unione degli Scrittori Sovietici. Le violazioni dei diritti umani da parte dei nostri nemici sono crimini efferati e le nostre, e quelle dei nostri alleati, vengono ignorate o sbianchettate. Scrittori ed editori, come Assange, che denunciano le menzogne e i crimini dello Stato, vengono screditati, mentre i propagandisti dell'imperialismo statunitense e dello Stato di apartheid di Israele - che pure compie genocidi - vengono esaltati.

Angela Flournoy e Kathleen Alcott hanno annullato la loro partecipazione all'evento "New Year, New Books" del PEN a gennaio a causa dell'invito del PEN a Mayim Bialik, che Flournoy ha spiegato essere impegnata in una "disumanizzante propaganda anti-palestinese e nel radunare i suoi cinque milioni di seguaci alla causa dell'esercito israeliano".

All'evento di Bialik a Los Angeles, a febbraio, la scrittrice palestinese-americana Randa Jarrar è stata allontanata con la forza dalla sala per aver protestato. 

Alcott ha scritto in un'e-mail a PEN America "...se mi sforzo di trovare due menzioni [sul feed twitter di PEN America] della parola Palestina, una in riferimento a un op-ed di Newsweek che incoraggia una neutralità veramente impotente e anti-storica (così come, probabilmente, una certa islamofobia interiorizzata)". 
Più di 600 scrittori, tra cui Roxane Gay e Nana Kwame Adjei-Brenyah, hanno firmato una lettera aperta il mese scorso, chiedendo che "il PEN... prenda una posizione reale contro un genocidio reale".

Il PEN America è un burattino degli Stati Uniti e di Israele. Nossel ha accettato finanziamenti dal governo israeliano - che abitualmente censura e incarcera giornalisti e scrittori palestinesi in Israele e nella Cisgiordania occupata e assassina loro e le loro famiglie a Gaza - per il festival annuale World Voices del gruppo letterario a New York. 
Questi finanziamenti sono cessati solo nel 2017, quando più di 250 scrittori, poeti ed editori hanno chiesto di porre fine alla partnership dell'organizzazione con il governo israeliano. Tra i firmatari figurano Wallace Shawn, Alice Walker, Eileen Myles, Louise Erdrich, Russell Banks, Cornel West, Junot Díaz e Viet Thanh Nguyen. 

PEN America, come altre organizzazioni per i diritti umani, è stata dirottata da personaggi come Nossel e dai loro finanziatori, rinunciando alla propria indipendenza e integrità. 
I tiepidi tentativi dell'organizzazione di fronteggiare la rivolta - ha emesso una risposta piena di banalità, come esprimere "il nostro dolore e la nostra angoscia per le sofferenze patite da così tanti civili palestinesi a Gaza" - sono un'ulteriore prova della sua vacuità morale.
Nossel ripete le calunnie usate per screditare Assange, l'editore di WikiLeaks che rischia l'estradizione negli Stati Uniti per scontare potenzialmente una condanna a 175 anni in base alla legge sullo spionaggio. 
"Il fatto che Assange sia un giornalista o che WikiLeaks si qualifichi come un organo di stampa è irrilevante per i capi d'accusa qui esposti", ha dichiarato Nossel.

Nossel, avvocato, ha fatto parte della task force del Dipartimento di Stato creata per affrontare le pubblicazioni di WikiLeaks. Sa bene che la questione se Assange sia o meno un giornalista non è irrilevante. È cruciale. Lo sforzo degli Stati Uniti per estradare Assange si basa sul fatto di negargli lo status di editore o giornalista e di negare a WikiLeaks lo status di testata giornalistica. Se Assange viene estradato e dichiarato colpevole, il precedente criminalizzerà qualsiasi giornalista che possieda o pubblichi materiale classificato.  

Nossel ripete le accuse del governo statunitense contro Assange, tra cui quella di aver messo in pericolo vite umane non redigendo i documenti, di aver violato un computer del governo e di essersi intromesso nelle elezioni del 2016 - accuse che sono false. PEN America, sotto la sua direzione, ha inviato notizie con titoli come: "Rapporti di sicurezza rivelano come Assange abbia trasformato un'ambasciata in un posto di comando per l'ingerenza nelle elezioni". 

Il PEN America, dopo forti pressioni, ha infine dichiarato che Assange non dovrebbe essere estradato. La richiesta di estradizione si è rivelata difficile dopo che il New York Times, il Washington Post, il Guardian, Le Monde, Der Spiegel e El País hanno pubblicato una dichiarazione congiunta in cui si chiedeva di far cadere le accuse contro Assange. Anche i centri PEN di tutto il mondo hanno denunciato il procedimento di estradizione. Nossel, tuttavia, ha fatto a lungo parte del linciaggio di Assange. 

Nel maggio 2019 la Nossel ha dichiarato al Brian Lehrer Show della WNYC che Assange è andato "al di là di quello che farebbe un'agenzia di stampa tradizionale". Ha definito le pubblicazioni di WikiLeaks "massicce e spropositate" e ha incolpato Assange di non aver redatto i nomi.

Assange, infatti, ha contattato il Dipartimento di Stato per avvertirlo che i cablogrammi completi e non redatti stavano per essere pubblicati da una terza parte, ha esortato il Dipartimento di Stato a prendere provvedimenti e si è offerto di assisterlo in tal senso. Alla fine è stato il governo degli Stati Uniti a decidere di non fare nulla.

PEN America era un tempo gestita da scrittori che si dedicavano alla difesa dei perseguitati in tutto il mondo, indipendentemente dal governo che li perseguitava. Ho conosciuto alcuni di questi scrittori, tra cui Susan Sontag, Norman Mailer e Russell Banks. Erano feroci critici del militarismo statunitense, paladini della libertà di espressione e accesi sostenitori dei perseguitati e degli oppressi.

Nossel non rappresenta nessuno di questi ideali. È un'ex avvocato d'impresa, elencata come "collaboratrice" della Federalist Society, che ha lavorato per McKinsey & Company e come vicepresidente dello sviluppo commerciale degli Stati Uniti per Bertelsmann. Il suo disastroso mandato di un anno come direttore esecutivo di Amnesty International l'ha vista trasformare l'organizzazione per i diritti umani in una cheerleader delle guerre statunitensi in Iraq e Afghanistan. Nel maggio 2012, quando la NATO ha tenuto il suo "vertice" a Chicago, ha sponsorizzato un "vertice ombra" e ha disseminato la città di cartelloni alle fermate degli autobus con la scritta "NATO, Keep the Progress Going. Diritti umani per donne e ragazze in Afghanistan". A quanto pare è stato troppo, anche per Amnesty International, e si dice che sia stata cacciata. 

Al PEN America, tuttavia, la Nossel è riuscita a svuotare l'organizzazione e a farsi incoronare con il ridicolo titolo di CEO del PEN America, emblematico del corporativismo senz'anima che incarna. 

Un articolo di Nossel su Foreign Affairs del 2004, intitolato "Smart Power: Reclaiming Liberal Internationalism" chiede un "internazionalismo liberale" e una "leadership assertiva" da parte degli Stati Uniti che sia "diplomatica, economica e, non da ultimo, militare [corsivo mio] - per portare avanti un'ampia gamma di obiettivi: autodeterminazione, diritti umani, libero commercio, Stato di diritto, sviluppo economico, quarantena ed eliminazione di dittatori e armi di distruzione di massa".

Per protestare contro la nomina di Nossel, mi sono ritirato da un intervento programmato al World Voices Festival 2013 di New York e mi sono dimesso da PEN America, che nello stesso anno mi aveva conferito il First Amendment Award. Il PEN Canada mi ha offerto l'adesione, che ho accettato. Nella mia lettera di dimissioni ho scritto:

La sofferenza dei palestinesi sotto l'occupazione israeliana e la condizione di coloro che sono coinvolti nelle nostre guerre imperiali in Paesi come l'Iraq non sono astrazioni per me. L'incessante difesa della guerra preventiva - che secondo il diritto internazionale è illegale - da parte della Nossel in qualità di funzionario del Dipartimento di Stato, insieme al suo insensibile disprezzo per i maltrattamenti israeliani ai danni dei palestinesi e al suo rifiuto, in qualità di funzionario governativo, di denunciare l'uso della tortura e delle esecuzioni extragiudiziali, la rendono assolutamente inadatta a guidare qualsiasi organizzazione per i diritti umani.

L'attuale lettera, ora firmata da più di 1.300 scrittori, sottolinea che "i poeti, gli studiosi, i romanzieri, i giornalisti e i saggisti palestinesi hanno rischiato tutto, comprese le loro vite e quelle delle loro famiglie, per condividere le loro parole con il mondo. Eppure il PEN America non sembra disposto a schierarsi con loro con fermezza contro i poteri che li hanno oppressi ed espropriati negli ultimi 75 anni".

Gli scrittori ritengono che "il PEN America abbia tradito l'impegno professato dall'organizzazione per la pace e l'uguaglianza per tutti, e per la libertà e la sicurezza degli scrittori di tutto il mondo". 

Il PEN America si rifiuta di chiedere un cessate il fuoco immediato e incondizionato. 

"Questo fallimento è particolarmente eclatante alla luce dello straordinario tributo che questa catastrofe ha avuto nella sfera culturale", spiegano gli scrittori. "Israele ha ucciso e talvolta deliberatamente preso di mira e assassinato giornalisti, poeti, romanzieri e scrittori di ogni genere. Ha distrutto quasi tutte le forme di infrastrutture culturali che sostengono la pratica della letteratura, dell'arte, dello scambio intellettuale e della libertà di parola, bombardando e demolendo università, centri culturali, musei, biblioteche e tipografie. Interrompendo l'accesso alla comunicazione digitale, Israele ha anche impedito ai palestinesi di condividere ciò che hanno visto e vissuto e di raccontare la verità su ciò che sta accadendo loro. Tutti coloro che usano il potere della penna e della libertà di parola per fare appello alla coscienza del mondo sono a rischio".

Israele, si legge nella lettera, "ha ucciso quasi un centinaio di giornalisti e operatori dei media, un numero superiore a quello della guerra in Afghanistan durata due decenni e a quello dell'anno più letale della guerra in Iraq. Israele ha anche ucciso quasi cento accademici e scrittori".

Il PEN America "ha impiegato quattro mesi e mezzo per pronunciare la parola 'cessate il fuoco', e solo con una vaga 'speranza' per un 'accordo reciproco', piuttosto che con un chiaro appello". 

Altrettanto preoccupante è la storia di PEN America che condanna gli autori che scelgono di onorare l'appello palestinese per un boicottaggio culturale e accademico delle istituzioni israeliane complici della loro oppressione, accusandoli di impedire "il libero flusso di idee"", continua la lettera. "Ci sembra che ciò violi diversi principi alla base della missione del PEN. Per cominciare, l'idea che il BDS, che non boicotta singoli scrittori o studiosi, possa ostacolare il "libero flusso di idee" in Israele-Palestina presuppone che tale flusso esista. In realtà, si tratta di una crudele fantasia finché i palestinesi vivranno sotto un regime basato sulla segregazione razziale e sull'attuazione di gerarchie etniche, sull'assedio e sulle punizioni collettive, le stesse condizioni che il BDS cerca di porre fine".

La messa al bando degli scrittori che sostengono il BDS "contribuisce a creare un ambiente neo-maccartista in Nord America e in Europa, in cui il crescente sostegno al BDS è sempre più criminalizzato". L'opposizione al BDS, sottolinea la lettera, "trascura la lunga e orgogliosa storia del boicottaggio come strumento efficace e non violento di liberazione collettiva. Proprio come il boicottaggio è stato uno strumento principale utilizzato per porre fine con successo all'apartheid politico in Sudafrica, così si dovrebbe accettare che alcuni siano liberi di adottarlo come strumento vitale nel movimento di resistenza nonviolenta contro l'impunità di Israele oggi".

Gli scrittori hanno risposto alle dichiarazioni del PEN America, pubblicate di recente, che esprimono preoccupazione per vari avvenimenti a Gaza, domandandosi: "Dove sono le azioni che derivano da queste preoccupazioni dichiarate?". 

Notano che "il PEN America non ha lanciato alcun sostegno coordinato sostanziale o pubblicato alcun rapporto che evidenzi l'entità e la portata degli attacchi contro gli scrittori a Gaza, o contro la parola e la cultura palestinese più in generale. Il PEN America ha fatto ben poco per mobilitare o ispirare i suoi numerosi membri - a differenza delle recenti campagne del PEN America che si oppongono alla guerra in Ucraina e al suo impatto sulla cultura, o al 'Giorno dei Morti' del PEN International che onora i giornalisti uccisi in America Latina".

Gli scrittori si dicono inoltre "costernati per il fatto che non ci siano state scuse alla scrittrice palestinese Randa Jarrar per l'atto scioccante di allontanarla da un evento in cui era presente un attore hollywoodiano anti-palestinese e a favore della guerra, mentre Jarrar leggeva i nomi degli scrittori palestinesi uccisi".

Gli scrittori palestinesi, si legge nella lettera, "si sono trovati nell'insultante posizione di dover combattere contro PEN America per chiedere a gran voce che le bombe finanziate dagli Stati Uniti smettano di cadere. Sono stati costretti a sottolineare, più e più volte, che se l'attuale attacco fosse stato diretto contro qualsiasi altro popolo, ci sarebbero state chiare condanne dei crimini, così come il sostegno a tutte le forme di resistenza nonviolenta contro l'oppressione, oltre a eventi incentrati sugli artisti che sono i più vulnerabili al mondo".

Il PEN America può continuare a esistere, anzi il suo ossequio al potere governativo e aziendale probabilmente ne garantirà il finanziamento, ma è un marchio vuoto usato per giustificare i crimini e le bugie del governo statunitense e di Israele. 

I migliori scrittori dell'Unione Sovietica rifiutarono di aderire all'Unione degli Scrittori Sovietici o furono espulsi. Quelli rimasti erano propagandisti, scrittori di terza categoria e carrieristi. Il PEN America sta rapidamente diventando il suo duplicato.  

Traduzione de l'AntiDiplomatico

*Giornalista vincitore del Premio Pulitzer che è stato corrispondente estero per quindici anni per il New York Times, dove ha ricoperto il ruolo di capo dell'ufficio per il Medio Oriente e capo dell'ufficio per i Balcani per il giornale. In precedenza ha lavorato all'estero per The Dallas Morning News,  The Christian Science Monitor e NPR. È il conduttore del  The Chris Hedges Report. È stato membro del team che ha vinto nel 2002 il Premio Pulitzer per i resoconti esplicativi per la copertura del terrorismo globale del New York Times e nel 2002 ha ricevuto l'Amnesty International Global Award per il giornalismo sui diritti umani. Hedges, che ha conseguito un Master in Divinity presso la Harvard Divinity School, è l'autore dei bestseller American Fascists: The Christian Right and the War on America , Empire of Illusion: The End of Literacy and the Triumph of Spectacle ed è stato un National Book Critics. Finalista del Circle per il suo libro La guerra è una forza che ci dà significato. Tiene una rubrica online per il sito ScheerPost. Ha insegnato alla Columbia University, alla New York University, alla Princeton University e all'Università di Toronto.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti