Cina e Russia hanno realizzato un pattugliamento congiunto nella regione Asia-Pacifico

Cina e Russia hanno realizzato un pattugliamento congiunto nella regione Asia-Pacifico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le Forze aerospaziali russe e l'Aviazione dell'Esercito Popolare di Liberazione cinese hanno condotto un pattugliamento aereo congiunto sulle acque del Mar del Giappone e del Mar Cinese Orientale, secondo quanto reso noto dal Ministero della Difesa russo.

Il pattugliamento è stato effettuato dalle portamissili strategiche russe Tu-95MS e dai bombardieri strategici cinesi Hong-6K.

"Lungo l'intera rotta del pattugliamento congiunto, i Su-35 delle Forze aerospaziali russe e i Su-30/Jian 11B delle Forze aeree cinesi hanno fornito una copertura aerea di combattimento", ha dichiarato il ministero, aggiungendo che, durante alcune fasi del pattugliamento, le portamissili strategiche sono state accompagnate da caccia stranieri.

"L'evento è stato condotto nell'ambito dell'attuazione delle disposizioni del piano di cooperazione militare 2023 e non è diretto contro Paesi terzi", si legge nel rapporto. Al termine del pattugliamento, tutti gli aerei coinvolti sono tornati ai loro campi d'aviazione.

Tutte le azioni sono state strettamente conformi alle disposizioni del diritto internazionale e non è stata commessa alcuna violazione dello spazio aereo di Paesi terzi informano i due paesi.

La crescita della cooperazione militare tra Russia e Cina rappresenta uno sviluppo significativo nella politica internazionale. Entrambi i paesi, con le loro ideologie politiche e interessi strategici condivisi, hanno lavorato insieme per migliorare le capacità militari e rafforzare i legami bilaterali di difesa. Questa partnership ha visto un aumento delle esercitazioni militari congiunte, della vendita di armi e della condivisione di informazioni tra le due potenze.

Uno dei principali fattori che guidano questa cooperazione è la percezione condivisa delle minacce e delle sfide comuni. Sia la Russia che la Cina hanno espresso preoccupazione per la crescente presenza militare degli Stati Uniti nella regione Asia-Pacifico e la denunciano come una minaccia alla loro sicurezza nazionale. Collaborando, possono affrontare queste preoccupazioni e controbilanciare l’influenza statunitense nella regione. 

Inoltre, la partnership militare Russia-Cina è vista come una risposta al cambiamento geopolitico in corso nelle dinamiche di potere globale.

La cooperazione militare tra Russia e Cina è una mossa strategica guidata dalle preoccupazioni condivise in materia di sicurezza e dal desiderio di controbilanciare l’influenza occidentale. Questa partnership non solo rafforza le rispettive capacità militari, ma consente anche loro di plasmare un panorama politico globale sempre più multipolare. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti