Cina, 'riappare' la tennista Peng Shuai

Cina, 'riappare' la tennista Peng Shuai

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La stampa, forse un po' troppo frettolosamente, dopo la cancellazione del suo ultimo post e la sospensione della pubblicazione di contenuti social aveva associato (o nel migliore dei casi, lasciato presagire) alla sua sparizione fisica, ovviamente senza che nessun testata giornalistica si fosse presa la briga di fare delle verifiche sul campo sulla sua reale scomparsa.

D'altronde ormai è una prassi ormai consolidata, questa, quando si parla di Cina con buona pace della corretta informazione.

Precedentemente la celebre tennista Peng Shuai,  aveva mosso una grave accusa dai social contro l'ex vice premier Zhang Ghaoli, ora in pensione: in un post apparso sull'account Weibo, il 2 novembre, aveva affermato che anni addietro l'avesse costretta a fare sesso con lui. Il post continuava dicendo che aveva avuto in seguito, una lunga relazione on-off con il funzionario cinese. 

Sui social, intanto era già era partita la campagna con l'hashtag #WhereIsPengShuai cercando di coinvolgere media e  personaggi in vista di tutto il mondo per chiedere al governo cinese  di fare chiarezza sulla sua sorte.
   

?Dopo 17 giorni di assenza, forse la svolta:  dalla sezione 'Moments' di Wechat, Peng avrebbe infatti pubblicato tre foto, condivise poi da una sua amica.
Sabato 20 novembre, poi il tweet del direttore del Global Times, Hu Xijin: "Oggi ho avuto conferma tramite le mie stesse fonti che queste foto riflettono effettivamente lo stato attuale di Peng Shuai. Nei giorni scorsi è rimasta a casa sua liberamente e non voleva essere disturbata. Si presenterà in pubblico e presto parteciperà ad alcune attività".

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO