Cina, Russia, India invitano a sottrarsi alla “trappola della democrazia” statunitense

Cina, Russia, India invitano a sottrarsi alla “trappola della democrazia” statunitense

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il nuovo schema statunitense diretto principalmente contro Cina e Russia prevede la divisione del mondo in quelle che nell’ottica distorta di Washington vengono definite come ‘democrazie’, contro presunte autocrazie guidate - ça va sans dire - da Cina e Russia. 

Il ministro degli Estri cinese Wang Yi a tal proposito ha dichiarato che il "Summit for Democracy" organizzato dagli Stati Uniti trarrà linee basate sugli standard di un paese e creerà divisione e confronto, che non porteranno nulla di positivo per la comunità internazionale. 

Gli Stati Uniti si considerano infatti come il leader mondiale, chiedendo ad altri paesi di seguire il suo esempio, nonostante abbiano reiteratamente violato il processo di democratizzazione delle relazioni internazionali. 

Secondo il ministro degli Esteri di Pechino la pratica democratica varia in base alle diverse condizioni nazionali e non può essere un modello o uno standard applicabile in ogni paese. 

In occasione della 18a riunione dei ministri degli Esteri di Cina, Russia e India, avvenuta tramite collegamento video, il diplomatico cinese ha spiegato che Cina, Russia e India hanno intrapreso percorsi di sviluppo adeguati alle proprie condizioni nazionali e hanno la responsabilità di favorire una corretta visione della democrazia. Quindi devono sottrarsi alla "trappola della democrazia" di alcuni paesi e opporsi all'ingerenza negli affari interni di altri paesi sotto con il pretesto della democrazia. 

Wang ha affermato che la Cina è pronta a lavorare con India e Russia per inviare un segnale positivo al mondo nella pratica del vero multilateralismo, potenziando il processo di democratizzazione delle relazioni internazionali. La Cina, inoltre, si è detta pronta ad affrontare il Covid-19 insieme a Russia e India. 

Il diplomatico cinese ha poi avanzato cinque proposte per rafforzare ulteriormente la cooperazione trilaterale, compresa la pratica del vero multilateralismo per opporsi al tentativo di una nuova guerra fredda e del gioco a somma zero, rispettare i diritti legittimi dei paesi e i loro diritti nella scelta dei propri percorsi di sviluppo e affrontare insieme questioni scottanti attraverso il dialogo.

Sia il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov che il ministro degli Esteri indiano Subrahmanyam Jaishankar hanno affermato che i tre paesi dovrebbero sostenere fermamente la centralità delle Nazioni Unite e sostenere un vero ed efficace multilateralismo. 

Lavrov ha sottolineato che la cosiddetta regione indo-pacifica libera e aperta, idea geopolitica di concezione nippo-statunitense, non aveva nelle sue intenzioni la creazione di una partnership alla pari. Aggiungendo che la formazione di cricche è una tipica mentalità da guerra fredda volta a distruggere l'equilibrio strategico regionale. A simili concezioni - ha concluso Lavrov - Cina, Russia e India dovrebbero opporsi congiuntamente. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti